Nei sopravvissuti all'ictus emorragico ipertensione spesso fuori controllo. Studio Usa

Neurologia

Quasi due terzi delle persone che sopravvivono a ictus emorragico continua a soffrire di pressione elevata perché non prende abbastanza farmaci per controllare l'ipertensione. E' quanto emerge da uno studio presentato questa settimana alla conferenza internazionale sull'ictus dell'American Stroke Association a Los Angeles.

Quasi due terzi delle persone che sopravvivono a ictus emorragico continua a soffrire di pressione elevata perché non prende abbastanza farmaci per controllare l’ipertensione. E’  quanto emerge da uno studio presentato questa settimana alla conferenza internazionale sull'ictus dell'American Stroke Association a Los Angeles che ha messo in luce come la maggior parte delle persone che sopravvivono a un'emorragia intracerebrale in seguito ha bisogno di tre o più farmaci per controllare l'ipertensione grave di cui soffre.

"Se non raggiungono il controllo dei valori pressori, il rischio di un ictus ricorrente è da tre a quattro volte superiore", ha detto il ricercatore Kay-Cheong Teo, del dipartimento di medicina dell'Università di Hong Kong. Il suo team comprendeva ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston.

Lo studio su 1.172 sopravvissuti all'ictus emorragico arruolati a Boston e Hong Kong ha rilevato che il 64,3% di quelli di Boston e il 32,7% di quelli di Hong Kong ha continuato a soffrire di ipertensione, sei mesi dopo l'ictus, nonostante il trattamento.

Circa un terzo dei sopravvissuti all'ictus di Boston e quasi altrettanti a Hong Kong, il 29,7%, presentava ipertensione resistente ai farmaci. Al 66,5% di quelli di Boston e al 70,3% di Hong Kong non venivano prescritti farmaci sufficienti a tenere sotto controllo la pressione sanguigna.

Le linee guida dell'American College of Cardiology and American Heart Association dicono che le persone sono considerate ipertese la loro pressione sistolica è di 130 mmHg o superiore o la loro diastolica è di 80 o superiore.

L'ipertensione incontrollata aumenta significativamente il rischio di emorragia intracerebrale, un tipo di ictus mortale che colpisce più di 40mila americani ogni anno. Il rischio è ancora più alto per gli afroamericani e gli ispanici, che hanno meno probabilità di essere trattati adeguatamente per l'ipertensione arteriosa.

Il nuovo studio ha scoperto che i sopravvissuti all'ictus hanno più probabilità di aver bisogno di tre o più farmaci per controllare la loro pressione sanguigna se erano più giovani di 65 anni, avevano la pressione sistolica sopra 190 mmHg, o avevano una precedente storia di ipertensione.

Teo ha detto che era importante che questi sopravvissuti all'ictus emorragico iniziassero a prendere più farmaci per la pressione sanguigna - necessari perché sono più efficaci in combinazione - prima di lasciare l'ospedale. Kyra J. Becker, professore di neurologia all'Università di Washington a Seattle, ha sottolineato. "Molti studi suggeriscono che i farmaci che si assumono quando si viene dimessi dall'ospedale sono quelli con cui si rimane in ospedale".

Lo studio non ha esaminato il motivo per cui le persone non sono riuscite a prendere abbastanza farmaci per la pressione sanguigna dopo un ictus. Fattori come la compliance del paziente e l'incapacità di tollerare i farmaci non sono stati esaminati, ma solo se i farmaci erano stati prescritti. Un problema che si osserva in questi casi, peraltro comune anche da questa arte dell’Oceano, è "l'inerzia terapeutica",  cioè quando gli operatori sanitari non sono abbastanza veloci o aggressivi nell'intensificare il trattamento quando gli obiettivi della pressione sanguigna non vengono raggiunti.

Becker ha detto che una volta la pratica era di iniziare con un singolo farmaco per la pressione sanguigna e aggiungere lentamente altri farmaci se uno non era sufficiente, "ma non è più così". Oggi, la ricerca e le linee guida sostengono l'inizio con più farmaci usati in combinazione in questi pazienti.

"Ci deve essere più educazione tra i fornitori di cure primarie sull'importanza del controllo della pressione sanguigna", ha detto. "Qualcuno deve davvero assumersi la responsabilità del paziente e cercare di raggiungere questi obiettivi". Una pressione sanguigna non adeguatamente controllata può anche portare a malattie renali e aumentare il rischio di demenza, ha detto Becker. "E' una brutta cosa".