Ictus ischemico, possibili benefici da infusione precoce di cellule mononucleate del midollo osseo

L'infusione precoce di cellule del midollo osseo potrebbe aiutare i pazienti a riprendersi da un ictus ischemico acuto, come dimostrato da uno studio di fase I a braccio singolo, i cui risultati sono stati pubblicati online su "Stem Cells". 

L'infusione precoce di cellule del midollo osseo potrebbe aiutare i pazienti a riprendersi da un ictus ischemico acuto, come dimostrato da uno studio di fase I a braccio singolo, i cui risultati sono stati pubblicati online su “Stem Cells”.

A differenza delle cellule staminali mesenchimali autologhe, le cellule mononucleate (MNC) non richiedono il passaggio in coltura, il che consente di effettuare test nella finestra terapeutica post-ictale in fase precoce.

Le MNC del midollo osseo sono interessanti negli studi di medicina rigenerativa perché possono essere rapidamente isolate, sono arricchite con cellule progenitrici ematopoietiche, mesenchimali ed endoteliali, e consentire applicazioni autologhe.

«Il potenziale rigenerativo delle MNC derivate dal midollo osseo è attribuito a vari meccanismi che influiscono sul recupero dell'ictus» scrivono i ricercatori guidati da Sean I. Savitz, direttore dell'Institute for Stroke and Cerebrovascular Disease presso UTHealth, Houston.

«Queste cellule migrano verso il sito della lesione, rilasciano citochine e altri fattori trofici, diminuiscono le vie proinfiammatorie e sovraregolano quelle antinfiammatorie. Inoltre, migliorano l'angiogenesi, la neurogenesi e la sinaptogenesi».

Per lo studio, Savitz e colleghi hanno reclutato 25 pazienti per ricevere una dose IV delle proprie cellule mononucleate del midollo osseo entro 72 ore dall'insorgenza dell'ictus, un periodo di tempo supportato da precedenti studi preclinici.

Hanno seguito i pazienti per 1 anno e confrontato i risultati con un gruppo di controllo di 185 pazienti sottoposti a trattamento post-ictale convenzionale. Gli esiti primari erano eventi avversi gravi correlati allo studio e la percentuale di pazienti che completava con successo l'intervento dello studio.

I ricercatori hanno riportato i risultati di 25 pazienti che hanno ricevuto MNC del midollo osseo. L'età media dei pazienti nei gruppi MNC e di controllo era di 61 e 63 anni, rispettivamente, il 53% era di sesso femminile e il 69% era bianco.

Non sono stati osservati eventi avversi correlati allo studio nel gruppo MNC, ma tre (12%) hanno avuto espansione dell'infarto tra arruolamento e raccolta e sono stati sottoposti a emicraniectomia elettiva dopo infusione cellulare.

Dati indicativi di riparazione microstrutturale
L'imaging a risonanza magnetica avanzata ha rivelato che l'anisotropia frazionaria media (FA), una misura di integrità strutturale e coerenza direzionale delle fibre assonali, all'interno del ponte ipsilesionale era diminuita tra 1 e 3 mesi dopo l'ictus «il che si traduceva in un FA relativo [rFA] paragonabile a precedenti rapporti a questo punto» scrivono gli autori.

«Tuttavia, entro 6 mesi, l'rFA medio ha iniziato ad aumentare ed entro 2 anni era significativamente più alto rispetto a 1 mese. Questa tendenza all’aumento dell'RFA può comportare un aumento della coerenza assonale e delle fibre, nonché lo spessore dei fogli di mielina, suggerendo una riparazione microstrutturale» aggiungono.

«Tuttavia, senza un gruppo comparabile di pazienti con ictus non trattati con MNC, non possiamo attribuire direttamente le modifiche della sostanza bianca al trattamento con MNC» scrivono Savitz e colleghi.

Alla luce dei risultati, i ricercatori hanno concluso che le MNC «non portano alcun danno aggiuntivo nei pazienti con ictus ischemico quando somministrate durante la fase acuta, sono tollerate dosi fino a 10 milioni di cellule per chilogrammo ed è possibile eseguire un prelievo e una reinfusione del midollo osseo di MNC per una vasta gamma di pazienti con ictus».

«Sono necessari RCT ben progettati per valutare ulteriormente la sicurezza e l'efficacia di questo nuovo approccio sperimentale per migliorare il recupero dell'ictus» precisano.

Riferimento bibliografico:
Vahidy FS, Haque ME, Rahbar MH, et al. Intravenous Bone Marrow Mononuclear Cells for Acute Ischemic Stroke: Safety, Feasibility, and Effect Size from a Phase I Clinical Trial. Stem Cells, 2019 Sep 17. doi: 10.1002/stem.3080. [Epub ahead of print]
leggi