Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Con la dieta giapponese meno cancro alla prostata e si vive più a lungo


Le nuove frontiere dell'ematologia: presente e futuro della terapia con CAR-T cell


Leucemia Mieloide Acuta, nuovi farmaci in arrivo e grande impulso all’arma dei trapianti


Avanza la ricerca nella terapia genica per “guarire” dall’emofilia A e B


Linfomi non Hodgkin, grandi promesse dalle nuove terapie in arrivo


Cancro al seno triplo negativo iniziale, efficace l'immunoterapia con pembrolizumab


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al polmone ALK+, diagnosi possibile anche con la biopsia liquida


Tumore del polmone non a piccole cellule, pembrolizumab efficace anche con metastasi cerebrali


Tumore della prostata, olaparib batte i nuovi farmaci ormonali nei pazienti metastatici già trattati


Tumore del polmone, atezolizumab da solo, in prima linea, allunga la vita


Tumore ovarico, olaparib in prima linea vantaggioso anche senza BRCA mutato


Carcinoma epatico non operabile, promette bene la combinazione lenvatinib-pembrolizumab


Tumore al seno avanzato HR+/HER2-, ribociclib aggiunto a fulvestrant allunga la vita


Tumore del polmone EGFR+, conferme di efficacia per osimertinib dal congresso ESMO2019


Tumore del polmone, malattia sotto controllo con la chemioterapia a basse dosi


Mieloma multiplo, un progetto ridisegna il percorso di cura dei pazienti


Melanoma cutaneo, gli obiettivi della campagna di sensibilizzazione "Oltre la pelle"


Test del gene BRAF: perché è importante effettuare lo screening nei pazienti con melanoma


Cancro al polmone, pembrolizumab più chemio batte la sola chemio anche nei casi PD-L1 negativi


Tumori testa collo: se presi in tempo si possono curare. Al via campagna informativa


5 segni per riconoscere in anticipo un tumore testa collo


ARTICOLI

Taselisib, inibitore selettivo di PI3K, ritarda la progressione del ca al seno avanzato. #ASCO2018

L'inibitore sperimentale di PI3K taselisib, combinato alla terapia ormonale standard con fulvestrant, ha arrestato la crescita del tumore al seno avanzato per un tempo superiore di due mesi rispetto alla sola terapia ormonale in uno studio di fase II[...]

Tumore del polmone: pembrolizumab in prima linea aumenta la sopravvivenza in monoterapia e in combinazione con la chemio. #ASCO2018

Sempre più pazienti colpiti da tumore del polmone in stadio avanzato potranno beneficiare dell'immunoterapia in prima linea, anche grazie ai risultati ottenuti con pembrolizumab sia in monoterapia che in combinazione con la chemioterapia, in entrambe[...]

Cancro del polmone, da Roche conferme per terapie target e immunoterapia. #ASCO2018

Studi su 19 molecole e più di 180 abstract su oltre 13 diverse tipologie di tumore: questi sono i numeri della presenza di Roche all’America Society of Clinical Oncology 2018. Particolare attenzione è stata rivolta ai risultati sui nuovi trattamenti [...]

Sarcoma di Ewing, conferme in fase II per lurbinectedina. Allo studio partecipa anche il Rizzoli #ASCO2018

Si contano appena un centinaio di casi ogni anno ma la diagnosi è per ogni genitore una fitta al cuore. Il sarcoma di Ewing è un tumore raro ma colpisce soprattutto bambini e adolescenti under 20 e rappresenta il 15% di tutti i sarcomi primari delle [...]

Tumore della prostata metastatico alla diagnosi: conferme a 3 anni per abiraterone più ADT ma senza la chemio. #ASCO2018

L’aggiunta della terapia con abiraterone al trattamento ormonale standard si conferma efficace nel mantenere stabile la malattia, e quindi allungare la sopravvivenza, con più del 50% dei pazienti ancora in vita a 41 mesi di mediana di follow up, paz[...]

Tumore del rene: dopo la resezione delle metastasi sorafenib non migliora le cose

È italiano il primo studio al mondo che fornisce informazioni decisive sull'approccio multidisciplinare integrato, cioè sull'utilizzo della chirurgia e della terapia medica nel tumore del rene avanzato. Denominato RESIST, lo studio viene presentato o[...]

Ca mammario metastatico HER2+ pretrattato, pertuzumab aggiunto a trastuzumab e capecitabina allunga la vita. #ASCO2018

L'aggiunta di pertuzumab a trastuzumab e capecitabina prolunga la sopravvivenza globale (OS) rispetto ai soli trastuzumab più capecitabina nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2 positivo (HER2+) nelle quali non ha funzionato una terap[...]

