Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al seno HR+/HER2- avanzato, con abemaciclib più fulvestrant si sopravvive di più


Nuovi casi di tumore in calo grazie allo screening, ma adesione da migliorare


Saverio Cinieri nuovo presidente eletto AIOM


Biosimilari anti-cancro importanti per la sostenibilità, no a sostituibilità automatica


Farmaci oncologici innovativi, quali sono le regole per accedervi in anticipo?


Big data e intelligenza artificiale, quale impatto in oncologia?


Tumore al seno, polimorfismi a singolo nucleotide potenzialmente utili per la scelta terapeutica


Test del BRCA, che cos’è e chi deve farlo?


Tossicità finanziaria dei tumori e delle cure antitumorali, studio italiano ne valuta l’impatto


Tromboembolismo venoso nei malati di cancro: come prevenirlo, come trattarlo


Tumore della prostata, l’importanza di nuovi outcome e della qualità di vita


Carcinoma della mammella, che cosa sono e come si curano i tumori HER2low?


Difendersi dalle fake news in oncologia, sito antibufale degli oncologi italiani


Carcinoma epatico avanzato, in arrivo in Italia lenvatinib, nuovo farmaco mirato per la prima linea


Tumori con mutazioni di BRCA, il test sia rimborsabile in tutta Italia


Tumore della prostata, come prevenirlo, come scoprirlo


Cancro della prostata, una web sit com per abbattere i tabù e promuovere la prevenzione con ironia


Cancro della prostata, al via la campagna web ‘Qui Pro Quo', invito alla prevenzione con leggerezza


ARTICOLI

Ibrutinib grande promessa contro leucemia linfatica cronica e linfoma a cellule mantellari

Ibrutinib, un inibitore sperimentale della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ha postrato di poter indurre remissioni durature in due diversi studi appena pubblicati sul New England Journal of Medicine, uno sulla leucemia linfatica cronica (LLC) e l'alt[...]

Cancro del fegato: con un ago si bruciano le cellule malate

Senza tagli sulla pelle e in anestesia locale oggi è possibile bruciare il tumore del fegato. Si chiama termoablazione a radiofrequenza e permette di eliminare le cellule malate in 15 minuti, con meno rischi e complicanze per i pazienti rispetto alla[...]

Ca renale metastatico, sunitinib resta il gold standard in prima linea

L'inibitore di mTOR everolimus non si è dimostrato non inferiore all'anti-VEGF sunitinib nel rallentare la progressione in prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule renali (RCC), in base ai risultati dello studio multicentrico di fase II RECOR[...]

Ruxolitinib, migliora la sopravvivenza globale in pazienti affetti da mielofibrosi

Ruxolitinib diminuisce il rischio di morte del 52% e determina riduzioni delle dimensioni della milza, in base ai nuovi dati a tre anni dello studio COMFORT-II Le analisi di uno studio separato suggeriscono che il trattamento a lungo termine con rux[...]

Mielofibrosi, bene in fase II e III il nuovo inibitore di JAK2 di Sanofi

Dati molto solidi di fase III e nuovi dati di conferma di fase II sul nuovo inibitore dell'enzima JAK2 SAR302503, in fase di sviluppo come trattamento contro la mielofibrosi, fanno pensare che il deposito della domanda di via libera alle autorità reg[...]

Ca ovarico, aggiunta di trebananib a paclitaxel frena la progressione

L’aggiunta a paclitaxel di trebananib, un nuovo agente in sperimentazione contro il carcinoma ovarico (sviluppato da Amgen), ha migliorato di circa 2 mesi la sopravvivenza libera da progressione (PFS), centrando così l’endpoint primario dello studio [...]

Mieloma multiplo, si sopravvive di più aggiungendo pomalidomide a desametasone

Pomalidomide in combinazione con desametasone a basso dosaggio ha aumentato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla monoterapia con desametasone ad alto dosaggio nei pazienti c[...]

Ca della cervice avanzato, aggiunta di bevacizumab alla chemio allunga la vita

L'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia standard ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) di quasi 4 mesi in donne con un cancro della cervice uterina avanzato o recidivante nello studio di fase III GOG 240, condotto dal Gynecology Oncology G[...]

