SM pediatrica, confronto di efficacia tra i pių recenti DMT e i farmaci iniettabili. #ECTRIMS2019

I pazienti con sclerosi multipla (SM) pediatrica trattati con nuovi farmaci hanno avuto meno ricadute, meno lesioni T2 nuove o allargate e un rischio inferiore di sviluppare lesioni captanti gadolinio durante il follow-up rispetto ai trattamenti iniettabili standard, secondo un ampio studio multicentrico presentato a Stoccolma durante il Congresso ECTRIMS 2019. 

I pazienti con sclerosi multipla (SM) pediatrica trattati con nuovi farmaci hanno avuto meno ricadute, meno lesioni T2 nuove o allargate e un rischio inferiore di sviluppare lesioni captanti gadolinio durante il follow-up rispetto ai trattamenti iniettabili standard, secondo un ampio studio multicentrico presentato a Stoccolma durante il Congresso ECTRIMS 2019.

I partecipanti che hanno iniziato una delle più recenti terapie modificanti la malattia (DMT), per esempio, hanno sperimentato un tasso di recidiva significativamente più basso rispetto ad altri che avevano iniziato con una terapia iniettabile, con un rapporto di tasso di 0,45 in un'analisi aggiustata per i punteggi di propensione.

«Abbiamo scoperto che il trattamento iniziale con nuovi DMT – come dimetilfumarato, fingolimod, natalizumab e rituximab - ha portato a un migliore controllo delle recidive e dell'attività della malattia RM rispetto agli iniettabili - glatiramer acetato e interferone-beta - nei bambini con SM» ha riferito l’autore principale, Kristen Krysko, del Dipartimento di Neurologia presso l'Università della California di San Francisco.

La prima terapia da somministrare, una scelta difficile
«Questo suggerisce che questi nuovi trattamenti dovrebbero essere usati precocemente in corso di malattia nella SM pediatrica» ha aggiunto «sebbene siano necessari dati di sicurezza a lungo termine per comprendere la sicurezza di questo approccio nei bambini».

La strategia convenzionale per trattare la SM in questa fascia di età è iniziare con agenti iniettabili e poi intensificare la terapia per affrontare l’evoluzione della malattia. «Altri, tuttavia, hanno promosso l'uso di una terapia altamente efficace nelle prime fasi della SM pediatrica» ha affermato Krysko.

«I dati non sono realmente disponibili riguardo alla terapia da utilizzare per prima» ha aggiunto. Tali informazioni sono fondamentali perché «la SM pediatrica ha il potenziale di dare invalidità a lungo termine» ha aggiunto.

Studio osservazionale di coorte in 12 centri USA
Per confrontare l'efficacia relativa dei diversi tipi di DMT, Krysko e colleghi hanno condotto uno studio di coorte osservazionale presso 12 centri pediatrici regionali di SM negli Stati Uniti. Hanno confrontato i risultati tra 197 partecipanti che assumevano un nuovo DMT come terapia iniziale con altri 544 che ricevevano un farmaco iniettabile.

Il tasso di recidiva era l’outcome primario. Il tasso di recidiva aggiustato per il punteggio di propensione era 0,2 nel gruppo dei più nuovi DMT rispetto a 0,5 tra i partecipanti nel gruppo iniettabili. Inoltre, il numero necessario per trattare (number needed to treat) con DMT più recenti per prevenire la ricaduta era 3,70 pazienti.

Gli outcome secondari includevano i reperti di imaging. Per esempio, lo sviluppo di lesioni iperintense T2 nuove o allargate ha favorito anche il gruppo dei DMT più recenti (hazard ratio [HR], 0,52; intervallo di confidenza al 95% [CI], 0,37 - 0,73).

Inoltre, il tempo mediano per lo sviluppo di una nuova lesione è stato di 2,79 anni nel nuovo gruppo DMT contro 0,42 anni nel gruppo iniettabile. I DMT più recenti erano anche associati a un minor rischio di sviluppare lesioni captanti gadolinio rispetto agli agenti iniettabili (HR aggiustata, 0,38; IC al 95%, 0,23 - 0,62).

Il tempo mediano per i partecipanti a sviluppare una nuova lesione captante il gadolinio non era ancora stato raggiunto nel gruppo dei nuovi DMT, ma era 2,25 anni tra i partecipanti che ricevevano un iniettabile.

«Il trattamento iniziale della SM pediatrica della sindrome clinicamente isolata con DMT più recenti ha portato a un migliore controllo dell'attività della malattia rispetto agli iniettabili» ha detto Krysko. I ricercatori hanno calcolato i punteggi di propensione usando la regressione logistica per predire l’uso di DMT più recenti, includendo fattori confondenti pre-identificati.

Tali fattori confondenti includevano genere, etnia, centro, età all'esordio e primo DMT, caratteristiche del primo evento, altezza, peso, diagnosi, numero di recidive nei 6 mesi precedenti, nuove lesioni iperintense T2 o captanti gadolinio nei 6 mesi precedenti ed EDSS basale.

I punti di forza dello studio includono un'ampia coorte di bambini, la raccolta di dati prospettici e metodi statistici "robusti", ha aggiunto Krysko. L'incapacità di separare le DMT dei singoli individui era invece una limitazione, così come la mancanza di dati relativi all’adesione alle terapie.

Riferimento bibliografico:
35th Congress of the European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) 2019: Abstract #249. Presented September 12, 2019.