Combinazione pegilodecakina più anti-PD-1 promettente nel ca renale metastatico. #ASCO2018

L'aggiunta di pegilodecakina a nivolumab o pembrolizumab potrebbe essere un'opzione di trattamento efficace e ben tollerata per i pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico. A suggerirlo è uno studio preliminare presentato in una sessione or[...]

Sindromi mielodisplastiche a basso rischio, terapia precoce con dosi ridotte di ipometilante può migliorare gli outcome. #ASCO2018

Il trattamento precoce con dosi inferiori a quelle standard di agenti ipometilanti nelle prime fasi del trattamento potrebbe migliorare gli outcome tra i pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio indipendenti dalle trasfusioni (MDS). Lo[...]

Linfoma follicolare, chemioimmunoterapia rimane lo standard per l'induzione #ASCO2018

Tra i pazienti con linfoma follicolare ad alto rischio trattati con il regime chemioterapico CHOP in combinazione con l'anticorpo monoclonale anti-CD20 rituximab o la radioimmunoterapia la sopravvivenza globale (OS) a 10 anni è risultata quasi dell'8[...]

Ca al polmone avanzato, osimertinib migliora gli outcome riferiti dai pazienti

Un'analisi degli outcome riferiti dai pazienti nello studio AURA3 ha mostrato che in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato il trattamento con osimertinib si è associato a un tempo di deterioramento più lungo rispet[...]

Tumore del fegato: nei casi gravi, cabozantinib migliora la sopravvivenza globale #ASCO2018

Solo il 10% dei casi di tumore del fegato è diagnosticato in fase iniziale quando l'intervento chirurgico può essere risolutivo. In Italia vivono circa 27.745 cittadini dopo la diagnosi di questa neoplasia, che rappresentano l'1% del totale dei pazie[...]

ASCO 2018: oncologi e ricercatori dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano portabandiera della ricerca italiana

Prende il via oggi il meeting mondiale ASCO (American Society of Clinical Oncology) e si apre col prestigioso riconoscimento a Sandro Pasquali, medico oncologo della Struttura Semplice di Chirurgia dei Sarcomi dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Mi[...]

ASCO aggiorna le sue linee guida su uso dei bisfosfonati per il mieloma multiplo

Un aggiornamento delle linee guida dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) definisce qual è il momento appropriato per iniziare il trattamento con bisfosfonati nei pazienti con mieloma multiplo. La nuova versione, redatta da un panel di esp[...]

Ponatinib promettente per la leucemia mieloide cronica in fase cronica. #ASCO2018

Il trattamento con l’inibitore delle tirosin chinasi(TKI) di ultima generazione ponatinib ha portato a ottenere risposte durature e clinicamente significative in pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica che non avevano risposto ad altri[...]

Tisagenlecleucel promettente nella leucemia linfoblastica acuta pediatrica associata alla sindrome di Down

Il trattamento con le CAR T cells anti-CD19 tisagenlecleucel di pazienti giovani con leucemia linfoblastica acuta recidivata/refrattaria associata alla sindrome di Down ha prodotto percentuali di remissione elevate e risultati di tossicità simili a q[...]

Leucemia mieloide acuta ricaduta/refrattaria FLT3-ITD+, quizartinib migliora la sopravvivenza

Il trattamento con l’inibitore orale di FLT3 quizartinib ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla chemioterapia in pazienti con leucemia mieloide acuta ricaduta/refrattaria FLT3-ITD-positiva dopo il trattamento di prima linea con o s[...]

Ca renale, caratteristiche del paziente e del tumore predittive dell’outcome dopo la nefrectomia

Identificate da un gruppo di ricercatori della Mayo Clinic caratteristiche del paziente e del tumore valutate di routine che hanno mostrato di predire in modo accurato la probabilità di progressione e decesso a causa di un carcinoma a cellule renali [...]

Mieloma multiplo, pomalidomide più desametasone a basso dosaggio attiva nei pazienti con danno renale

La combinazione di pomalidomide e desametasone a basso dosaggio si è dimostrata efficace tra i pazienti con mieloma multiplo recidivato/refrattario e insufficienza renale moderata-severa nello studio MM-013, un trial europeo di fase 2 pubblicato da p[...]

Leucemia linfatica cronica, biomarcatore sulle cellule T predittivo della risposta alle CAR T cells

La terapia con le CAR T cells, cellule T che esprimono un recettore chimerico di un antigene tumorale (CAR), è oggi ritenuta uno dei grandi progressi nella cura dei tumori, ma non tutti i pazienti rispondono a questo trattamento.