Esposizione agli antiepilettici in gravidanza collegato a carenze linguistiche nell’infanzia. Acido folico riduce il rischio

I figli di madri con epilessia che sono state trattate con farmaci antiepilettici durante la gravidanza mostrano un significativo aumento del rischio di ritardi del linguaggio fino all'etÓ di 8 anni. Lo hanno riferito alcuni ricercatori al 5░ Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN).

I figli di madri con epilessia che sono state trattate con farmaci antiepilettici durante la gravidanza mostrano un significativo aumento del rischio di ritardi del linguaggio fino all'età di 8 anni. Lo hanno riferito alcuni ricercatori al 5° Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN).
Tuttavia, secondo Elisabeth Nilsen Husebye, Università di Bergen, Bergen, Norvegia, l'uso di acido folico prima del concepimento riduce il rischio
"L'esposizione fetale a farmaci antiepilettici è associata a un aumento del rischio di disturbi del linguaggio nei figli di madri con epilessia, soprattutto dopo l'esposizione a carbamazepina e valproato", ha detto. "Questi risultati non erano stati riportati in precedenza".
Lo studio, durato dal 1999 al 2008, ha coinvolto i figli di madri con e senza epilessia che sono stati iscritti allo studio norvegese Mother and Child Cohort studio, tra cui 346 che sono stati esposti in utero a farmaci antiepilettici e 388 che non sono stati esposti. Nell'utero l'esposizione si basava su campioni di sangue materno prelevati tra la 17a e la 19a settimana di gestazione e prelevati dal cordone ombelicale subito dopo la nascita.
I bambini sono stati confrontati con una coorte di 113.674 figli di madri che non avevano l'epilessia.
Nel confrontare i gruppi, strumenti di screening del linguaggio convalidati hanno mostrato che i bambini esposti a farmaci antiepilettici avevano un aumento del rischio relativo (OR) per avere ritardi linguistici a 5 anni (OR = 1,6; P = 0,03) e a 8 anni (OR = 2,0; P< 0,001), rispetto ai figli di madri senza epilessia.
I bambini che sono stati esposti alla monoterapia con carbamazepina hanno mostrato un rischio significativamente maggiore di ritardo del linguaggio rispetto ai bambini di controllo all'età di 8 anni, e un aumento delle concentrazioni plasmatiche materne di valproato correlate a ritardi del linguaggio all'età di 5 anni.
"Non solo il valproato, ma anche l'esposizione alla carbamazepina è associata a disturbi del linguaggio", ha detto il Dr. Husebye. "I medici dovrebbero essere consapevoli della potenziale compromissione del linguaggio dopo l'esposizione al farmaco antiepilettico in utero con una valutazione precisa e interventi appropriati".
Il rischio di un ritardo nel linguaggio causato dal farmaco antiepilettico è stato ridotto tra i figli di madri che nel periodo periconcezionale assumevano un integratore di acido folico.
I risultati sottolineano ulteriormente che "l'assunzione di integratori di acido folico nel periodo periconcezionale, prima del concepimento e all'inizio della gravidanza, è particolarmente importante per le donne con epilessia", ha detto il dottor Husebye.

Language Delay in Children of Mothers With Epilepsy Is Associated With the Use of Antiepileptic Drugs – the Norwegian Mother and Child Cohort Study. Abstract 04103