Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul melanoma BRAF-mutato


Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


Come ridurre la mobilità sanitaria in Italia? Il problema dei pazienti ematologici


Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


ARTICOLI

Ca renale, possibile effetto positivo di metformina sulla sopravvivenza

Nei pazienti con un carcinoma renale localizzato, l’assunzione di metformina prima della nefrectomia potrebbe avere un effetto positivo sulla sopravvivenza del paziente. A suggerirlo è uno studio osservazionale pubblicato di recente su Urologic Oncol[...]

Ca al colon, chemio adiuvante con S-1 non inferiore a tegafur-uracile più leucovorina

La chemioterapia adiuvante con S-1, un derivato orale della fluoro pirimidina, ha portato a risultati non inferiori a quelli ottenuti con tegafur-uracile più leucovorina in termini di sopravvivenza libera da malattia (DFS) in pazienti con un cancro a[...]

Mieloma pretrattato, il solo carfilzomib non centra l'obiettivo

Il trattamento con l'inibitore del proteasoma carfilzomib non si è dimostrato in grado di prolungare in modo significativo la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla migliore terapia di supporto in pazienti con mieloma multiplo avanzato pesantemente[...]

Linfoma diffuso a grandi cellule B, deficit di vitamina D riduce l’effetto di rituximab

La carenza di vitamina D sembra ridurre la citotossicità cellulare mediata da rituximab e, quindi, peggiorare gli outcome nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) trattati con un regime contenente il biologico. Lo evidenzia uno stu[...]

Iniezioni di botox approccio promettente per prevenire la diffusione del ca gastrico

Tagliare entrambi i rami del nervo vago che innervano lo stomaco o bloccarne la trasmissione del segnale tramite iniezioni di tossina botulinica ha mostrato di prevenire lo sviluppo e la progressione del caricinoma gastrico in modelli murini in uno s[...]

Cellule staminali e microvescicole: un nuovo dispositivo farmacologico per veicolare chemioterapici

La ricerca, applicata a un modello tumorale particolarmente aggressivo - eseguita in vitro e senza alcuna manipolazione di tipo genetico - indica che le cellule staminali mesenchimali, caricate del farmaco, e le microvescicole da esse prodotte posson[...]

Cabozantinib fallisce in fase III nel tumore della prostata, la biotech Exelis taglia il 70% dei posti

La biotech americana Exelixis ha reso noti i dati top line di uno studio di fase III denominato COMET-1, che ha valutato l’impiego di cabozantinib in uomini con tumore della prostata resistente alla castrazione. Il farmaco non ha raggiunto l’end poin[...]

Mieloma multiplo, recidivato/refrattario, carfilzomib in combinazione promosso in fase III

In pazienti con mieloma multiplo recidivato, la combinazione di carfilzomib, lenalidomide e desametasone a basso dosaggio può prolungare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) di 8,7 mesi rispetto ai soli lenalidomide e desametasone. È questo [...]

Sunitinib promettente contro il meningioma refrattario

Sunitinib potrebbe essere il primo trattamento medico efficace per il meningioma maligno o atipico ricorrente, anche se gravato da una certa tossicità. A suggerirlo è uno studio multicentrico e randomizzato di fase II, in cui l'inibitore delle tiros[...]

Ca al seno, con mutazioni di PALB2 rischio simile a quello con mutazioni di BRCA

Le donne portatrici di una mutazione con perdita di funzione nel gene PALB2 sono esposte a un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno simile a quello conferito dalle mutazioni del ben più noto gene BRCA. A evidenziarlo è uno studio intern[...]

Ca al polmone, eribulina non allunga la vita nei pazienti già trattati

Eribulina mesilato non sembra migliorare la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti colpiti da un tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC), già trattati in precedenza. A evidenziarlo è un'analisi preliminare dei dati dello studio 302, un trial[...]

Ca al seno, conferme di sicurezza per trastuzumab emtansine

Nelle donne colpite da un cancro al seno, trastuzumab emtansine (noto anche come T-DM1) ha un profilo di sicurezza favorevole, che lo rende adatto ad essere sperimentato in diversi setting. È questa la conclusione di un ampio studio pubblicato di rec[...]

Daratumumab promette bene nel mieloma multiplo recidivante o refrattario

Daratumumab, un anticorpo monoclonale interamente umano IgG1k diretto contro la proteina di superficie CD38, ha dimostrato una promettente attività in monoterapia nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario ai trattamenti in fase I. I [...]

Ca mammario, chiesto all'Fda il via libera a palbociclib più letrozolo nella malattia avanzata HER2- ed ER+

Sulla base dei risultati positivi dello studio di fase II PALOMA-1, Pfizer ha presentato alla Food and Drug Administration (Fda) la domanda di approvazione per palbociclib in combinazione con letrozolo come trattamento di prima linea per le donne in [...]

Mieloma refrattario o recidivato, promettente carfilzomib una volta alla settimana più desamentasone

La somministrazione dell'inibitore del proteasoma carfilzomib una volta alla settimana in combinazione con desametasone si è dimostrata sicura e caratterizzata da una significativa attività antitumorale in pazienti con mieloma multiplo recidivato o r[...]

Linfoma diffuso a grandi cellule B, promettente lenalidomide aggiunta al regime R-CHOP in tutti i fenotipi

L'aggiunta di lenalidomide al regime R-CHOP (rituximab più ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisone) ha dimostrato un'efficacia promettente in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL), non trattati in precedenza, in tutti[...]

Tumore al seno, prima della chirurgia utili piccole dosi di radioterapia

Nelle donne con tumore al seno, 6 cicli di radioterapia a “basse dosi” somministrata in concomitanza al tradizionale trattamento chemioterapico pre-operatorio aumentano di oltre il 30% la risposta pressoché completa del tumore (cioè la sua scomparsa [...]

Rischio di cancro ridotto del 30-40% con uso regolare di aspirina

Uno studio condotto presso la Queen Mary University di Londra rivela che l'assunzione regolare di aspirina può ridurre in misura importante il rischio di sviluppare tumori del tratto digestivo e il rischio di morte ad essi associato. Per la prima vol[...]

Ca renale metastatico, sunitinib resta lo standard di prima linea

L'inibitore di mTOR everolimus non si è dimostrato non inferiore all'inibitore del VEGF sunitinib come terapia di prima linea del carcinoma renale metastatico nello studio RECORD-3, un trial di fase II randomizzato e multicentrico di confronto testa [...]

Ca al polmone con EGFR mutato, promettente la coppia afatinib-cetuximab

La combinazione di afatinib e cetuximab ha dimostrato di avere attività clinica e un profilo di sicurezza gestibile in pazienti con un tumore al polmone con EGFR mutato che avevano smesso di rispondere alla monoterapia con altri inibitori dell'EGFR ([...]