Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Nuove terapie per la cura delle mielodisplasie, malattie non più figlie di un dio minore


Alleanza tra i pazienti per sconfiggere le sindromi mielodisplastiche. Anziani i piu' colpiti


Mielodisplasie, le 5 terapie che cambieranno la cura di queste neoplasie ematologiche


5 cose da sapere sulle mielodisplasie


Tumore al seno, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Women for Oncology: molta strada ancora da fare per avere pari opportunità di carriera


Tumori ginecologici, le ultime novità per la terapia dal congresso ESMO2019


Leucemia mieloide acuta, quizartinib nuova opzione per i pazienti con mutazioni di FLT3


Tumori neuroendocrini, nuovi biomarker possibili predittori di risposta alla terapia radiometabolica


Le ultime novità dal congresso ESMO2019 sulla terapia del melanoma


Melanoma avanzato, ipilimumab-nivolumab conferma il beneficio di sopravvivenza anche a 5 anni


Tumore della prostata, le ultime novità in terapia dal congresso ESMO2019


Tumore del pancreas, rischio di metastasi -25% con nab-paclitaxel più gemcitabina


Farmaci oncologici innovativi: spesa in aumento, indispensabili le reti regionali


3 cose da sapere sul carcinoma del colon-retto


I 3 sottotipi di tumore al seno


Tumore al seno, cos’è importante sapere


3 cose da sapere sul carcinoma ovarico


3 cose da sapere sul tumore al polmone


ESMO 2019, nuove combinazioni di farmaci aumentano la sopravvivenza


Colangiocarcinoma, sopravvivenza aumentata grazie ad ivosidenib


Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, atezolizumab migliora la sopravvivenza


ARTICOLI

Rabdomiosarcoma, promettente temsirolimus aggiunto alla chemio

L'aggiunto di temsirolimus alla chemioterapia permette di prolungare la sopravvivenza libera da eventi (EFS) nei bambini affetti da rabdomiosarcoma (RMS), il sarcoma dei tessuti molli più comune nella popolazione pediatrica. A suggerirlo è uno studio[...]

Ca al polmone avanzato; aggiunta di ramucirumab a docetaxel in seconda linea allunga la vita

L'aggiunta dell'anticorpo monoclonale anti-VEGF2 ramucirumab a docetaxel in seconda linea permette di migliorare in modo significativo rispetto al solo docetaxel la sopravvivenza globale (OS) e altri outcome, tra cui la sopravvivenza libera da progre[...]

Ca al polmone: flop di onartuzumab in fase III, forse sbagliata la selezione dei pazienti

L'aggiunta del nuovo anticorpo monoclonale anti-MET onartuzumab (MetMAb) all'anti-EGFR erlotinib non ha migliorato gli outcome nei pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) MET-positivi nello studio pivotal METLung (OAM4971g), pres[...]

Ca al polmone, ceritinib riduce estensione nei pazienti ALK+

Nuovi dati presentati all’ASCO dimostrano che ceritinib (precedentemente noto come LDK378) ha ridotto l’estensione dei tumori nei pazienti con NSCLC ALK+ (carcinoma polmonare non a piccole cellule positivo per ALK [chinasi del linfoma anaplastico]), [...]

Leucemia linfocitica cronica recidivante, farmaco di Gilead promettente in fase II

In occasione della 50ma edizione della riunione annuale della Società americana di oncologia clinica (American Society of Clinical Oncology, ASCO) a Chicago sono stati presentatati i risultati ad interim aggiornati derivati da uno studio di Fase II ([...]

Ca alla prostata metastatico, si vive un anno in più con docetaxel aggiunto alla terapia ormonale

L'aggiunta di docetaxel alla terapia di deprivazione androgenica (ADT) ha migliorato di più di un anno la sopravvivenza globale (OS) in pazienti con un carcinoma della prostata metastatico nello studio CHAARTED, un trial randomizzato e controllato pr[...]

Ca ovarico, promette bene la combinazione olaparib-cediranib

Uno studio multicentrico di fase II appena presentato al congresso dell'American Society of Clinical Oncology lascia intravedere la possibilità di curare il caricinoma ovarico solo con farmaci mirati e senza la chemioterapia.

