Neurologia e Psichiatria

Emicrania, rimegepant sicuro e ben tollerato sia in prevenzione che nel trattamento acuto

Rimegepant, antagonista orale del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP) per la prevenzione e il trattamento acuto dell'emicrania, si Ŕ dimostrato sicuro e ben tollerato quando usato a giorni alterni pi¨ in caso di necessitÓ per un massimo di 1 anno. ╚ quanto ha dimostrato uno studio di estensione in aperto presentato alla riunione annuale dell'American Headache Society.

Rimegepant, antagonista orale del recettore del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP) per la prevenzione e il trattamento acuto dell'emicrania, si è dimostrato sicuro e ben tollerato quando usato a giorni alterni più in caso di necessità per un massimo di 1 anno. È quanto ha dimostrato uno studio di estensione in aperto presentato alla riunione annuale dell'American Headache Society.

La maggior parte dei partecipanti (81,4%) ha assunto 16 o meno compresse al mese e non sono emersi problemi di sicurezza epatica, ha riferito Richard Lipton, dell'Albert Einstein College of Medicine nel Bronx, New York, nel corso della sua relazione.

«Questo è il primo e unico studio clinico che ha valutato un singolo farmaco mirato al CGRP somministrato sia come trattamento preventivo per l'emicrania che come trattamento acuto per l'emicrania» ha sottolineato Lipton.

Studio di estensione in aperto di 1 anno
Nel 2021, rimegepant è diventato il primo farmaco approvato sia per il trattamento dell'emicrania acuta che per la prevenzione dell’emicrania. Come altri farmaci gepanti, rimegepant può parzialmente passare la barriera emato-encefalica per fermare un’emicrania in corso. Gli studi clinici di un precedente gepante, telcagepant, sono stati interrotti a causa di problemi di tossicità epatica.

Nell'emicrania acuta, la sicurezza e la tollerabilità di rimegepant sono state stabilite in tre studi di fase III e in uno studio di sicurezza in aperto di 1 anno. Nella prevenzione dell'emicrania, l'efficacia e la sicurezza sono state stabilite in uno studio randomizzato di fase II/III di 12 settimane controllato con placebo.

Per la nuova analisi, Lipton e colleghi hanno valutato i partecipanti in un'estensione in aperto di 1 anno dello studio di prevenzione dell'emicrania di fase II/III per valutare la sicurezza e la tollerabilità di rimegepant 75 mg dosato a giorni alterni per la prevenzione dell'emicrania e in caso di necessità per il trattamento acuto in giorni di dosaggio non programmati per 52 settimane.

Erano eleggibili allo studio soggetti adulti di età pari o superiore a 18 anni con una storia da quattro a 18 attacchi di emicrania mensili da moderati a gravi. Nei giorni di dosaggio non programmati, i partecipanti potevano assumere rimegepant 75 mg fino a una volta al giorno secondo necessità per il trattamento dell'emicrania acuta. Le valutazioni della sicurezza includevano eventi avversi e valutazioni di test clinici di laboratorio, compresi i test di funzionalità epatica.

Somministrazione a giorni alterni più dosaggio in caso di necessità
I pazienti hanno registrato l'uso di rimegepant e l'insorgenza e la gravità degli attacchi di emicrania in un diario elettronico. Le visite di persona sono state effettuate alle settimane 2, 4 e successivamente ogni 4 settimane fino alla settimana 52 della fase di estensione in aperto.

Delle 741 persone trattate nello studio di fase II/III, 603 (302 nel gruppo rimegepant e 301 nel gruppo placebo) sono state incluse nell'estensione in aperto. La popolazione in aperto aveva un'età media di 42,6 anni e una storia media di 7,9 attacchi mensili. L'82,3% erano donne. Gli eventi avversi più comuni durante il trattamento sono stati infezione del tratto respiratorio superiore (7,1%), rinofaringite (6,3%) e mal di schiena (4,3%).

Il tasso di interruzione a causa di eventi avversi è stato del 2,8%. «Ciò includeva quattro interruzioni legate al COVID» ha detto Lipton. «Nel complesso, i tassi di perdita al follow-up, non compliance e interruzione erano molto bassi, solo 0,5%».

Sebbene si siano verificati eventi avversi gravi nel 2,2% dei partecipanti, nessuno è stato considerato correlato a rimegepant. Anche due decessi - uno dovuto a dissezione aortica correlata a sindrome di Marfan e uno a causa di sepsi - non sono stati considerati correlati a rimegepant.

Sono state osservate aminotransferasi a tre o più volte il limite superiore della norma nel 3,4% dei partecipanti, nessuno dei quali ha avuto aumenti concomitanti della bilirubina superiori a due volte il limite superiore della norma.

La somministrazione a giorni alterni più il dosaggio in caso di necessità è stato associata a una riduzione costante dei giorni mensili di emicrania durante lo studio. «Si è avuto un calo piuttosto sorprendente nel corso di 52 settimane» ha osservato Lipton.

«Per i pazienti erano disponibili trenta compresse al mese» ha aggiunto. «Gli stessi pazienti hanno assunto una media di sole 14,6 compresse per un periodo di 4 settimane, dimostrando che la necessità di un dosaggio aggiuntivo per necessità era modesta».

Fonte:
Lipton RB, et al. Safety and tolerability of rimegepant every other day for preventive treatment of migraine plus as-needed for acute treatment of migraine: Results from a 52-week, open-label extension phase. AHS Annual Meeting 2022.