Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


50 anni di AIL: quali sono stati i maggiori progressi in ematologia?


Quali sono le 3 patologie ematologiche la cui cura è migliorata di più?


Oncologia, la rivoluzione dei farmaci immunoterapici


L'impegno di Bristol-Myers Squibb nella cura del cancro con l'immunoterapia


Ruolo diagnostico della medicina nucleare. Il caso dei tumori neuroendocrini


Novità in medicina nucleare: teragnostica, radiofarmaco per la terapia dei NET


Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio


ARTICOLI

Ca al seno, restano invariate le raccomandazioni della USPSTF sullo screening mammografico

La task force statunitense per i servizi di prevenzione (USPSTF) ha appena diffuso le sue raccomandazioni finali relativa allo screening per il cancro al seno, a seguito di una revisione approfondita delle evidenze sui benefici e danni dello screenin[...]

Ca a cellule renali, nivolumab in seconda linea allunga la vita in alcuni pazienti

Nivolumab mostra un beneficio di sopravvivenza coerente nei diversi sottogruppi come trattamento di seconda linea per il carcinoma a cellule renali (RCC). Lo rivela un'analisi dello studio di fase III CheckMate-025 appena presentata in occasione del [...]

Leucemia acuta, aggiunta di ATG al regime di condizionamento mieloablativo riduce la GVHD cronica post-trapianto

L'aggiunta di un siero anti-linfocitario (globulina anti-linfocitaria, ATG) al regime di condizionamento mieloablativo per i pazienti con leucemia acuta può ridurre in modo significativo l'incidenza della malattia del trapianto contro l'ospite (graft[...]

Chemio neoadiuvante ancora sottoutilizzata nel ca gastrico avanzato

La chemioterapia neoadiuvante rimane sottoutilizzata nei pazienti con carcinoma gastrico avanzato, quanto meno negli Stati Uniti, nonostante ci siano prove che non peggiora i risultati perioperatori. È questa la conclusione di uno studio osservaziona[...]

Ca alla prostata metastatico, aggiunta di docetaxel alla terapia endocrina non compromette la qualità di vita

Negli uomini con un cancro alla prostata metastatico ormonosensibile, l'aggiunta di docetaxel alla terapia di deprivazione androgenica (ADT) ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza, ma desta preoccupazioni la tossicità di docetaxel. Nuovi risult[...]

Ca alla prostata metastatico, combinazione celecoxib-acido zoledronico migliora la sopravvivenza

L'aggiunta di celecoxib e acido zoledronico al trattamento standard sembra in grado di prolungare la sopravvivenza negli uomini con carcinoma della prostata metastatico che iniziano la terapia ormonale di prima linea. Lo evidenziano nuovi dati dello [...]

Ca uroteliale metastatico, promettente l'anti-PD-L1 avelumab nei pazienti refrattari

L'anticorpo monoclonale anti-PD-L1 avelumab ha dimostrato di possedere un'attività antitumorale con un profilo di sicurezza accettabile in un trial di fase Ib su pazienti con carcinoma uroteliale metastatico refrattario alla terapia standard. I risul[...]

Ca uroteliale, ipilimumab aggiunto alla chemio non allunga la vita

L'aggiunta dell'inibitore di CTLA-4 ipilimumab alla doppietta cisplatino-gemcitabina non ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti con carcinoma uroteliale metastatico in uno studio di fase II presentato al Genito[...]

Carcinoma a cellule renali. Eisai presenta all'Ema nuova richiesta di autorizzazione all'uso di lenvatinib in combinazione con everolimus

In data odierna, Eisai ha presentato all'Agenzia europea per i medicinali (EMA) una nuova richiesta di autorizzazione all'immissione in commercio per l'impiego di lenvatinib in combinazione con everolimus nel trattamento di soggetti con il carcinoma [...]

Pembrolizumab migliora la sopravvivenza nel tumore del polmone

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della Yale School of Medicine mostra che il farmaco pembrolizumab prolunga la sopravvivenza generale dei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule avanzato. Lo studio, pubblicato su The Lanc[...]

Risultati preliminari positivi per durvalumab in pz con Ca polmonare difficili da trattare

I risultati preliminari dello studio di fase II ATLANTIC mostrano che la terapia di terza linea con durvalumab nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule NSCLC positivo a PD-L1 e senza EGFR o con alterazioni di ALK, dimostra un'attivit[...]

Nanofarmaco migliora l'efficacia della radioterapia nei tumori solidi

Nanobiotix, una società impegnata nello sviluppo di nanofarmaci in campo oncologico, ha annunciato di aver iniziato a studiare la sua molecola di punta NBTXR3 nell'area dell'immunoncologia. Si tratta di un radio-enhancer (potenziatore), disegnato per[...]

Nuovi dati positivi in fase II per venetoclax nella leucemia linfocitica cronica recidivata/refrattaria

Il trattamento con l'inibitore della proteina antiapoptotica BCL2 venetoclax ha portato un'alta percentuale di risposta, con una tossicità accettabile, in pazienti affetti da leucemia linfatica cronica recidivata/refrattaria ad alto rischio, portator[...]

Leucemia linfatica cronica, ibrutinib in prima linea migliora la sopravvivenza nell’anziano

In prima linea, il trattamento con l’inibitore di BKT ibrutinib ha portato a risultati significativamente migliori in termini di sopravvivenza nei pazienti anziani con leucemia linfatica cronica rispetto alla chemioterapia standard con clorambucile n[...]

Leucemia mieloide cronica in fase cronica, ponatinib migliora la sopravvivenza rispetto al trapianto

Nei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica, il trattamento con ponatinib porta a una sopravvivenza globale (OS) superiore rispetto al trapianto allogenico di cellule staminali. Lo evidenziano i risultati combinati di un’analisi di due[...]

Leucemia linfatica cronica, primi segnali di sicurezza ed efficacia in fase III per obinutuzumab-venetoclax in prima linea

Una combinazione sperimentale di obinutuzumab e venetoclax sembra essere sicura come terapia di prima linea nei pazienti con leucemia linfocitica cronica attiva, non trattati in precenza e con comorbidità. Il dato arriva dalla fase di run-in sulla si[...]

Linfoma non-Hodgkin, nuovi dati incoraggianti con l’immunoterapia cellulare con CAR T-cells

Al congresso dell’American Society of Hematology (ASH), che ha appena chiuso i battenti a Orlando, in Florida, sono stati presentati dati aggiornati degli studi preliminari sull’impiego delle cosiddette CAR-T cells, cioè linfociti T ingegnerizzati in[...]

Carcinoma della vescica, “incoraggianti” i dati con l’anti PD-L1 atezolizumab

Sono “incoraggianti” i dati di efficacia per il farmaco sperimentale atezolizumab quando utilizzato per la cura del carcinoma uroteliale. Li definisce così in un comunicato la casa farmaceutica svizzera Roche. Atezolizumab appartiene alla nuovissima[...]

Ca ovarico, screening annuale con test del sangue potrebbe ridurre mortalità del 20%

Uno studio condotto da un team di ricercatori della University College London (UCL), in collaborazione con altri istituti, e pubblicato sulla rivista The Lancet sostiene che lo screening annuale del carcinoma ovarico, in particolare il test del sangu[...]

L'aspirina riduce il rischio di morte per cancro alla prostata?

Secondo uno studio statunitense presentato durante un presscast tenutosi pochi giorni prima dell'apertura dell'edizione 2016 del Genitourinary Cancers Symposium, pare che l'assunzione regolare di aspirina riduca il rischio di morte per cancro alla pr[...]