Statine riducono la mortalitÓ e il rischio di ictus nei pazienti affetti da demenza

L'uso di statine Ŕ significativamente associato a una riduzione del rischio di mortalitÓ nei pazienti affetti da demenza. Lo dimostra una nuova ricerca presentata oggi al 5░ Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN).

L'uso di statine è significativamente associato a una riduzione del rischio di mortalità nei pazienti affetti da demenza. Lo dimostra una nuova ricerca presentata oggi al 5° Congresso dell'Accademia Europea di Neurologia (EAN).

Lo studio, che ha analizzato 44.920 pazienti svedesi affetti da demenza provenienti dal Registro svedese della demenza tra il 2008-2015, ha rilevato che gli utilizzatori di statine avevano un rischio di morte per tutte le cause inferiore del 22% rispetto ai non utenti.

La ricerca ha anche dimostrato che i consumatori di statine hanno una riduzione del 23% del rischio di ictus, che è tre volte più probabile in pazienti con demenza lieve e sette volte più probabile in quelli con demenza grave.

L'effetto protettivo delle statine sulla sopravvivenza era forte per i pazienti di età inferiore ai 75 anni (riduzione del 27%) e negli uomini (riduzione del 26%), ma anche le donne e i pazienti più anziani ne hanno beneficiato (riduzione rispettivamente del 17% e del 20%). Anche i pazienti con demenza vascolare - il secondo tipo di demenza più comune dopo il morbo di Alzheimer - hanno visto un rischio di mortalità inferiore del 29%.

"La sopravvivenza nelle persone affette da demenza è variabile, e studi precedenti hanno identificato molti fattori associati alla sopravvivenza e al rischio di ictus in questi pazienti", ha commentato la prima autrice Bojana Petek, dell'University Medical Center Ljubljana, Slovenia e del Karolinska Institutet, Svezia. "Tuttavia, l'effetto delle statine su questi due risultati non è chiaro. Lo scopo di questo studio era quello di analizzare l'associazione tra l'uso di statine sul rischio di morte e ictus in pazienti con diagnosi di demenza".

Commentando la loro ricerca, l'autrice principale, la dottoressa Sara Garcia-Ptacek del Karolinska Institutet, Svezia, ha dichiarato: "Questo è uno studio di coorte, il che significa che i pazienti non sono stati randomizzati a un trattamento come se fossero in uno studio clinico. Per questo motivo, possiamo solo mostrare un'associazione, e non provare definitivamente che le statine hanno causato questo declino della mortalità. Tuttavia, i nostri risultati sono incoraggianti e suggeriscono che i pazienti con demenza traggono beneficio dalle statine in misura simile rispetto ai pazienti senza demenza".

Colpendo circa 10 milioni di persone in Europa, la demenza è la principale causa di dipendenza e disabilità tra gli anziani in tutto il continente. Si prevede che il numero di casi raddoppierà entro il 2030, soprattutto a causa dell'invecchiamento della popolazione. La prevalenza della demenza aumenta in modo esponenziale con l'età, colpendo il 5% della popolazione di età superiore ai 65 anni e fino al 50% entro i 90 anni.