Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Nuove terapie per la cura delle mielodisplasie, malattie non più figlie di un dio minore


Alleanza tra i pazienti per sconfiggere le sindromi mielodisplastiche. Anziani i piu' colpiti


Mielodisplasie, le 5 terapie che cambieranno la cura di queste neoplasie ematologiche


5 cose da sapere sulle mielodisplasie


Tumore al seno, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Women for Oncology: molta strada ancora da fare per avere pari opportunità di carriera


Tumori ginecologici, le ultime novità per la terapia dal congresso ESMO2019


Leucemia mieloide acuta, quizartinib nuova opzione per i pazienti con mutazioni di FLT3


Tumori neuroendocrini, nuovi biomarker possibili predittori di risposta alla terapia radiometabolica


Le ultime novità dal congresso ESMO2019 sulla terapia del melanoma


Melanoma avanzato, ipilimumab-nivolumab conferma il beneficio di sopravvivenza anche a 5 anni


Tumore della prostata, le ultime novità in terapia dal congresso ESMO2019


Tumore del pancreas, rischio di metastasi -25% con nab-paclitaxel più gemcitabina


Farmaci oncologici innovativi: spesa in aumento, indispensabili le reti regionali


3 cose da sapere sul carcinoma del colon-retto


I 3 sottotipi di tumore al seno


Tumore al seno, cos’è importante sapere


3 cose da sapere sul carcinoma ovarico


3 cose da sapere sul tumore al polmone


ESMO 2019, nuove combinazioni di farmaci aumentano la sopravvivenza


Colangiocarcinoma, sopravvivenza aumentata grazie ad ivosidenib


Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, atezolizumab migliora la sopravvivenza


ARTICOLI

Ca al colon metastatico, parità tra bevacizumab e cetuximab aggiunti alla chemio in prima linea

Nei pazienti con un cancro del colon retto con gene KRAS wild-type, aggiungere cetuximab oppure bevacizumab alla chemioterapia di prima linea non fa differenza ai fini della sopravvivenza globale (OS). A dimostrarlo sono i risultati dello studio CALG[...]

Prende il via da Internet una campagna di informazione e sensibilizzazione sul tumore al seno

Negli ultimi 30 anni la ricerca oncologica sul tumore al seno ha fatto grandi progressi, tanto che, grazie alla prevenzione e a un corretto iter diagnostico e terapeutico, oggi in Italia 9 pazienti su 10 sopravvivono a 5 anni dalla diagnosi. La sfida[...]

Ca al seno, possibile beneficio della terapia anti-androgenica per il triplo negativo

Uno studio preclinico dello University of Colorado Cancer Center, presentato al congresso annuale dell’Endocrine Society, tenutosi a Chicago, dimostra che anche i tumori al seno tripli negativi che esprimono livelli molto bassi di recettore degli and[...]

Ca al pancreas, si può dimezzare il rischio con l'uso regolare di aspirina

L'uso regolare di aspirina potrebbe ridurre drasticamente, dimezzandolo quasi, il rischio di tumore al pancreas e i benefici sembrano essere superiori tra chi ne fa uso prolungato che non tra chi assume il farmaco per brevi periodi. A suggerirlo sono[...]

Trastuzumab, nuove conferme sul rapporto rischio-beneficio

Nelle donne con carcinoma mammario avanzato o metastatico HER2-positivo, il trattamento con trastuzumab prolunga la sopravvivenza, ma aumenta anche il rischio di sviluppare problemi cardiaci. Tuttavia, una review appena pubblicata della Cochrane Libr[...]

Policitemia vera, risultati ‘entusiasmanti' per ruxolitinib in fase III

Il trattamento con ruxolitinib ha portato a miglioramenti sostanziali nei pazienti con policitemia vera nello studio RESPONSE, il primo studio pivotal di fase III su quest'agente, di cui sono stati presentati i risultati in occasione dell'ultimo cong[...]

Ca ovarico, per gli esperti Fda l'approvazione di olaparib deve attendere

L'Oncologic Drugs Advisory Committee (Odac), il comitato di esperti indipendenti sui farmaci oncologici dell'Fda si è espresso a larga maggioranza (11 no e 2 sì) contro l'approvazione accelerata dell'inibitore di PARP olaparib come terapia di manteni[...]

