Vaccinarsi contro l'herpes zoster riduce anche il rischio di ictus

Neurologia

La prevenzione dell'herpes zoster (patologia popolarmente nota come "fuoco di Sant'Antonio") con vaccino vivo attenuato può ridurre il rischio di ictus successivo anche negli adulti più anziani. È quanto suggerisce il primo studio che esamina questa associazione, presentato a Los Angeles nel corso dell'International Stroke Conference (ISC) 2020.

La prevenzione dell’herpes zoster (patologia popolarmente nota come “fuoco di Sant’Antonio”) con vaccino vivo attenuato può ridurre il rischio di ictus successivo anche negli adulti più anziani. È quanto suggerisce il primo studio che esamina questa associazione, presentato a Los Angeles nel corso dell’International Stroke Conference (ISC) 2020.

La vaccinazione contro l'herpes zoster è risultata collegata a una riduzione del 20% del rischio di ictus nelle persone di età inferiore a 80 anni nel grande studio di coorte Medicare. I partecipanti più anziani hanno mostrato un rischio ridotto del 10% e sono state osservate riduzioni per eventi sia ischemici che emorragici.

«I nostri risultati potrebbero incoraggiare le persone di età pari o superiore a 50 anni a vaccinarsi contro l'herpes zoster e prevenire il rischio di ictus associato all’herpes zoster» affermano gli autori dello studio, guidati da Quanhe Yang, dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) di Atlanta. Yang e colleghi hanno valutato l'unico vaccino per herpes zoster (vivo, attenuato) disponibile al momento dello studio.

Tuttavia, i CDC ora definiscono un vaccino ricombinante non vivo adiuvato come il vaccino per herpes zoster da preferirsi per gli adulti sani di età pari o superiore a 50 anni. Quest’ultimo è stato approvato nel 2017. Il primo, approvato nel 2006, può ancora essere utilizzato in adulti sani oltre i 60 anni, afferma l’ente.

Una riduzione dell'infiammazione da vaccino zoster vivo può essere il meccanismo con cui il rischio di ictus viene ridotto, ha detto Yang all’ISC 2020. Il nuovo vaccino, di cui il CDC sottolinea l'efficacia superiore al 90%, potrebbe fornire una protezione ancora maggiore contro l'ictus, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche. Yang e colleghi, inoltre, hanno mostrato che la vaccinazione o il trattamento antivirale dopo un episodio di herpes zoster non è stato efficace nel ridurre il rischio di ictus, come precedentemente riportato.

Associazione rilevata dai CDC su dati Medicare
L'herpes zoster può presentarsi come una dolorosa riattivazione della varicella. È comune: Yang ha stimato che 1 persona su 3 che ha avuto la varicella svilupperà la condizione a un certo punto della sua vita. Inoltre, i ricercatori hanno collegato l'herpes zoster a un elevato rischio di ictus.

Per valutare l'effetto protettivo del vaccino sull'ictus, Yang e colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche di 1,38 milioni di pazienti iscritti a Medicare. Tutti i partecipanti avevano 66 anni o più, non avevano precedenti di ictus al basale e hanno ricevuto il vaccino zoster vivo tra il 2008 e il 2016.

I ricercatori hanno confrontato il tasso di ictus in questo gruppo vaccinato con il tasso di un gruppo di controllo corrispondente dello stesso numero di beneficiari del servizio di assistenza Medicare che non hanno ricevuto la vaccinazione.

Hanno adattato la loro analisi per età, genere, etnia, terapia medica e comorbilità. La riduzione complessiva del 16% del rischio di ictus associato alla vaccinazione comprendeva una riduzione del 12% di ictus emorragico e una riduzione del 18% di ictus ischemico a un follow-up mediano di 3,9 anni.

I rapporti di rischio corretti confrontando i vaccinati con i gruppi di controllo erano 0,84 (intervallo di confidenza [IC] al 95% 0,83 - 0,85) per tutti gli ictus; 0,82 (IC al 95% 0,81 - 0,83) per ictus ischemico acuto; 0,88 (IC al 95% 0,84 - 0,91) per ictus emorragico.

Il gruppo vaccinato ha subito 42.267 eventi di ictus durante quel periodo. Questo tasso includeva 33.510 ictus ischemici acuti e 4.318 ictus emorragici. Allo stesso tempo, nel gruppo di controllo si sono verificati 48.139 ictus. La suddivisione includeva 39.334 eventi ischemici e 4.713 eventi emorragici.

Evidenti implicazioni per la pratica clinica
«Circa 1 milione di persone negli Stati Uniti è colpito dall'herpes zoster ogni anno, ma esiste un vaccino per aiutare a prevenirlo» ha dichiarato Yang. «I risultati del nostro studio possono incoraggiare le persone di età pari o superiore a 50 anni a seguire la raccomandazione e farsi vaccinare contro l'herpes zoster. Si riduce il rischio di herpes zoster e allo stesso tempo si può diminuire il rischio di ictus».

Sono necessari ulteriori studi per confermare i nostri risultati di riguardanti l’associazione tra il vaccino con zoster vivo e il rischio di ictus, ha detto Yang. Poiché il Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione dei CDC (ACIP) ha raccomandato il vaccino ricombinante non vivo adiuvato solo per adulti sani di età pari o superiore a 50 anni nel 2017, Medicare non disponeva di dati sufficienti per studiare l'associazione tra tale vaccino e il rischio di ictus al momento del presente studio.

In ogni caso, ha specificato Yang, due dosi del vaccino ricombinante non vivo adiuvato sono efficaci per più del 90% nel prevenire l'herpes zoster e la nevralgia post-herpetica, in modo superiore rispetto al vaccino con zoster vivo.

International Stroke Conference (ISC). Los Angeles. Abstract: TP493. Presented February 20, 2020.