AstraZeneca, buoni dati dall'ASCO per la pipeline oncologica

AstraZeneca presenta oggi al congresso annuale 2014 dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) i risultati ottenuti dai suoi nuovi farmaci immunoterapici sperimentali, con focus su MEDI4736. In generale, gli studi hanno dimostrato un'attività [...]

Tumori solidi: inibitore delle tirosin chinasi studiato in Italia, promettenti dati presentati all'ASCO

Nuove speranze nella lotta ai tumori solidi. Sono stati presentati al 50 ° Meeting Annuale della American Society of Clinical Oncology (ASCO ) a Chicago i risultati parziali della sperimentazione clinica di fase 1 della nuova molecola ad attività far[...]

Tumore del polmone: afatinib migliora la sopravvivenza del 19%

Un'analisi, che ha combinato i dati di due studi di Fase III (LUX-Lung 3 e LUX-Lung 6), dimostra che il trattamento con afatinib in prima linea riduce il rischio di mortalità del 19% in pazienti colpiti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (N[...]

Melanoma, conferme per associazione nivolumab e ipilimumab

Presentati al 50° Congresso annuale della Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO) i risultati del follow-up dallo Studio 004, trial di fase 1b a bracci multipli ‘dose-ranging' che ha valutato la sicurezza e l'attività del regime di combinazione[...]

Melanoma e tumore del polmone, dall' ASCO conferme per l'immunoterapia sperimentale pembrolizumab

Si aprono nuove prospettive nel trattamento di forme tumorali particolarmente aggressive e con limitate opzioni terapeutiche, come il melanoma in fase avanzata e il tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC), grazie a una molecola innovativa, i[...]

Linfoma cutaneo, combinazione di rituximab e polichemioterapia migliora la sopravvivenza

L'impiego di una combinazione di rituximab e polichemioterapia ha migliorato le percentuali di sopravvivenza nei pazienti con linfoma cutaneo primitivo diffuso a grandi cellule B delle gambe (PCDLBCL-LT), in uno studio multicentrico retrospettivo app[...]

Linfoma indolente a cellule B correlato all'HCV, outcome migliori con la terapia antivirale

I pazienti affetti da un linfoma non-Hodgkin (LNH) a cellule B correlato all'epatite C sottoposti alla terapia antivirale mostrano una regressione del tumore e un miglioramento della sopravvivenza globale (OS). A suggerirlo sono i risultati di uno st[...]

Ipilimumab delude nel ca alla prostata metastatico con metastasi ossee

Ipilimumab non ha aumentato in modo significativo rispetto al placebo la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti con un cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione chimica e con metastasi ossee. A evidenziarlo è lo studio di fase III[...]

Carcinoma mammario in stadio avanzato, analisi aggregata di due studi di fase III indica che eribulina migliora la sopravvivenza

I dati di un'analisi aggregata presentata al 50mo congresso annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) confermano ulteriormente che eribulina migliora la sopravvivenza globale (OS) di pazienti affette da carcinoma mammario in stadio av[...]

Studio di fase 3 su ipilimumab nel melanoma nel setting adiuvante raggiunge l'endpoint primario di sopravvivenza libera da recidiva

I risultati di uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, dimostrano che ipilimumab alla dose di 10 mg/kg (475 pazienti) ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da recidiva (RFS, durata dell'intervallo di tempo prima della [...]

Tumore al colon-retto: conferme per bevacizumab più FOLFOXIRI dallo studio italiano TRIBE

I risultati dello studio TRIBE, studio italiano di fase III randomizzato in aperto che ha coinvolto 34 centri e 508 pazienti italiani con carcinoma al colon-retto metastatico (mCRC) in prima linea di trattamento (1L), dimostrano come la combinazione [...]

Enzalutamide, conferme dal NEJM nel tumore prostatico metastatico naive alla chemioterapia

Sul New England Journal of Medicine sono stati pubblicati i risultati dello studio di Fase 3 PREVAIL che ha evidenziato una riduzione statisticamente significativa di circa il 30% del rischio di morte e un ritardo nella progressione tumorale rispetto[...]

Mieloma multiplo recidivato o refrattario, dati incoraggianti con un regime a quattro farmaci

Un regime a quattro farmaci ha dato risultati promettenti - risposte obiettive in più di metà dei pazienti - in uno studio preliminare sul mieloma multiplo recidivato o refrattario presentato al congresso dell'American Society of Clinical Oncology ([...]