Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al seno HR+/HER2- avanzato, con abemaciclib più fulvestrant si sopravvive di più


Nuovi casi di tumore in calo grazie allo screening, ma adesione da migliorare


Saverio Cinieri nuovo presidente eletto AIOM


Biosimilari anti-cancro importanti per la sostenibilità, no a sostituibilità automatica


Farmaci oncologici innovativi, quali sono le regole per accedervi in anticipo?


Big data e intelligenza artificiale, quale impatto in oncologia?


Tumore al seno, polimorfismi a singolo nucleotide potenzialmente utili per la scelta terapeutica


Test del BRCA, che cos’è e chi deve farlo?


Tossicità finanziaria dei tumori e delle cure antitumorali, studio italiano ne valuta l’impatto


Tromboembolismo venoso nei malati di cancro: come prevenirlo, come trattarlo


Tumore della prostata, l’importanza di nuovi outcome e della qualità di vita


Carcinoma della mammella, che cosa sono e come si curano i tumori HER2low?


Difendersi dalle fake news in oncologia, sito antibufale degli oncologi italiani


Carcinoma epatico avanzato, in arrivo in Italia lenvatinib, nuovo farmaco mirato per la prima linea


Tumori con mutazioni di BRCA, il test sia rimborsabile in tutta Italia


Tumore della prostata, come prevenirlo, come scoprirlo


Cancro della prostata, una web sit com per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione con ironia


Cancro della prostata, al via la campagna web ‘Qui Pro Quo', invito alla prevenzione con leggerezza


ARTICOLI

Al via studio sulla coppia nivolumab/ibrutinib nel linfoma non Hodgkin

La combinazione dell'inibitore del checkpoint immunitario PD-1 nivolumab e l'inibitore orale della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ibrutinib sarà valutata in uno studio di fase I/II come trattamento per i pazienti con linfoma non Hodgkin (NHL). Lo ha[...]

Melanoma ad alto rischio: nuova biochemioterapia ritarda la recidiva, ma non prolunga la sopravvivenza

Una biochemioterapia fatta per 9 settimane permette di migliorare la sopravvivenza libera da recidiva (RFS), ma non la sopravvivenza globale (OS) e aumenta la tossicità rispetto al trattamento con interferone ad alte dosi per un anno nei pazienti con[...]

Trattamento personalizzato in emofilia: obiettivo zero sanguinamenti

L'importanza di una medicina personalizzata è oramai un mantra che sentiamo ripetere per molte patologie. Nella terapia dei tumori siamo già nella giusta direzione, vista la possibilità di determinare i recettori di molte cellule tumorali e scegliere[...]

Ca al polmone, ora più chiaro come mai erlotinib non funziona nei pazienti con EGFR mutato in stadio iniziale

Le mutazioni nel recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) sono le anomalie genetiche più comuni sulle quali si può agire finora scoperte nel cancro al polmone.

Nivolumab, entusiasmo per i dati nel ca del polmone

Hanno impressionato positivamente clinici ed analisti i dati di efficacia resi noti oggi Bristol-Myers Squibb relativi a uno studio di Fase II condotto con nivolumab, inibitore del checkpoint immunitario PD-1, in pazienti con carcinoma non a piccole [...]

Cancro al polmone, per l'Fda pembrolizumab terapia fortemente innovativa

La U.S. Food and Drug Administration ha concesso a pembrolizumab, nuova terapia immunologica diretta a bloccare il check point immunitario PD-1, la Breakthrough Therapy Designation per il trattamento dei pazienti con tumore al polmone non a piccole [...]

Approvazione europea di olaparib, il commento di un esperto oncologo italiano

L'approvazione europea preliminare da parte del Chmp dell'Ema di olaparib per la terapia del carcinoma ovarico platino-sensibile legato a mutazione BRCA è un “si” molto importante in quanto si tratta del primo esponente della nuova classe dei PARP in[...]

Ca al polmone, promette bene veliparib aggiunto alla chemio, specie nel sottotipo squamoso

L'inibitore di PARP veliparib inizia a dare risultati interessanti anche nel tumore al polmone. In uno studio presentato al recente congresso della European Society of Clinical Oncology a Madrid, Suresh S. Ramalingam (del Winship Cancer Institute del[...]

