Nessun declino cognitivo correlato all'uso di statine negli adulti anziani. Ampio studio australiano

Pubblicati sul "Journal of American College of Cardiology", i risultati di uno studio longitudinale su adulti anziani condotto in Australia hanno dimostrato che, nell'arco di 6 anni, le statine non sono state collegate a un maggiore declino della cognizione o della memoria.

Pubblicati sul “Journal of American College of Cardiology”, i risultati di uno studio longitudinale su adulti anziani condotto in Australia hanno dimostrato che, nell'arco di 6 anni, le statine non sono state collegate a un maggiore declino della cognizione o della memoria.

In particolare, riferiscono gli autori guidati da Katherine Samaras, del St. Vincent's Hospital di Sydney, le persone, dai 70 ai 90 anni, non hanno mostrato alcuna differenza nel tasso di declino della memoria o della cognizione globale indipendentemente dal fatto che abbiano mai fatto uso di statine. Numerosi studi longitudinali non hanno mostrato alcuna associazione avversa tra statine e cognizione, ma molti di essi presentano limitazioni, tra i quali brevi periodi di osservazione, rilevano.

I casi clinici di declino cognitivo in consumatori di statine hanno riguardato poche persone e fino alla metà dei soggetti cui è stata prescritta la terapia con statine non erano aderenti alla prescrizione in gran parte proprio a causa di questa preoccupazione, osservano Samaras e colleghi.

«Fino ad oggi abbiamo effettuato le analisi più complete sulla cognizione negli anziani utilizzatori di statine e non abbiamo trovato risultati a sostegno del fatto che questi farmaci ipocolesterolemizzanti causano danni alla memoria» proseguono. «Non c'era inoltre alcuna differenza nel cambiamento di volume nel cervello tra i due gruppi».

«Molti fattori possono contribuire ai sintomi cognitivi descritti dai casi isolati» affermano. «Ciò che è uscito da questo studio è una rassicurazione per i consumatori nel sentirsi più fiduciosi circa la loro prescrizione di statine».

Verificata l’assenza di variazioni del volume totale del cervello
Lo studio ha utilizzato i dati del Sydney Memory and Aging Study, uno studio osservazionale sugli anziani residenti in comunità che è iniziato nel 2005 per studiare nel tempo gli effetti dell'invecchiamento sulla cognizione. Il Mini Mental State Examination (MMSE) è stato utilizzato per selezionare i partecipanti ed escludere le persone con un punteggio <24.

In questa analisi, i ricercatori hanno seguito 1.037 persone con un'età media di 79 anni, di cui 395 mai-utilizzatori di statina e 642 sempre-utilizzatori (tra i quali 99 persone che hanno iniziato a usare le statine durante il periodo di studio), per seguire i cambiamenti della memoria e della cognizione globale nell'arco di 6 anni.

I dati completi erano disponibili per 573 partecipanti (55%) durante il periodo di studio. In un sottogruppo di 526 persone, i ricercatori hanno anche esaminato il volume del cervello alla risonanza magnetica. Per misurare la memoria, i ricercatori hanno sviluppato una valutazione completa che ha incorporato una serie di test per valutare il nuovo apprendimento, il richiamo a breve e lungo termine e la conservazione visiva e verbale.

Per misurare la cognizione globale, i ricercatori hanno incorporato test di memoria e valutazioni di velocità di elaborazione, linguaggio, capacità visuospaziale e funzione esecutiva. Durante il periodo di follow-up di 6 anni, psicologi e infermieri hanno condotto test neuropsicologici ogni 2 anni.

La durata media dell'uso di statine era di 9,1 anni al basale e il 68% degli utenti erano utilizzatori continui. I consumatori di statine erano leggermente più giovani, avevano un indice di massa corporea più elevato, più malattie vascolari e più fattori di rischio cardiovascolare.

Al basale, coloro che hanno sempre usato statine e quanti non le hanno mai usate hanno mostrato volumi cerebrali totali, ippocampi e paraippocampali simili. Non hanno dimostrato differenze significative alla risonanza magnetica 2 anni dopo.

Punteggi MMSE di memoria e cognizione globale simili tra utilizzatori e non utilizzatori dell'ipolipemizzante
Anche i punteggi della memoria e della cognizione globale -  al basale dopo l'aggiustamento per le covariate - erano simili tra quanti usavano sempre la statina e quelli che non ne sono mai stati utilizzatori. Non vi era alcuna differenza significativa neppure nel tasso di declino nella memoria o della cognizione globale 6 anni dopo.

Nelle 99 persone che hanno avviato il trattamento con statine durante il periodo di studio, l'inizio dell’assunzione degli ipolipemizzanti è stato associato a una riduzione del tasso di declino della memoria (B = 0,066, P = 0,038), a livello di significatività del test.

I partecipanti che assumevano continuamente statine avevano prestazioni di base significativamente più elevate in termini di memoria e cognizione globale rispetto a quanti non le hanno mai usate ma per 6 anni, il tasso di declino della memoria e della cognizione globale era simile tra gli utilizzatori continui di statine e i non-utilizzatori.

Nelle analisi esplorative, i pazienti sempre utilizzatori affetti da malattie cardiache hanno mostrato un tasso di declino più lento in un test della memoria di apprendimento rispetto ai non utilizzatori. Allo stesso modo, tutti gli utenti che portavano il genotipo APOE-4 hanno mostrato un tasso di declino più lento nelle prestazioni di richiamo a lungo ritardo (B = 0,157, P = 0,005).

I limiti dello studio rilevati in un editoriale
«Questi dati supportano l'opinione secondo cui le preoccupazioni per il deterioramento cognitivo non dovrebbero limitare l'uso di statine e aumentare la possibilità che le statine possano alterare favorevolmente le traiettorie cognitive in un gruppo di anziani ad alto rischio di malattia di Alzheimer» scrivono in un editoriale di commento Costantino Iadecola e Neal Parikh, entrambi del Weill Cornell Medicine di New York.

L'ultimo punto è di grande interesse e richiede ulteriori chiarimenti e convalide, aggiunto. Ma lo studio ha limiti significativi, osservano Iadecola e Parikh, tra cui la perdita del 45% dei partecipanti al follow-up, le dimensioni ridotte del campione soprattutto per i nuovi utenti di statine e il probabile confondimento non misurato.

Il mese scorso, il National Institute on Aging (NIA) del NIH ha annunciato di aver finanziato uno studio per esaminare i benefici e i rischi delle statine negli adulti, di età =/> 75 anni, senza malattie cardiovascolari. Lo studio pragmatico della valutazione degli eventi e dei benefici dell’uso di ipolipemizzanti negli anziani (PREVENTABILE) aiuterà a determinare se le statine possono aiutare a prevenire la demenza e la disabilità negli anziani senza aumentare altri rischi.

A.Z.

Samaras K, Makkar SR, Crawford JD, et al. Effects of Statins on Memory, Cognition, and Brain Volume in the Elderly. J Am Coll Cardiol, 2019;74(21):2554–2568. doi:10.1016/j.jacc.2019.09.041.
leggi

Iadecola C, Parikh NS. Statins and Cognitive Impairment: Not a Culprit, Protective in Some?. J Am Coll Cardiol, 2019;74(21):2569–2571. doi:10.1016/j.jacc.2019.09.040.
leggi