Risultati positivi nel trattamento acuto dell'emicrania con combinazione precostituita triptano/FANS

Neurologia

I risultati dello studio MOMENTUM di fase III, presentati al Congresso virtuale dell'American Academy of Neurology (AAN), hanno dimostrato che AXS-07, farmaco sperimentale per l'emicrania acuta, ha raggiunto entrambi i suoi endpoint co-primari in pazienti che avevano una risposta inadeguata alla terapia precedente. 

I risultati dello studio MOMENTUM di fase III, presentati al Congresso virtuale dell’American Academy of Neurology (AAN), hanno dimostrato che AXS-07, farmaco sperimentale per l'emicrania acuta, ha raggiunto entrambi i suoi endpoint co-primari in pazienti che avevano una risposta inadeguata alla terapia precedente.

Il trattamento con doppio meccanismo (una combinazione di meloxicam, farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) e rizatriptan, agonista 5-HT1B/1D - ha superato il placebo in termini di libertà dal dolore a 2 ore e la libertà a 2 ore dal sintomo più fastidioso, ha riferito Richard Lipton, del Montefiore Headache Center presso l'Albert Einstein College of Medicine di New York.

Uso associato di rizatriptan e meloxicam a maggiore solubilità e assorbimento
AXS-07 ha anche mostrato superiorità rispetto a un comparatore attivo. «C'è una base scientifica per ritenere che le associazioni triptano-FANS debbano funzionare bene in associazione per il trattamento dell'emicrania» ha aggiunto Lipton.

«I triptani sono mirati alle terminazioni nervose trigeminali per bloccare il rilascio del peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP). Questo trattamento mostra vantaggi nelle persone che non rispondono a un singolo meccanismo d’azione farmacologico» ha spiegato.

AXS-07 utilizza una tecnologia proprietaria chiamata MoSEIC  (Molecular Solubility Enhanced Inclusion Complex), sviluppata da Axsome Therapeutics. La tecnologia è progettata per aumentare la solubilità e la velocità di assorbimento di meloxicam dopo l'assunzione orale del farmaco, mantenendo la sua estesa emivita plasmatica.

I quattro bracci dello studio MOMENTUM
MOMENTUM è stato uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, a dose singola condotto su 1.594 pazienti affetti da emicrania. I partecipanti qualificati avevano una storia di risposta inadeguata ai precedenti trattamenti per l'emicrania, identificata da un punteggio pari o inferiore a 7 al “Migraine Treatment Optimization Questionnaire” (mTOQ-4). Sono stati esclusi i pazienti con storia di malattie cardiovascolari significative o ipertensione non controllata.

I ricercatori hanno randomizzato i pazienti in proporzione 2:2:2:1 a uno dei seguenti quattro gruppi: AXS-07 (20 mg MoSEIC meloxicam/10 mg rizatriptan), rizatriptan (10 mg), meloxicam MoSEIC (20 mg) o placebo. «Il disegno dello studio ci ha permesso di verificare se la combinazione fosse migliore dei suoi singoli componenti secondo una modalità richiesta dal rigore scientifico e dalle linee guida dell’FDA» ha specificato Lipton.

I pazienti di tutti e quattro i gruppi avevano un'età media di 41 anni e dall'81% all'85% erano di sesso femminile. Al basale, i partecipanti avevano un punteggio mTOQ-4 totale medio da 3,5 a 3,9, indicativo di una scarsa risposta a un trattamento precedente. In tutti i gruppi, dal 35% al 40% aveva utilizzato in precedenza i triptani.

Raggiunti entrambi gli endpoint co-primari
Una percentuale maggiore di pazienti ha raggiunto la libertà del dolore a 2 ore con AXS-07 rispetto al placebo (19,9% vs 6,7%; P<0,001, con una differenza corretta rispetto al placebo del 13%). AXS-07 ha anche mostrato superiorità sul placebo sotto il profilo della libertà dal sintomo più fastidioso (fotofobia) a 2 ore (36,9% vs 24,4%; P = 0,002, con una differenza corretta rispetto al placebo del 13%).

«La bassa risposta al placebo per la libertà dal dolore a 2 ore (6,7%) riflette la popolazione di pazienti difficili da trattare che lo studio ha cercato di arruolare» ha osservato il ricercatore. Rispetto al rizatriptan, alla meloxicam e al placebo, AXS-07 ha mostrato un maggior numero di pazienti che raggiungevano la libertà dal dolore. Un'analisi del decorso temporale ha mostrato che AXS-07 raggiungeva una rilevanza statistica rispetto a rizatriptan a 60 minuti (P = 0,04).

I farmaci di salvataggio sono stati utilizzati dal 23% dei pazienti trattati con AXS-07, dal 34,7% degli utilizzatori di rizatriptan, dal 35,1% di chi assunto il solo meloxicam MoSEIC e dal 43,5% dei pazienti del gruppo placebo (P<0,001 per ogni gruppo rispetto a AXS-07).

AXS-07 è sembrato essere ben tollerato. Gli eventi avversi di emergenti dal trattamento si sono verificati nell'11,1% dei pazienti trattati con AXS-07, per lo più nausea (2,7%), vertigini (1,6%) e sonnolenza (1,4%). Eventi avversi si sono verificati nel 15,4% del gruppo rizatriptan e nell’11,5% del gruppo meloxicam, con il sintomo della nausea riportato più frequentemente.

«Il prodotto combinato è risultato migliore sia del placebo che di rizatriptan da solo e di meloxicam da solo» ha ribadito Lipton. «Ci sono stati pochi studi di trattamento acuto per l'emicrania che hanno valutato combinazioni di farmaci da prescrizione».

Nel mese di aprile, Axsome ha annunciato che AXS-07 ha anche raggiunto i suoi endpoint co-primari nella sperimentazione di fase 3 INTERCEPT  relativa al trattamento dell'emicrania precoce. L'azienda prevede di presentare una nuova domanda di approvazione per AXS-07 alla FDA nel quarto trimestre di quest'anno.


Jones A, et al "Efficacy and Safety of AXS-07 for the Acute Treatment of Migraine: Results from the MOMENTUM (Maximizing Outcomes in Treating Acute Migraine) Phase 3 Randomized, Double-blind, Active- and Placebo-Controlled Study" AAN Science Highlights 2020, presentation 46996.