Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al seno HR+/HER2- avanzato, con abemaciclib più fulvestrant si sopravvive di più


Nuovi casi di tumore in calo grazie allo screening, ma adesione da migliorare


Saverio Cinieri nuovo presidente eletto AIOM


Biosimilari anti-cancro importanti per la sostenibilità, no a sostituibilità automatica


Farmaci oncologici innovativi, quali sono le regole per accedervi in anticipo?


Big data e intelligenza artificiale, quale impatto in oncologia?


Tumore al seno, polimorfismi a singolo nucleotide potenzialmente utili per la scelta terapeutica


Test del BRCA, che cos’è e chi deve farlo?


Tossicità finanziaria dei tumori e delle cure antitumorali, studio italiano ne valuta l’impatto


Tromboembolismo venoso nei malati di cancro: come prevenirlo, come trattarlo


Tumore della prostata, l’importanza di nuovi outcome e della qualità di vita


Carcinoma della mammella, che cosa sono e come si curano i tumori HER2low?


Difendersi dalle fake news in oncologia, sito antibufale degli oncologi italiani


Carcinoma epatico avanzato, in arrivo in Italia lenvatinib, nuovo farmaco mirato per la prima linea


Tumori con mutazioni di BRCA, il test sia rimborsabile in tutta Italia


Tumore della prostata, come prevenirlo, come scoprirlo


Cancro della prostata, una web sit com per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione con ironia


Cancro della prostata, al via la campagna web ‘Qui Pro Quo', invito alla prevenzione con leggerezza


ARTICOLI

Mieloma multiplo, conferme per plitidepsina in Fase III

PharmaMar ha annunciato oggi gli ottimi risultati conseguiti da ADMYRE, uno studio clinico di fase III, per mezzo della somministrazione di plitidepsina combinato con desametasone rispetto alla semplice somministrazione di desametasone a pazienti aff[...]

Leucemia linfatica cronica, lungosopravviventi a maggior rischio di altri tumori

Le persone che hanno avuto una leucemia linfatica cronica e che sono ancora vive a 10 anni dalla diagnosi, i cosiddetti ‘lungosopravviventi', potrebbero essere a rischio aumentato di altri tumori rispetto alla popolazione generale. A suggerirlo è uno[...]

Leucemia mieloide cronica, stop o no al TKI? Un nuovo test può dare la risposta

Un nuovo test personalizzato basato sul DNA potrebbe rivelarsi utile per identificare quei pazienti affetti da leucemia mieloide cronica ritenuti in remissione profonda che hanno in realtà ancora livelli molto bassi di malattia residua. Il test potre[...]

Ca al seno, uno score prognostico potrebbe ridurre il sovratrattamento del carcinoma duttale in situ

Un punteggio prognostico basato sulle dimensioni del tumore, sull'età e sul grado nucleare ha indicato l'entità del beneficio di sopravvivenza offerto dalla radioterapia praticata dopo un intervento di chirurgia conservativa per l'asportazione di un [...]

Lenalidomide ritarda la progressione nel linfoma mantellare

In uno studio di fase II pubblicato su Lancet Oncology, il farmaco lenalidomide ha migliorato significativamente la sopravvivenza senza progressione della malattia (PFS) in pazienti con linfoma mantellare recidivante/refrattario, rispetto alle terapi[...]

Ca polmonare, erlotinib meglio di gefitinib in uno studio di fase III

In uno studio di fase III pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, gefitinib non ha raggiunto l'endpoint principale di non inferiorità rispetto a erlotinib in pazienti pretrattati con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC).

Rigosertib efficace in un sottogruppo di pazienti con sindromi mielodisplastiche

I risultati dello studio di fase III ONTIME, pubblicato su Lancet Oncology, mostrano che, anche se il farmaco rigosertib non migliora significativamente la sopravvivenza generale dei pazienti con sindromi mielodisplastiche rispetto alle cure standard[...]

Carcinoma polmonare, FDA accetta di esaminare nuova domanda di autorizzazione per pembrolizumab

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha accettato di esaminare la nuova domanda di autorizzazione (supplemental Biologics License Application - sBLA) per pembrolizumab, la terapia anti-PD-1 sviluppata da MSD, in pazienti con carcin[...]

