Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul melanoma BRAF-mutato


Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


Come ridurre la mobilità sanitaria in Italia? Il problema dei pazienti ematologici


Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


ARTICOLI

Mieloma multiplo, mantenimento con lenalidomide ritarda la progressione

Nei pazienti affetti da mieloma multiplo, una terapia di mantenimento prolungata con lenalidomide ritarda la ricaduta. Lo dimostrano tre studi clinici di fase III appena pubblicati sul New England Journal of Medicine. In tutti e tre gli studi, il man[...]

Tumore del fegato, rischio tre volte superiore se si hanno precedenti in famiglia

Con un parente di primo grado che ha avuto un tumore del fegato, il rischio di sviluppare la stessa neoplasia aumenta di tre volte. E' quanto emerge da una ricerca italiana pubblicata nel numero di maggio di Hepatology, una rivista scientifica dell'A[...]

Nsclc avanzato, nab paclitaxel meglio di paclitaxel in solvente

Secondo uno studio internazionale di fase III, uscito da poco sul Journal of Clinical Oncology, nei pazienti affetti da cancro al polmone non a piccole cellule avanzato è meglio usare una formulazione di paclitaxel legato all'albumina in nanoparticel[...]

Rituximab, risposte durature nella porpora trombocitopenica autoimmune

Con il biologico rituximab si ottiene una risposta terapeutica che dura almeno 5 anni in circa un quarto dei pazienti affetti porpora trombocitopenica autoimmune (idiopatica) cronica (PTA), caratterizzata da una bassa conta piastrinica e quindi un el[...]

Tumori neuroendrocrini, al via in Italia primo studio mondiale su nuova terapia

Colpiscono ogni anno 1.200 persone, con diagnosi spesso infauste. Al queste rare forme di cancro è dedicato il X Seminario ITMO (Italian Trials in Medical Oncology) dal titolo Neoplasie a bassa incidenza che si svolge oggi al Policlinico di Monza. Il[...]

Trattamento trimodale migliora la sopravvivenza in pazienti con cancro al polmone

Più della metà dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) sottoposti a chemioterapia a base di cisplatino e radioterapia, dopo resezione chirurgica (trattamento trimodale) ha raggiunto la sopravvivenza a 5 anni, secondo uno st[...]

Donne in remissione dal cancro al seno: peggiori i risultati cognitivi

Le donne in remissione dal cancro al seno che sono state sottoposte a chemioterapia, a radiazioni, o entrambi, rispondono diversamente ai test cognitivi rispetto alle donne che non hanno avuto il cancro. Lo confermerebbe uno studio pubblicato sulla r[...]

Glioblastoma multiforme: vaccino HSPPC-96 migliora la sopravvivenza

L'utilizzo di un vaccino autologo heat shock protein-peptide (HSPPC-96) favorisce la sopravvivenza dei pazienti con recidiva da glioblastoma multiforme (GBM), secondo uno studio di fase 2 presentato il 17 Aprile all'80° Annual Meeting of the American[...]

Tumore al polmone, la chemio aumenta sopravvivenza anche negli anziani

I pazienti anziani con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) hanno una probabilità superiore di ricevere solo le migliori cure di supporto per la patologia, rispetto ai pazienti più giovani, ma uno studio condotto nella pratica clinica most[...]

Epatocarcinoma: brivanib migliora il tempo alla progressione ma non la sopravvivenza

L' anticancro sperimentale brivanib non migliora significativamente la sopravvivenza generale dei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato ma, aumenta il tempo alla progressione delle patologia e migliora il tasso di controllo della malattia e [...]

Vintafolide promettente in fase II nel Nsclc

In uno studio di fase II, appena presentato alla European Lung Cancer Conference (ELCC), a Ginevra, sottoporre i pazienti colpiti da cancro al polmone non a piccole cellule (Nsclc) al test per l'espressione del recettore del folato ha aiutato a stabi[...]

Sunitinib promettente nel carcinoma a cellule renali non operabile

In uno studio pubblicato di recente sul Journal of Urology, quasi la metà dei 28 pazienti colpiti da un carcinoma primario a cellule renali (CCR) inizialmente non resecabile hanno potuto essere sottoposti a nefrectomia dopo essere stati trattati con [...]

Bevacizumab in prima linea e poi in mantenimento efficace nel Nsclc avanzato

Uno studio retrospettivo spagnolo appena presentato alla European Lung Cancer Conference (ELCC), a Ginevra, mostra che pazienti accuratamente selezionati con tumore al polmone non a piccole cellule (Nsclc) hanno raggiunto una sopravvivenza globale me[...]

Dacomitinib efficace nel Nsclc resistente al trattamento

Dacomitinib, un inibitore delle tirosin chinasi di seconda generazione, ha migliorato leggermente gli outcome nel cancro al polmone non a piccole cellule (Nsclc) resistente al trattamento, secondo quanto emerge dalle analisi per sottogruppi di due st[...]

Ricercatori italiani trovano “interruttori” del tumore del colon retto

Identificati piccoli interruttori che regolano la progressione del tumore del colon retto, una neoplasia che purtroppo colpisce in Italia ogni anno oltre 50mila persone: si tratta di alcuni microRNA, piccole molecole di materiale genetico, che letter[...]

Ricercatori del Mario Negri individuano geni della resistenza agli antitumorali

Sull'ultimo numero del giornale scientifico PloS ONE, il laboratorio di Farmacologia Antitumorale del Dipartimento di Oncologia dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri, diretto da Maurizio D'Incalci, in collaborazione con il Dipartiment[...]

Denosumab allunga la vita nel cancro al polmone con metastasi ossee

I pazienti colpiti da tumore al polmone con metastasi ossee trattati con denosumab hanno mostrato una sopravvivenza globale maggiore rispetto a quelli trattati con acido zoledronico in uno studio randomizzato di fase III appena presentato alla terza [...]

Tumori, oggi guarisce l'80% dei pazienti con leucemia fulminante

Sopravvivenza dell'85% a 10 anni per la leucemia mieloide cronica; guarigione dell'80% dei casi nella leucemia promielocitica; miglioramenti evidenti nelle prognosi per la leucemia linfoblastica acuta, e nella qualità di vita per pazienti anziani. L[...]

Negli over 65 l'anti VEGF aggiunto alla chemio non allunga la vita nel Nsclc

Nei pazienti al di sopra dei 65 anni con un tumore al polmone non a piccole cellule (Nsclc) l'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia standard con carboplatino e paclitaxel sembra non fornire un signmificativo vantaggio di sopravvivenza rispetto a[...]

Tumore al colon avanzato, cetuximab non fa meglio della sola chemio

Nei pazienti con tumore al colon di stadio III sottoposti a intervento di resezione chirurgica, l'aggiunta di cetuximab alla chemioterapia non migliora la sopravvivenza libera dalla malattia rispetto al solo trattamento chemioterapico e peggiora la t[...]