Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


50 anni di AIL: quali sono stati i maggiori progressi in ematologia?


Quali sono le 3 patologie ematologiche la cui cura è migliorata di più?


ARTICOLI

Ca ovarico ricorrente, benefici con la combinazione irinotecan-bevacizumab

Il trattamento con irinotecan e bevacizumab ha fornito un beneficio clinico a due terzi delle pazienti con un carcinoma ovarico ricorrente in un piccolo studio appena presentato al congresso della Society of Gynecologic Oncology a Los Angeles.

Tumori seno, nuovo test genetico evita chemioterapia inutile

Un nuovo test genetico, disponibile anche in Italia ma non ancora rimborsato dal Sistema sanitario nazionale, potrebbe evitare la chemioterapia a un quarto delle donne malate di tumore al seno. Lo affermano gli esperti durante la St.Gallen Internatio[...]

Tumore al seno, radioterapia aumenta il rischio di eventi cardiaci

Come è noto, la radioterapia offre importanti benefici nel trattamento del tumore alla mammella, ma uno studio pubblicato sul NEJM mostra un aumento del rischio di eventi coronarici maggiori nelle pazienti sottoposte alla terapia.

Ca ovarico avanzato, sopravvivenza più lunga con la chemio per via intraperitoneale

La chemioterapia per il tumore ovarico in fase avanzata somministrata per via intraperitoneale (IP) continua a mostrare un vantaggio di sopravvivenza rispetto a quella per via endovenosa (IV) dopo più di 10 anni di follow-up. Lo dimostra un'analisi d[...]

Aspirina potrebbe ridurre il rischio di melanoma

L'aspirina potrebbe ridurre il rischio di melanoma. A rivelarlo è una ricerca Usa pubblicata sulla rivista Cancer. Nell'ambito del Women Health Initiative, un progetto di ricerca del National Institutes of Health (Nih), sono state osservate 58.806 do[...]

Bavituximab, nuove conferme in fase II nel NSCLC refrattario

Peregrine Pharmaceuticals ha reso noti nuovi dati di uno studio di fase II condotto sull'anticorpo monoclonale bavituximab in pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC). In base ai nuovi risultati l'azienda ha deciso di iniziare la [...]

Ca cervice uterino, topotecan-paclitaxel non migliora la sopravvivenza

Una nuova doppietta chemioterapica non contenente platino - topotecan più paclitaxel – non ha migliorato la sopravvivenza rispetto alla terapia standard con cisplatino-paclitaxel in un gruppo di pazienti colpite da cancro della cervice uterina avanza[...]

Statine, prospettive antilinfoma dal blocco alla via del mevalonato

Gli inibitori dell'Hmg-CoA reduttasi, ovvero le statine, farmaci ampiamenti impiegati nel trattamento dell'ipercolesterolemia, potrebbero diventare un'arma terapeutica contro il linfoma. Lo dimostrano i risultati di uno studio condotto dalle universi[...]

Mesotelioma, nuova terapia per evitare la chemio

Una nuova strada nella lotta al mesotelioma maligno potrebbe giungere dal Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica di Alessandria. Il team di ricerca ha individuato una combinazione efficace tra ascorbato (vitamina C), l'EGCG (epigallo-catec[...]

Ca testa-collo, aggiunta di gefitinib o erlotinib alla chemio non migliora gli outcome

L'aggiunta di due farmaci mirati – gli inibitori delle tirosin chinasi gefitinib ed erlotinib – alla chemioterapia standard non ha migliorato gli outcome di efficacia in due diversi studi di fase III sul tumore della testa e del collo, appena pubblic[...]

Terapie innovative, ricerca e qualità di vita: le eccellenze del modello lombardo in Ematologia

La Rete Ematologica Lombarda, cui aderiscono oltre 107 strutture regionali, è un modello di riferimento nazionale che permette ai pazienti di beneficiare dei migliori percorsi diagnostico-terapeutici e di accedere alle terapie più innovative.

Da Lancet Oncology conferme per tosedostat nella leucemia mieloide acuta

La rivista specializzata Lancet Oncology ha pubblicato i risultati di fase 2 dello studio OPAL su tosedostat, condotto su pazienti anziani con leucemia mieloide acuta (LMA), recidivata o refrattaria. Lo studio ha dimostrato che tosedostat, somministr[...]

Tumori al seno: forte aumento in giovani di 25-34 anni

Aumentano i casi di tumore del seno in donne giovani tra i 25 ed i 39 anni, e si impennano addirittura del triplo i casi nella stessa fascia di età di cancro già con metastasi, in stadio avanzato: a lanciare l'allarme è un nuovo studio Usa pubblicato[...]

Ca al seno, anti-HER2 potrebbero essere utili anche nelle donne HER2-negative

Nel cancro al seno, i farmaci mirati anti-HER2, come trastuzumab, potrebbero essere utili a un gruppo di donne più ampio rispetto a quello che presenta un'amplificazione del gene HER2, gruppo al quale va limitato l'uso di tali agenti secondo le attua[...]

Glioblastoma, cilengitide delude in studio di fase III

L'inibitore delle integrine con proprietà anti-angiogenetiche, cilengitide, non ha raggiunto l'endpoint prinicipale dello studio di fase III CENTRIC (aumento sopravvivenza generale) in pazienti con glioblastoma multiforme di nuova diagnosi e promotor[...]

Terapia cellulare italiana efficace nelle leucemie acute

Grazie a una terapia sperimentale fatta con linfociti T attivati, il trapianto da donatore familiare parzialmente compatibile è sovrapponibile per sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da malattia, rispetto a quelli ottenuti con il trapianto [...]

Leucemia mieloide acuta, rischio aumentato con la chemio

La chemioterapia ha aumentato i tassi di sopravvivenza e migliorato gli outcome di molti tumori, ma tra i suoi svantaggi vi è l'aumento del rischio di indurre una leucemia. A confermarlo è uno studio osservazionale appena pubblicato online sulla rivi[...]

Chemioprevenzione per un anno con erlotinib e celecoxib promettente nel ca testa-collo

In uno studio preliminare di fase I appena pubblicato su Clinical Cancer Research, un trattamento chemiopreventivo per un anno con erlotinib e celecoxib ha fatto regredire in modo significativo le lesioni precancerose da cui prende origine il tumore [...]

Ca prostatico metastatico, aggiunta di aflibercept a docetaxel non migliora gli outcome

L'aggiunta dell'inibitore del VEGF aflibercept a docetaxel e prednisone in prima linea non migliora la sopravvivenza né, in generale, gli altri outcome negli uomini che hanno un cancro alla prostata ormonoresistente già in fase metastatica. È questo [...]

Linfoma non-Hodgkin, bendamustina più rituximab raddoppia la PFS

I risultati di uno studio pubblicato oggi su The Lancet dimostrano che l’associazione bendamustina più rituximab – in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare – raddoppia la sopravvivenza libera da progressione di malattia, rispetto al[...]