Melanoma metastatico, si sopravvive oltre i 2 anni con la coppia dabrafenib-trametinib

In un gruppo di pazienti con melanoma metastatico positivi alla mutazione BRAFV600 trattati con la combinazione di due inibitori di MAPK, dabrafenib e trametinib, si è ottenuta una sopravvivenza mediana di oltre 2 anni in uno studio pubblicato sul Jo[...]

Ca al seno metastatico, epoetina alfa non centra gli endpoint di sicurezza

Uno studio randomizzato di fase III uscito da poco sul Journal of Clinical Oncology non è riuscito a dissipare le preoccupazioni legate alla sicurezza d’impiego degli agenti stimolanti l’eritropoietina per trattare l’anemia nei pazienti oncologici so[...]

Leucemia mieloide cronica, nilotinib vantaggioso rispetto a imatinib anche dopo 5 anni

Si confermano anche a lungo termine i vantaggi di nilotinib rispetto a imatinib per i pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica. La conferma arriva dai risultati a 5 anni dello studio registrativo ENESTnd, pubblicati online sulla rivista[...]

Linfoma diffuso a grandi cellule B, espressione di due biomarker predittiva del rischio di ricaduta nel SNC

La duplice espressione di MYC e BCL2 è associata a un aumento del rischio di ricaduta nel sistema nervoso centrale nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B, stando ai risultati di uno studio retrospettivo pubblicato su Blood

Ca renale, sorafenib e sunitinib non diminuiscono le ricadute di malattia dopo chirurgia

Due farmaci ampiamente utilizzati e approvati dall'Fda per il trattamento del carcinoma renale metastatico, sorafenib e sunitinib, non si sono dimostrati più efficaci del placebo nel prevenire le ricadute di malattia e nell'aumentare la sopravvivenza[...]

Ca mammario in premenopausa, chemioterapia a intervalli ridotti migliora la sopravvivenza

La somministrazione della chemioterapia adiuvante ogni due settimane nelle donne in premenopausa con carcinoma della mammella è associata a un miglioramento significativo della sopravvivenza generale, secondo i risultati di uno studio presentato alla[...]

Crioconservazione: “futuro fertile” per migliaia di giovani survivors anche dopo il tumore

I trattamenti antitumorali che pregiudicano la capacità riproduttiva non sono più un ostacolo insormontabile per diventare madri e padri: le tecniche di crioconservazione dei gameti oggi garantiscono un “futuro fertile” anche ai giovani survivors onc[...]

Ca uroteliale avanzato, priority review Fda per atezolizumab

La Food and Drug Administration ha deciso di esaminare con procedura accelerata la domanda di registrazione per l'anti PD-L1 atezolizumb per il trattamento dei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico in progressione dopo [...]

Tumori neuroendocrini del pancreas, sunitinib migliora la sopravvivenza a lungo termine

Dopo cinque anni di follow up, la terapia con sunitinib continua ad aumentare la sopravvivenza dei pazienti con tumori nuroendocrini del pancreas (pNET), secondo i risultati di uno studio presentato in occasione della Conferenza annuale della Europea[...]

Ca al polmone, come migliorare l'assorbimento di erlotinib? Bevendo Coca cola!

Per aumentare la biosiponibilità, e quindi l'efficacia, dell'inibitore orale delle tirosin-chinasi (TKI) erlotinib potrebbe bastare un'azione molto semplice, e per giunta gradevole per i più: bere in concomitanza un bicchiere di Coca cola.

Ca prostatico resistente alla castrazione, abituzumab bene sulle lesioni ossee ma non sulla sopravvivenza libera da progressione

L'anticorpo monoclonale abituzumab non ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al placebo in uno studio di fase II su pazienti affetti da cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione. Tuttavia, nello stess[...]

Leucemia mieloide cronica, rischio maggiore di eventi occlusivi vascolari con alcuni TKI

Il trattamento con gli inibitori delle tirosin chinasi (TKI) di BCR-ABL di seconda generazione dasatinib, nilotinib e ponatinib è associato a un aumento del rischio di eventi occlusivi vascolari rispetto a quello con imatinib nei pazienti con leucem[...]