Leucemia mieloide acuta, vosaroxin offre benefici nei pazienti anziani

Vosaroxin, un derivato chinolonico di una classe finora non utilizzata nella trattamento dei tumori, non ha centrato il suo obiettivo primario, cioè il miglioramento della sopravvivenza globale (OS) rispetto al placebo, in aggiunta a citarabina, in u[...]

Ca al polmone, nuove linee guida sui test molecolari con bollino ASCO

L'American Society of Clinical Oncology (ASCO) ha dato la sua benedizione a una linea guida congiunta di diverse altre società scientifiche, volta a orientare le decisioni su quando offrire il test molecolare per rilevare la presenza di mutazioni del[...]

Leucemia linfoblastica acuta, risultati eclatanti con l'immunoterapia cellulare anti-CD19

Finalmente pubblicati, su The Lancet, i risultati ottenuti nei pazienti affetti da leucemia trattati con linfociti T autologhi ingegnerizzati in modo da esprimere un recettore chimerico capace di riconoscere un antigene tumorale (CAR), in questo caso[...]

Fda, priority review a lenvatinib per il ca tiroideo refrattario allo iodio radioattivo

La Food and Drug Administration (Fda) ha concesso la priority review, un iter accelerato per l'esame del dossier registrativo, a lenvatinib mesilato come trattamento per i pazienti con cancro alla tiroide differenziato progressivo e refrattario allo [...]

Carmine Pinto nuovo presidente nazionale degli oncologi italiani

Carmine Pinto è il nuovo Presidente dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). È entrato in carica durante il XVI Congresso Nazionale della Società scientifica, che si è chiuso domenica scorsa a Roma con la partecipazione di circa 3.000 s[...]

Ca alla prostata avanzato, triptorelina sottocute bene in fase III

In occasione del congresso dell'Associazione Europea di Urologia (EAU), a Cracovia, sono stati presentati risultati positivi di uno studio di fase III su triptorelina pamoato 11,25 mg somministrata per via sottocutanea nei pazienti con carcinoma pros[...]

Tumore del pancreas, in due anni + 13% di nuovi casi, serve più prevenzione

E' un killer silenzioso e in costante crescita. parliamo del tumore del pancreas, per il quale in Italia nel 2014 i nuovi casi registrano incrementi del 4% sul 2013 e del 13% rispetto al 2011, per un totale di 12.700 persone colpite. I sintomi rimang[...]

Tumore della vescica, indisponibilità del farmaco a base di bacillo di Calmette-Guerin

Nelle ultime settimane, al Tribunale per i diritti del malato sono giunte numerose segnalazioni di cittadini che lamentano l'indisponibilità del farmaco OncoTICE indicato per la cura del tumore alla vescica. L'indisponibilità, ad una attenta analisi,[...]

Tumore al seno, con i nuovi farmaci -38% di mortalità in 20 anni

Oggi il tumore al seno fa sempre meno paura: negli ultimi vent'anni la mortalità a causa del cancro è diminuita del 38%. Quando la diagnosi è precoce, la sopravvivenza sfiora ormai il 90% Se ne è parlato a Roma nel corso del XVI congresso nazionale [...]

Immuno-oncologia quarta arma contro i tumori, nel melanoma il 20% dei pazienti è vivo dopo 10 anni

Potenzia le difese immunitarie dell'organismo del paziente per poter meglio combattere il tumore. Si chiama immuno-oncologia ed è la quarta arma nel trattamento del cancro, che si aggiunge alla chirurgia, alla radioterapia e alla chemioterapia. Ipili[...]

Ca alla tiroide: scoperte due mutazioni, una di sensibilità e una di resistenza a everolimus

Scoperte due nuove mutazioni finora sconosciute nei tumori della tiroide, che possono conferire o sensibilità o resistenza al trattamento con l'inibitore di mTOR everolimus. I risultati dettagliati delle analisi, relative a un singolo paziente, sono [...]

Ca renale metastatico, risposte durature con nivolumab nei pazienti già trattati

Dopo i tanti successi ottenuti nel melanoma, l'inibitore del checkpoint immunitario nivolumab fa ben sperare anche nel carcinoma renale. Infatti, in uno studio di dose-ranging presentato al recente congresso della European Society of Medical Oncology[...]