Nuova classificazione del tumore al seno aiuta a predire la risposta al trattamento

Utilizzare una nuova classificazione in sette sottotipi del tumore al seno triplo negativo può aiutare a prevedere se la paziente avrà una risposta clinica elevata oppure scarsa alla chemioterapia. A suggerirlo è uno studio appena presentato al congr[...]

Ca al polmone, pemetrexed più carboplatino come paclitaxel più carboplatino e bevacizumab

Un regime a base di pemetrexed e carboplatino non si è dimostrato superiore a paclitaxel, carboplatino e bevacizumab nel migliorare la sopravvivenza libera da progressione senza tossicità gravi correlate alla terapia in pazienti affetti da carcinoma [...]

Cancro al seno, nel nostro paese si guarisce 9 volte su 10

Presentati oggi in convegno a Roma gli ultimi lavori scientifici sul tumore femminile più diffuso. Il prof. Cognetti (AIOM): “Sopravvivenza in continuo aumento, grazie a diagnosi precoci e terapie dalla grande efficacia. Il lavoro del Gruppo Mammella[...]

Cancro gastrico, delude l’anti HER2 lapatinib

GlaxoSmithKline ha reso noto che l’anti cancro lapatinib in combinazione con la chemioterapia in uno studio di fase III non ha aumentato la sopravvivenza globale di pazienti con tumore gastrico, rispetto la sola chemio. L’OS media dei pazienti in lap[...]

Cancro ovarico ed endometriale: rischio ridotto mediante l'uso di statine

L'utilizzo di statine per oltre un anno prima della diagnosi di una patologia maligna ginecologica si associa a una riduzione del rischio di cancro endometriale e, probabilmente, di cancro ovarico. Lo rivela uno studio israeliano apparso su Gynecolog[...]

Ca prostatico, enzalutamide in monoterapia bene come la castrazione biochimica sul PSA, ma con meno impatto sull'osso

Una monoterapia con enzalutamide per 6 mesi ha portato a un "alto tasso di risposta biochimica e a una marcata riduzione del PSA in pazienti con un cancro alla prostata naïve alla terapia ormonale in uno studio multicentrico di fase II a singolo brac[...]

Ca del colon retto avanzato, in prima linea cetuximab meglio dell'anti VEGF

Il trattamento di prima linea con cetuximab più la chemioterapia FOLFIRI offre un vantaggio di sopravvivenza di circa 4 mesi ai pazienti con carcinoma del colon-retto metastatico rispetto a bevacizumab più FOLFIRI. A evidenziarlo sono i risultati del[...]

Ca al seno, paclitaxel settimanale ugualmente efficace e meno tossico che ogni 15 gg

Alcuni risultati dello studio S0221, un trial randomizzato di fase III del Southwest Oncology Group (SWOG), presentati in occasione dell'ASCO mostrano che nelle pazienti colpite da un cancro al seno si può ottenere lo stesso controllo della malattia,[...]

Leucemia linfatica cronica, aggiunta di obinutuzumab alla chemio migliora gli outcome

L'aggiunta di obinutuzumab, nuovo anticorpo monoclonale sperimentale anti-CD20, alla chemioterapia standard migliora gli outcome nei pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) anziani e più malati, forse più che l'aggiunta di rituximab. È questo i[...]

Ca al polmone, aggiunta di ganetespib a docetaxel migliora gli outcome

L'aggiunta a docetaxel di ganetespib, un inibitore della heat shock protein 90 (Hsp90) sviluppato da Synta Pharmaceuticals, ha migliorato la sopravvivenza rispetto al solo docetaxel in pazienti con adenocarcinoma polmonare nello studio GALAXY-2, un t[...]

Ca al pancreas avanzato, aggiunta del vaccino GV1001 alla chemio non allunga la vita

Non tutte le immunoterapie antitumorali di cui si è parlato al congresso annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) hanno brillato per efficacia. È il caso del vaccino GV1001, un vaccino peptidico anti-telomerasi sviluppato da GemVax, [...]

Ca ovarico avanzato, chemio più frequente migliora la qualità di vita e non mina l'efficacia

Accorciare l'intervallo tra le sedute di chemioterapia può migliorare la qualità di vita nelle donne colpite da un tumore ovarico avanzato senza minarne l'efficacia. È quanto è successo nello studio MITO-7, un trial randomizzato internazionale di fas[...]