Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


50 anni di AIL: quali sono stati i maggiori progressi in ematologia?


Quali sono le 3 patologie ematologiche la cui cura è migliorata di più?


ARTICOLI

Tumore metastatico del colon-retto, efficacia di regorafenib confermata dalle analisi per sottogruppi

Nuove analisi su regorafenib dallo studio registrativo di fase III CORRECT (Colorectal cancer treated with regorafenib or placebo after failure of standard therapy) sono state presentati nella sessione dei poster al congresso ASCO-GI 2013 (Gastroint[...]

Tumori stromali gastrointestinali: resezione chirurgica dopo imatinib migliora sopravvivenza

La resezione chirurgica dopo la terapia con imatinib migliore la sopravvivenza senza progressione (PFS) dei pazienti con tumori stromali gastrointestinali (GIST) ricorrenti, rispetto al solo imatinib. E' quanto emerso da uno studio presentato al Gast[...]

Lapatinib più paclitaxel aumentano la sopravvivenza nel Ca. gastrico avanzato

L'aggiunta dell'anti HER2 lapatinib alla terapia con paclitaxel aumenta la sopravvivenza generale dei pazienti con carcinoma gastrico avanzato, specialmente in quelli con elevata espressione di HER2, rispetto al solo paclitaxel. Lo dimostra uno studi[...]

Ca epatocellulare, statine aumentano la sopravvivenza generale

In un ampio studio presentato al Gastrointestinal Cancers Symposium (ASCO-GI), l'uso di statine ha migliorano del 30% la sopravvivenza generale dei pazienti con carcinoma epatocellulare.

Ca pancreatico avanzato, capecitabina aggiunta alla chemioradioterapia migliora gli outcome

Abbinata alla chemioradioterapia (CRT), la capecitabina ha portato a un miglioramento della sopravvivenza e degli outcome di tossicità rispetto alla gemcitabina in un gruppo di pazienti con carcinoma pancreatico localmente avanzato, protagonisti di u[...]

Pegfilgrastim riduce la neutropenia febbrile post chemioterapia

Amgen ha annunciato i risultati preliminari dello studio di fase III PAVES che ha valutato pegfilgrastim in 845 pazienti con tumore al colonretto localmente avanzato o metastatico trattati con la chemioterapia FOLOFOX o FOLFIRI più bevacizumab. Il fa[...]

Ca epatocellulare, chemioembolizzazione con doxorubicina non migliora gli outcome

In un gruppo di pazienti con carcinoma epatocellulare, l'embolizzazione arteriosa epatica (HAE) con microsfere a rilascio di doxorubicina non ha migliorato gli outcome rispetto all'embolizzazione con microsfere che non rilasciavano alcun farmaco. È q[...]

Ca mammario triplo negativo, scoperto come dà metastasi, possibili ricadute terapeutiche

Un studio pubblicato su Cancer Cell, opera di un team della Cornell University di New York, dimostra in che modo il tumore al seno triplo negativo (TNBC), un tipo particolarmente aggressivo, si diffonde ad altre parti del corpo. I risultati potrebber[...]

Ramucirumab bene in seconda linea nel ca gastrico avanzato

Il nuovo anticorpo monoclonale sperimentale anti-VEGF2 ramucirumab, aggiunto alla migliore terapia di supporto, ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) in seconda linea nei paz[...]

Al via nuovo studio di fase III su brentuximab vedotin nel linfoma a cellule T mature

Prende il via un nuovo studio pivotal di fase III che valuterà brentuximab vedotin (Adcetris) in combinazione con la chemioterapia per il trattamento del linfoma a cellule T mature (MTCL) CD30-positivo di nuova diagnosi, tra cui il linfoma sistemico [...]

Chirurgia migliora efficacia chemioradioterapia nel tumore all'esofago

Lo standard terapeutico del tumore all'esofago avanzato, ovvero chemioradioterapia più chirurgia, aumenta la sopravvivenza generale e la sopravvivenza senza la malattia, rispetto alla sola chemioradioterapia. Lo dimostra uno studio presentato al Gast[...]

Cetuximab più chemioradioterapia non aumenta la sopravvivenza nel tumore all'esofago

L'aggiunta di cetuximab alla chemioradioterapia non estende la sopravvivenza dei pazienti con tumore all'esofago. Lo dimostra uno studio presentato al San Francisco al Gastrointestinal Cancers Symposium. Nello studio, i pazienti trattati con l'antico[...]

Peginesatide per l'anemia in pazienti dializzati e nefropatici, due studi sul NEJM

Due studi recentemente pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine hanno riportato i risultati di 4 trial clinici randomizzati, controllati, in aperto, che hanno messo a confronto l'efficacia e la sicurezza di peginesatide, un nuovo farm[...]

Ca colorettale metastatico, radioembolizzazione migliora sopravvivenza

La radioembolizzazione, ovvero l'iniezione intra-arteriosa epatica di microsfere biocompatibili caricate con l'isotopo radioattivo ittrio-90, estende la sopravvivenza dei pazienti con tumore al colon-retto con metastasi epatiche, indipendentemente d[...]

HDL sintetiche contenenti oro uccidono il linfoma

Un team di ricercatori della Northwestern University Feinberg School of Medicine ha ottenuto risultati incoraggianti in esperimenti in vitro e su animali utilizzando nanoparticelle HDL sintetiche contenenti oro per trattare il linfoma a cellule B, la[...]

Ca pancreas avanzato, gemcitabina più paclitaxel legato all'albumina allunga la vita

Nello studiodi fase III MPACT la formulazione di paclitaxel legato a particelle di albumina in sospensione iniettabile in combinazione con gemcitabina in pazienti cancro al pancreas metastatico non pretrattati ha dimostrato un miglioramento statistic[...]

Ca esofagogastrico, docetaxel in seconda linea allunga la sopravvivenza

Nei pazienti con un tumore della giunzione gastroesofagea, vale la pena di fare una chemioterapia di seconda linea e non limitarsi a un trattamento sintomatico. È questa la conclusione di uno studio multicentrico inglese appena presentato al Gastroin[...]

Ca pancreas resecabile, fluoropirimidina S-1 adiuvante migliora la sopravvivenza

Una fluoropirimidina orale nota con la sigla S-1 ha aumentato la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla terapia adiuvante con gemcitabina in uno studio randomizzato di fase III su pazienti giapponesi con carcinoma pancreatico, sottoposti all'interv[...]

Vincristina liposomiale, efficace nella leucemia linfoblastica acuta

Sul Journal of Clinical Oncology sono stati riportati i risultati dello studio di fase II rALLy che ha dimostrato l'efficacia del nuovo farmaco antitumorale a base di vincristina liposomiale nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta negativa per [...]

Ca al seno, spesso distorti i risultati degli studi di fase III

La tendenza a minimizzare sviluppi indesiderati o negativi può essere insita nella natura umana, ma un atteggiamento del genere non può essere considerato un giusto modo di fare scienza. Tuttavia, è proprio ciò che sembrano aver fatto gli autori di d[...]