Melanoma, alt al primo studio di Fase III con nivolumab per dati inequivocabilmente positivi

Bristol-Myers Squibb ha reso noto di aver deciso l'interruzione di uno studio di Fase III condotto per valutare efficacia e sicurezza dell'anticancro sperimentale nivolumab in pazienti con melanoma BRAF wild-type (cioè senza mutazione di BRAF) non tr[...]

Tumore alla prostata: dal Congresso SIUrO passi avanti per diagnosi e cura

E' il paziente il vero protagonista del XXIV Congresso Nazionale SIUrO conclusosi oggi a Bologna con un nuovo format, focalizzato su un maggior coinvolgimento del paziente, il vero e proprio protagonista di questo congresso specialistico in uro-oncol[...]

Leucemia mieloide acuta, con azacitidina migliora la sopravvivenza

Somministrata per via sottocutanea, l'azacitidina migliora la sopravvivenza in pazienti anziani con leucemia mieloide acuta. Questi interessanti risultati sono stati presentati al 19 ° congresso annuale dell'Associazione Europea di Ematologia dal Pro[...]

Leucemia linfatica cronica, ibrutinib meglio di ofatumumab in seconda linea

Ibrutinib sembra essere significativamente superiore a ofatumumab come terapia di seconda linea per il trattamento della recidiva di leucemia linfatica cronica (LLC) o del piccolo linfoma linfocitico (SLL). È questo il risultato di un'analisi ad inte[...]

Leucemia mieloide acuta, al via fase II su tosedostat in combinazione con citarabina

Ha preso il via uno studio clinico di fase 2 che sarà condotto da un cooperative group internazionale per studiare su tosedostat in combinazione con la citarabina a basso dosaggio, somministrato a pazienti anziani affetti da Leucemia Mieloide Acuta [...]

Cetuximab: dal'Asco nuove conferme come prima linea del ca del colon retto metastatico

I nuovi risultati provenienti dal Congresso ASCO 2014 ribadiscono l'efficacia di cetuximab in associazione alla chemioterapia standard nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma del colon retto metastatico e senza mutazioni di RAS (ov[...]

Leucemie: una rivoluzione lunga dieci anni

I dieci anni che hanno cambiato la storia dell'Ematologia. I dieci anni in cui si sono raccolti i frutti della grande rivoluzione delle terapie mirate, avviata alla fine degli anni ‘90, quando l'avvento di imatinib, capostipite degli inibitori della [...]

TH-302, alchilante ‘intelligente', promette bene nel mieloma multiplo recidivante/refrattario

L'aggiunta del farmaco sperimentale TH-302 a desametasone si è dimostrata benefica e ha mostrato un profilo di eventi avversi gestibile nel trattamento dei pazienti con mieloma multiplo recidivante/refrattario in uno studio multicentrico di fase I/II[...]

Mieloma multiplo, aggiunta di panobinostat frena la progressione

L'aggiunta del pan-inibitore orale delle deacetilasi panobinostat (LBH589) a bortezomib e a desametasone ha ritardato la progressione della malattia di 3,9 mesi rispetto alla combinazione di bortezomib e desametasone in pazienti con mieloma multiplo [...]

Ca al polmone metastatico, continuare afatinib dopo la progressione migliora la PFS

Continuare a inibire l'EGFR anche dopo la progressione dopo il trattamento con afatinib più paclitaxel migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la percentuale di risposta obiettiva (ORR) rispetto alla sola chemio[...]

Tumore alla prostata: «Uomini, prima di decidere cosa fare pensateci e informatevi»

La cura migliore per il tumore alla prostata? Impossibile dare una risposta univoca ai quasi 43mila italiani che ogni anno si trovano a dover fare i conti con questa diagnosi. «Non esiste il trattamento giusto in assoluto - spiegano gli specialisti d[...]

Trastuzumab, conferme anche long term di una buona sicurezza cardiovascolare

I risultati di uno studio a lungo termine pubblicati sul Journal of Clinical Oncology hanno confermato che l'impiego di trastuzumab è associato a una bassa incidenza di eventi quando somministrato in sequenza dopo la chemioterapia e la radioterapia. [...]

Ca al seno metastatico, fattibile senza rischi un'assunzione meno frequente di bifosfonati

Le donne con un tumore al seno con metastasi ossee possono ridurre la frequenza di somministrazione dei bifosfonati dopo il primo anno di terapia, nel quale i bifosfonati sono assunti una volta al mese e in questo modo, si può anche ridurre il rischi[...]