Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al seno HR+/HER2- avanzato, con abemaciclib più fulvestrant si sopravvive di più


Nuovi casi di tumore in calo grazie allo screening, ma adesione da migliorare


Saverio Cinieri nuovo presidente eletto AIOM


Biosimilari anti-cancro importanti per la sostenibilità, no a sostituibilità automatica


Farmaci oncologici innovativi, quali sono le regole per accedervi in anticipo?


Big data e intelligenza artificiale, quale impatto in oncologia?


Tumore al seno, polimorfismi a singolo nucleotide potenzialmente utili per la scelta terapeutica


Test del BRCA, che cos’è e chi deve farlo?


Tossicità finanziaria dei tumori e delle cure antitumorali, studio italiano ne valuta l’impatto


Tromboembolismo venoso nei malati di cancro: come prevenirlo, come trattarlo


Tumore della prostata, l’importanza di nuovi outcome e della qualità di vita


Carcinoma della mammella, che cosa sono e come si curano i tumori HER2low?


Difendersi dalle fake news in oncologia, sito antibufale degli oncologi italiani


Carcinoma epatico avanzato, in arrivo in Italia lenvatinib, nuovo farmaco mirato per la prima linea


Tumori con mutazioni di BRCA, il test sia rimborsabile in tutta Italia


Tumore della prostata, come prevenirlo, come scoprirlo


Cancro della prostata, una web sit com per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione con ironia


Cancro della prostata, al via la campagna web ‘Qui Pro Quo', invito alla prevenzione con leggerezza


ARTICOLI

Everolimus, conferme nel carcinoma mammario avanzato HER2 positivo

I risultati di studio di Fase III condotto in donne con carcinoma mammario avanzato HER2 positivo (HER2 +) hanno mostrato che everolimus in combinazione con trastuzumab e vinorelbina hanno significativamente esteso la sopravvivenza libera da progres[...]

Ca renale, uso di statine associato a un aumento della sopravvivenza post-nefrectomia

In un nuovo studio retrospettivo appena presentato al congresso dell'American Urological Association, a San Diego, in California, il consumo di statine è risultato associato in modo indipendente a un miglioramento sia della sopravvivenza globale sia [...]

Test HPV più efficace del Pap test

Il test HPV effettuato prima del Pap test nelle donne oltre i 30 anni migliora la prevenzione dal tumore del collo dell’utero, che ancora oggi colpisce circa 3.500 italiane ogni anno, nonostante sia ormai chiara la sua relazione con l’infezione da Pa[...]

Leucemia linfatica cronica, idelalisib bene in fase II nei pazienti naive

Sono positivi i risultati dello studio 101-08, un trial di fase II che ha valutato l'antitumorale sperimentale idelalisib, un inibitore orale dell'enzima PI3K-delta, in combinazione con rituximab in un gruppo di pazienti anziani colpiti da leucemia l[...]

Leucemia linfatica cronica dell'anziano, obinutuzumab in aggiunta alla chemio bene in fase III

Il nuovo anticorpo monoclonale sperimentale obinutuzumab (noto anche con la sigla GA101) in combinazione con la chemioterapia, ha dimostrato di ridurre in modo significativo, dell'86%, il rischio di progressione della malattia, recidiva o decesso nei[...]

Accoppiata ipilimumab-nivolumab promettente nel melanoma metastatico

Un'immunoterapia combinata che vede associati ipilimumab e l'anticorpo sperimentale nivolumab (entrambi sviluppati da Bristol-Myers Squibb) si è dimostrata più efficace rispetto a ciascuno dei due agenti in monoterapia in uno studio di fase I e sembr[...]

Nuovo anticorpo anti-PD-L1 promettente contro diversi tumori avanzati

L'anticorpo monoclonale sperimentale MPDL3280A, diretto contro la proteina PD-L1 (e sviluppato da Genentech) si è dimostrato ben tollerato ed efficace in diversi tipi di tumori avanzati in uno studio preliminare di autori francesi e americani, presen[...]

Idelalisib promettente contro la leucemia linfatica cronica refrattaria o ricaduta

Idelalisib, una piccola molecola capostipite di una potenziale nuova classe di farmaci, quella degli inibitori dell'isoforma delta della fosfoinositide-3 chinasi (PI3K), si è dimostrato promettente contro la leucemia linfatica cronica (LLC) in un gru[...]

