L'aspirina attenua il rischio di ictus precoce da preeclampsia

Le donne con una storia di preeclampsia hanno un rischio significativamente aumentato per un ictus precoce, ma questo rischio č smussato nelle donne che assumono aspirina. Lo dimostra un'analisi epidemiologica dei dati provenienti da pių di 83mila donne arruolate nel California Teachers Study.

Le donne con una storia di preeclampsia hanno un rischio significativamente aumentato per un ictus precoce, ma questo rischio è smussato nelle donne che assumono aspirina. Lo dimostra  un'analisi epidemiologica dei dati provenienti da più di 83mila donne arruolate nel California Teachers Study.

Tra le 4.072 donne dello studio con una storia di preeclampsia, 3.003 non erano sotto aspirina, e durante il follow-up hanno avuto un'incidenza superiore dell'1% di ictus – ischemico, emorragico e combinato - prima di compiere 60 anni di età.

Il loro tasso di incidenza era 40% superiore a quello in circa 60mila donne senza una storia di preeclampsia che non stavano prendendo l'aspirina, una differenza statisticamente significativa anche dopo l'adeguamento per demografia, fumo, obesità, diabete e ipertensione. Lo ha dichiarato Eliza C. Miller alla conferenza internazionale Stroke Conference, un evento sponsorizzato dall'American Heart Association.

I risultati suggeriscono che è il momento di eseguire un trial di prevenzione dell'aspirina in donne ad alto rischio di ictus, come quelle con una storia di preeclampsia, ha detto Miller, neurologo vascolare alla Columbia University di New York.

I risultati di uno studio multicentrico randomizzato con più di 1.600 donne segnalate nel 2017 ha dimostrato che il trattamento con aspirina potrebbe ridurre l'incidenza di preeclampsia durante la gravidanza (N Engl J Med. 2017 Aug 17;377[7]:613-22), ma nessuno studio ha valutato l'impatto della profilassi dell'aspirina per la prevenzione dell'ictus dopo la preeclampsia.

La ricercatrice ha anche sollevato la possibilità di modificare i modelli di previsione del rischio cardiovascolare, come il Framingham Risk Score, in modo che tengano conto di una storia di preeclampsia.

La sua analisi ha utilizzato dati tratti da più di 133.000 donne iscritte a partire dal 1995 al California Teachers Study. Si è concentrata su 83.790 donne che sono entrate nello studio quando avevano meno di 60 anni, che non avevano una storia di ictus e che hanno fornito dati sulla loro storia di preeclampsia. La prevalenza di una storia di preeclampsia era del 4,9% in generale, e del 6,1% tra le donne che erano state incinte almeno una volta, un tasso di incidenza simile a quello che è stato trovato in altre grandi popolazioni di donne, ha detto Miller.

L'età media delle donne con preeclampsia era di 44 anni, e 46 anni per quelle senza preeclampsia. Le donne con una storia di preeclampsia avevano anche un più alto tasso di prevalenza di obesità, ipertensione, diabete e malattie renali croniche. Circa un quarto di tutte le donne assumeva regolarmente aspirina.

Dopo l'adeguamento dei dati per differenze demografiche e cliniche, le donne con una storia di preeclampsia hanno avuto un tasso complessivo superiore del 20% di un ictus prima di raggiungere i 60 anni di età, ma questa differenza non era significativa in un'analisi che includeva sia le donne che assumevano aspirina che quelle che non assumevano il farmaco.

Quando invece l'analisi si è concentrata solo sulle donne non su aspirina, l'aumento del tasso di ictus legato a una storia di preeclampsia è salito al 40% in più rispetto alle donne senza storia di preeclampsia, una differenza statisticamente significativa. Al contrario, tra il quarto delle donne in terapia con aspirina, i due sottogruppi - con storia di preeclampsia e senza - avevano tassi simili di ictus incidenti.

Miller E et al. International Stroke Conference 2018, A174 (Stroke. 2018 Jan;49[Suppl1]:A174).