Pubblicata sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry un’analisi sullo studio di fase III ALLEGRO che dimostra che laquinimod somministrato oralmente una volta al giorno ha un impatto positivo sul danno del tessuto cerebrale, uno degli aspetti più distruttivi della Sclerosi Multipla.

 “Questo sottostudio di fase III è stato programmato per indagare la capacità di laquinimod di agire su quei meccanismi che conducono a un danno irreversibile del tessuto cerebrale” spiega il professor Massimo Filippi, Unità di ricerca di Neuroimaging, Istituto di Nerurologia Sperimentale, Divisione di Neuroscienze, Istituto Scientifico San Raffaele, Università Vita-Salute del San Raffaele. “Indica che laquinimod verosimilmente esercita un effetto positivo su numerosi parametri di neurodegenerazione della MRI che, a turno, possono spiegare la già osservata capacità del farmaco di ridurre significativamente la progressione della disabilità motoria nella Sclerosi Multipla Recidivante Remittente (SMRR).

I risultati hanno provato che, rispetto ai pazienti trattati con placebo, quelli cui è stato somministrato laquinimod hanno riportato tassi ridotti di danno al tessuto cerebrale come dimostrato da diversi marker MRI. Nello specifico, i pazienti trattati con laquinimod hanno riportato percentuali inferiori di riduzione della materia bianca (WM), della materia grigia (GM) e di atrofia talamica. Sempre rispetto ai pazienti trattati con placebo, inoltre, hanno sviluppato un numero minore di PBH (buchi neri permanenti) e hanno accumulato un danno inferiore a livello del tessuto cerebrale apparentemente normale (NABT), della WM e della GM.

Un terzo trial di fase III su laquinimod, CONCERTO, sta attualmente valutando due dosi del farmaco sperimentale (0.6mg e 1.2mg) su circa 1.800 pazienti fino a 24 metudio AllegroIl primo metodo per la misurazione degli outcome è il tempo di progressione della disabilità come rilevato dal punteggio EDSS. Lo studio, inoltre, rileverà l’impatto di laquinimod sulla base di endpoint specifici, quali la percentuale di riduzione del volume cerebrale e di altri marker clinici e di MRI relativi alla progressione della malattia.

Studio Allegro
Lo studio ALLEGRO è un trial internazionale, multicentrico, in doppio cieco, controllato verso placebo della durata di due anni, studiato per valutare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di laquinimod in pazienti affetti da Sclerosi Multipla. ALLEGRO è stato condotto in 139 Centri di 24 Nazioni, in cui sono stati arruolati 1.106 pazienti affetti da SM. I pazienti sono stati randomizzati a ricevere una dose giornaliera orale di laquinimod 0,6 mg o placebo. La prima valutazione degli outcome ha preso in considerazione il numero di ricadute confermate; la seconda valutazione ha poi preso in considerazione la progressione della disabilità e le variazioni delle lesioni MRI attive.

Nello studio, laquinimod ha dimostrato di indurre una riduzione statisticamente significativa del 23% nel numero di recidive annue (P = 0,0024), l'endpoint primario, associata a una riduzione del 36 % nel rischio di progressione della disabilità, misurata attraverso il punteggio dell’Expanded Disability Status Scale (EDSS) (p = 0,0122). Il trattamento con laquinimod è stato inoltre associato con una riduzione significativa della perdita di tessuto cerebrale, come indicato da un 32,8% di riduzione nella progressione dell’atrofia cerebrale (p < 0,0001).
In queste rilevazioni MRI, la materia bianca (WM), la materia grigia (GM) e le frazioni talamiche sono rilevate all’inizio del trial, a 12 e 24 mesi.

Sono state anche valutate l’evoluzione delle lesioni captanti gadolinio e/o nuove lesioni T2 in buchi neri permanenti (PBH); il rapporto di trasferimento di magnetizzazione (MTR) del tessuto cerebrale apparentemente normale (NABT), della WM, della GM e delle lesioni T2 come stimato dalla risonanza magnetica con trasferimento di magnetizzazione (MT); i cambi nei livelli di n–acetilaspartato/creatinina (NAA/Cr).
L’80% dei pazienti trattati con laquinimod e il 77% dei pazienti trattati con placebo hanno completato i due anni di studio. Ai pazienti che hanno completato lo studio ALLEGRO è stato offerto di partecipare a una fase di estensione –in aperto , nella quale i pazienti sono trattati con laquinimod 0,6 mg giornalmente.

Il profilo di sicurezza e tollerabilità di laquinimod osservato durante gli studi ALLEGRO e BRAVO è favorevole. La frequenza totale di eventi avversi, tra cui l'incidenza di infezioni, è risultata paragonabile a quella osservata nel gruppo trattato con placebo. Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati: cefalea, rinofaringite e mal di schiena. Nei pazienti trattati con laquinimod si è osservata una maggior incidenza dell’aumento degli enzimi epatici, tuttavia, questi aumenti sono risultati transitori, asintomatici e reversibili.

Laquinimod
Laquinimod è un immunomodulante orale, attivo sul sistema nervoso centrale (SNC) con un meccanismo d’azione innovativo ed in sviluppo poer il trattamento della Sclerosi Multipla Recidivante Remittente (SMRR). Lo sviluppo clinico per la valutazione di laquinimod  nella SM comprende due studi registrativi di fase III denominati ALLEGRO e BRAVO.
Un terzo studio di fase III su laquinimod, CONCERTO, valuterà gli effetti di due dosi del farmaco in sperimentazione (0.6mg e 1.2mg) su un campione composto da circa 1.800 pazienti per un periodo fino a 24 mesi.L’Outcome primario di valutazione sarà il tempo alla progressione di disabilità confermata attraverso l’ Expanded Disability Status Scale (EDSS).
Oltre agli studi clinici nella Sclerosi Multipla, laquinimod è attualmente oggetto di studi di fase II nel morbo di Crohn e nella nefrite lupica.