Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Tumore del polmone EGFR+, osimertinib in prima linea migliora la sopravvivenza


Cancro al seno triplo negativo, aggiunta di pembrolizumab neoadiuvante aumenta la risposta


Tumori di rene e vescica, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Tumore polmonare non a piccole cellule, gli studi top del congresso ESMO2019


Oncologia toracica, novità da ESMO2019 su microcitoma, carcinoma timico, biopsia liquida e TMB


Tumori del sangue, che cos'è SOHO Italy?


Leucemia mieloide acuta, i nuovi farmaci disponibili o in arrivo in Europa


Leucemia mieloide acuta, arriva in Italia chemio ‘intelligente’ con CPX-351


Leucemia mieloide acuta, qual è il ruolo del trapianto allogenico nell’era delle terapie target?


Leucemia mieloide acuta e profilazione molecolare, a che punto siamo?


Terapie con cellule CAR T nei linfomi: a che punto siamo?


Leucemia mieloide acuta, gli studi italiani in corso o ai nastri di partenza


Leucemia mieloide cronica, come si cura oggi in Italia?


Con la dieta giapponese meno cancro alla prostata e si vive più a lungo


Le nuove frontiere dell'ematologia: presente e futuro della terapia con CAR-T cell


Leucemia Mieloide Acuta, nuovi farmaci in arrivo e grande impulso all’arma dei trapianti


Avanza la ricerca nella terapia genica per “guarire” dall’emofilia A e B


Linfomi non Hodgkin, grandi promesse dalle nuove terapie in arrivo


Cancro al seno triplo negativo iniziale, efficace l'immunoterapia con pembrolizumab


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al polmone ALK+, diagnosi possibile anche con la biopsia liquida


Tumore del polmone non a piccole cellule, pembrolizumab efficace anche con metastasi cerebrali


ARTICOLI

Vaccino HPV quadrivalente efficace contro il cancro anale

Secondo uno studio americano appena pubblicato sul Nejm, il vaccino quadrivalente anti-Hpv già approvato e raccomandato per proteggere le adolescenti e le giovani donne contro i principali tipi di Hpv che causano il cancro cervicale, può proteggere [...]

Fans e statine potenzialmente utili nell'esofago di Barrett

L'utilizzo di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) e/o statine riduce il rischio di progressione neoplastica in pazienti affetti da esofago di Barrett. È il risultato dello studio presentato a Stoccolma da Florine Kastelein quale rappresent[...]

Tumore al polmone si cura meglio con la rete italiana “EGFR-FASTNET”

Oltre 3mila test eseguiti in tutta Italia, 100 strutture ospedaliere registrate, 25 laboratori e 585 operatori sanitari coinvolti. Ecco i numeri dei primi nove mesi di attività del network “EGFR-Fastnet”, un rete di centri clinici e di analisi labora[...]

Cancro ai polmoni: promettente attività di nuovo vaccino francese

L'associazione della chemioterapia tradizionale basata sul platino con il nuovo vaccino TG4010 aumenta l'effetto della chemioterapia e rallenta la progressione del carcinoma polmonare avanzato non a piccole cellule (NSCLC). Questi sono i risultati di[...]

Regorafenib, studio interrotto per eccesso di dati positivi

Bayer ha interrotto in anticipo uno studio di fase III denominato CORRECT condotto sul farmaco oncologico sperimentale regorafenib, in quanto i risultati di un'analisi ad interim pre-pianificata hanno dimostrato che il medicinale è in grado di aument[...]

Bassa conta piastrinica non protegge malati di cancro dalla TVP

Contrariamente alle aspettative, avere una bassa conta piastrinica non sembra proteggere i pazienti gravemente malati con cancro che vengono ricoverati nelle unità di terapia intensiva (UTI) dalla trombosi venosa profonda (TVP) stando ai risultati di[...]

Ca mammario iniziale, letrozolo superiore a tamoxifene

Le donne in post-menopausa con cancro al seno ormono-sensibile in fase iniziale hanno mostrato un miglioramento significativo della probabilità di sopravvivenza se trattate con letrozolo piuttosto che con tamoxifene o la combinazione dei due agenti,[...]