Vitamine riducono 8% rischio di ammalarsi di tumore

Gli integratori multivitaminici aiutano a prevenire il cancro, riducendo il rischio dell'8%. A dirlo è il 'Physicians' Health Study II' (Phs II), uno studio promosso dall'Istituto Nazionale di Sanità americano, presentato questa mattina nel corso di [...]

Ca al polmone, isoforma 3 della tubulina beta non predice la risposta a ixabepilone o paclitaxel

Nel carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC), un nuovo studio sembra confermare che l'espressione dell'isoforma 3 della tubulina beta (beta-3T) è un fattore prognostico sfavorevole, ma la presenza di tale isoforma non ha mostrato alcun valor[...]

Ca mammario, mantenimento con trastuzumab per un anno: stessi benefici nella forma duttale invasiva e in quella lobulare invasiva

Le pazienti con un carcinoma mammario invasivo lobulare che hanno partecipato allo studio HERA (Herceptin Adjuvant) hanno ottenuto benefici analoghi dal trattamento di mantenimento per un anno con l'anticorpo monoclonale trastuzumab alle pazienti con[...]

Cancro al polmone ALK+, con crizotinib un deciso passo avanti terapeutico

L'Aifa ha deciso di accogliere la domanda dell'AIOT e ha inserito il crizotinib nell'elenco dei medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale, ai sensi della legge 23 dicembre 1996, n. 648, per il trattamento di pazienti affet[...]

Antitumorale di Sigma-Tau entra in sperimentazione clinica

Il Gruppo sigma-tau ha annunciato oggi che il nuovo antitumorale proprietario, SST0001, è oggetto di uno studio internazionale di fase I nel Mieloma Multiplo e verrà studiato anche in Italia. Il farmaco inibisce un enzima, l'eparanasi, che gioca un[...]

Tumore al polmone: conferme dal congresso EMCTO per gefitinib

Un tasso di regressione del tumore al polmone del 70%. E' questo il risultato più eclatante dello studio IFUM1, presentati oggi all’European Multidisciplinary Conference in Thoracic Oncology, convalidano l’efficacia della terapia di prima linea con g[...]

Epatite C, possibile riduzione del rischio di ca al fegato con le statine

Negli adulti con infezione da virus dell'epatite C (HCV), l'uso di statine è associato a una riduzione significativa del rischio di carcinoma epatocellulare (HCC), stando ai risultati di un ampio studio osservazionale di ricercatori taiwanesi, appena[...]

Cancro al polmone, positiva la fase I/II per nuovo inibitore di ALK

Chugai Pharmaceutical ha annunciato i risultati di uno studio di fase I/II condotto sull'inibitore sperimentale di ALK attivo per via orale conosciuto con la sigla AF802 in pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) che presentano u[...]

Ca mammario iniziale HER2+, everolimus può superare la resistenza a trastuzumab

Uno studio appena presentato alla quinta IMPAKT Breast Cancer Conference, a Bruxelles, ha dimostrato che l'aggiunta di everolimus al trattamento neoadiuvante con trastuzumab si associa a un miglioramento (non significativo) delle percentuali di rispo[...]

Ca al colon retto metastatico, axitinb non migliora la sopravvivenza rispetto alla terapia standard

L'aggiunta del nuovo farmaco oncologico anti VEGF axitinib alla chemioterapia FOLFOX-6 per il trattamento del tumore al colon retto metastatico, non migliora il tasso di risposte oggettive (ORR), la sopravvivenza senza progressione (PFS) e la sopravv[...]

Ca mammario HER2+, mutazioni di PIK3CA riducono sopravvivenza nelle pz trattate con trastuzumab

Un nuovo studio pubblicato su British Journal of Cancer mostra che la presenza di mutazioni nel gene PIK3CA influisce negativamente sulla sopravvivenza delle pazienti con tumore al seno HER2 positivo in terapia con trastuzumab.

Alcuni farmaci antiosteoporosi riducono il cancro al seno

Una famiglia di farmaci a base di ormoni può ridurre in modo significativo le probabilità di cancro al seno nelle donne ad alto rischio di sviluppare questo tumore, soprattutto per fattori ereditari. Si tratta del tamoxifene, usato per trattare il ca[...]