Sarcoma tessuti molli avanzato, perfusione con melfalan risparmia l'amputazione

Secondo un nuovo studio europeo appena pubblicato online sul Journal of Clinical Oncology, una perfusione locoregionale degli arti a base di melfalan può evitare a quattro volte su cinque l'amputazione degli arti nei pazienti con sarcoma dei tessuti [...]

Ca mammario, la radio dopo chirurgia conservativa dimezza le recidive a 10 anni

Nelle donne colpite da un cancro al seno, fare la radioterapia dopo un intervento di chirurgia conservativa (BCT) dimezza le percentuali di recidiva nei 10 anni successivi e nei 15 anni successivi riduce di un sesto la mortalità dovuta al tumore.

Ca pancreas, gemcitabina più radio migliora la sopravvivenza, ma di poco

In un piccolo studio randomizzato appena uscito sul Journal of Clinical Oncology, la combinazione di chemioterapia con gemcitabina e radioterapia ha permesso di ottenere un miglioramento statisticamente significativo, ma modesto, della sopravvivenza [...]

Tos, maggior rischio di ca mammario se il seno duole

Le donne in post-menopausa che iniziano ad avere dolenzia mammaria dopo aver iniziato la terapia ormonale sostitutiva potrebbero essere a maggior rischio di cancro al seno rispetto a quelle che non manifestano questo disturbo.

Ormonoterapia neoadiuvante ok nel ca mammario con recettori ormonali positivi

La terapia endocrina neoadiuvante è una potenziale alternativa all'approccio standard che prevede una chemioterapia citotossica prima della resezione chirurgica nelle pazienti con tumore al seno positivo ai recettori per gli estrogeni (ER).

Aggiunta di alemtuzumab allunga la vita nella LLC

In uno studio randomizzato appena uscito su Lancet Oncology, l'aggiunta del biologico alemtuzumab a fludarabina ha dimostrato di prolungare significativamente la sopravvivenza rispetto alla sola fludarabina in pazienti con leucemia linfatica cronica [...]

Tumori, deficit vitamina D potenzialmente predittivo di fase avanzata

Oltre il 75% dei pazienti oncologici potrebbero avere livelli insufficienti di vitamina D (25-idrossi-vitamina D); inoltre, i più bassi livelli di questa vitamina potrebbero essere associati con la malattia in stadio più avanzato, stando ai risultati[...]

Ca prostata, terapia ormonale aggiunta alla radio non nuoce al cuore

L'aggiunta della terapia di deprivazione androgenica alla radioterapia negli uomini colpiti da carcinoma prostatico clinicamente localizzato non risulta associata a un aumento della mortalità cardiovascolare, secondo i risultati di un lavoro presenta[...]

Tumore del seno, mammografia e farmaci riducono del 45% la mortalità

Vincere il cancro del seno è una questione di tempo: al Sud Italia, dove viene diagnosticato mediamente più tardi, il rischio di morire per questa neoplasia è del 50% più alto rispetto al Centro-Nord. La differenza fondamentale è l'accesso o meno all[...]

Sarcoma tessuti molli, buon controllo con chemio più radio

Uno studio presentato al congresso della American Society for Radiation Oncology (ASTRO), a Miami, ha evidenziato che in pazienti colpiti da sarcoma dei tessuti molli ad alto rischio un regime combinato chemio più radioterapia sembra essere efficace [...]

Ca seno iniziale HER2 +, trastuzumab più chemio senza antracicline allunga la vita

Una combinazione di chemioterapia e trastuzumab aumenta significativamente la sopravvivenza nelle pazienti con carcinoma mammario in stadio iniziale positivo all'HER2, secondo quanto evidenziato da uno studio pubblicato il 6 ottobre sul New England J[...]

Ca prostata, radioterapia ipofrazionata più breve ok come la convenzionale

Gli uomini con cancro alla prostata trattati con alte dosi di radioterapia a fasci esterni per un breve periodo di tempo hanno ottenuto risultati a 5 anni simili a quelli di pazienti sottoposti alla radioterapia convenzionale. Lo evidenzia uno studio[...]

Paclitaxel legato ad albumina promettente nel ca del pancreas

Sulla versione online del Journal of Clinical Oncology sono stati pubblicati i risultati di uno studio clinico condotto con paclitaxel legato ad albumina in nanoparticelle (per sospensione iniettabile), somministrato in combinazione con gemcitabina [...]