Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Nuove terapie per la cura delle mielodisplasie, malattie non più figlie di un dio minore


Alleanza tra i pazienti per sconfiggere le sindromi mielodisplastiche. Anziani i piu' colpiti


Mielodisplasie, le 5 terapie che cambieranno la cura di queste neoplasie ematologiche


5 cose da sapere sulle mielodisplasie


Tumore al seno, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Women for Oncology: molta strada ancora da fare per avere pari opportunità di carriera


Tumori ginecologici, le ultime novità per la terapia dal congresso ESMO2019


Leucemia mieloide acuta, quizartinib nuova opzione per i pazienti con mutazioni di FLT3


Tumori neuroendocrini, nuovi biomarker possibili predittori di risposta alla terapia radiometabolica


Le ultime novità dal congresso ESMO2019 sulla terapia del melanoma


Melanoma avanzato, ipilimumab-nivolumab conferma il beneficio di sopravvivenza anche a 5 anni


Tumore della prostata, le ultime novità in terapia dal congresso ESMO2019


Tumore del pancreas, rischio di metastasi -25% con nab-paclitaxel più gemcitabina


Farmaci oncologici innovativi: spesa in aumento, indispensabili le reti regionali


3 cose da sapere sul carcinoma del colon-retto


I 3 sottotipi di tumore al seno


Tumore al seno, cos’è importante sapere


3 cose da sapere sul carcinoma ovarico


3 cose da sapere sul tumore al polmone


ESMO 2019, nuove combinazioni di farmaci aumentano la sopravvivenza


Colangiocarcinoma, sopravvivenza aumentata grazie ad ivosidenib


Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, atezolizumab migliora la sopravvivenza


ARTICOLI

ASCO 2017: leucemia mieloide acuta, enasidenib efficace nei pazienti con mutazioni di IDH2

Il farmaco sperimentale enasidenib si è dimostrato efficace nell'indurre la remissione in pazienti con leucemia mieloide acuta ricaduta o resistente ai trattamenti e portatori di mutazioni del gene dell'isocitrato deidrogenasi-2 (IDH2) in uno studio [...]

Sindromi mielodisplastiche, due doppiette non migliorano la risposta rispetto alla sola chemio

Due diverse combinazioni non sono riuscite a migliorare la risposta nei pazienti con sindromi mielodisplastiche ad alto rischio rispetto alla sola chemioterapia nello studio S1117 del North American Intergroup Study, uno trial randomizzato di fase II[...]

Tumore del rene: ogni anno in Italia 6.840 diagnosi effettuate “per caso”

Per migliorare il livello di consapevolezza su una patologia ancora poco conosciuta si celebra oggi la prima Giornata Mondiale contro il tumore del rene, promossa dall’International Kidney Cancer Coalition (IKCC), rete internazionale e indipendente d[...]

ASCO 2017: immunoterapia in vista per il mesotelioma ricaduto, primi dati molto promettenti

L’Immunoterapia potrebbe rappresentare un nuovo approccio efficace per i pazienti affetti da mesotelioma ricaduto. Infatti, nello studio multicentrico francese di fase II IFCT-1501 MAPS2, presentato a Chicago al congresso dell’American Society of Cli[...]

Ca al polmone, chemio adiuvante potrebbe essere sostituita da gefitinib

Nuovi risultati potrebbero portare gli oncologi a ripensare la terapia adiuvante per i pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule resecato, in stadio II-IIIA. Infatti, lo standard di cura abituale è la chemioterapia standard basata sul c[...]

ASCO 2017: mesotelioma, combinazione nintedanib più chemio allontana la progressione

Il trattamento di prima linea con nintedanib più pemetrexed e cisplatino ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione (PFS) di 3,7 mesi in pazienti con mesotelioma pleurico maligno (MPM), naïve alla chemioterapia, nello studio di fase II/III[...]

Giornata mondiale contro i tumori ematologici, focus sul mieloma multiplo. Impegno a tutto campo di AIL

Il mieloma multiplo quest'anno è stato al centro della Giornata dedicata alla lotta contro leucemie, linfomi e mieloma organizzata come ogni anno da Ail (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma) per fare il punto sul presente e sul[...]

Linfoma cutaneo a cellule T, brentuximab superiore al trattamento standard su tutti gli endpoint

Il coniugato anticorpo-farmaco anti-CD30 brentuximab vedotin ha mostrato di migliorare in modo significativo sia la percentuale di risposta complessiva (ORR) sia la sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana rispetto alla terapia scelta dallo[...]

ASCO 2017: carcinoma uroteliale: attività promettente per la combinazione pembrolizumab/epacadostat

Nello studio di fase I/II ECHO-202/KEYNOTE-037, presentato a Chicago al convegno annuale dell’ASCO, combinare l’inibitore di PD-1 pembrolizumab con l’inibitore dell’IDO1 epacodostat ha portato a una percentuale di risposta complessiva (ORR) del 35% i[...]

Ca al polmone, risposte durature con sacituzumab govitecan

Il coniugato anticorpo-farmaco sacituzumab govitecan (IMMU-132) è risultato ben tollerato e ha prodotto una durata mediana di risposta di 6 mesi in pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule già trattati in precedenza, in uno studio mult[...]

ASCO: Ca renale avanzato, promettente la combinazione avelumab-axitinib in prima linea

Combinare l'inibitore di PD-L1 avelumab con l’inibitore del VEGF axitinib come terapia di prima linea ha portato a una percentuale di risposta del 58,2% in pazienti con carcinoma renale avanzato nello studio di fase Ib JAVELIN Renal 100, appena prese[...]

ASCO 2017: Ca al seno BRCA+, olaparib allontana la progressione, possibile nuovo standard

L'inibitore di PARP olaparib ha prolungato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e ridotto del 42% il rischio di progressione della malattia rispetto alla chemioterapia standard nelle pazienti con carcinoma mammario BRCA[...]

Imatinib trattamento neoadiuvante promettente per i tumori stromali gastrointestinali dello stomaco

Imatinib utilizzato come trattamento neoadiuvante per 6-9 mesi è un’opzione promettente per i pazienti con tumori stromali gastrointestinali (GIST) dello stomaco. Il dato emerge da un piccolo studio multicentrico internazionale di fase II condotto su[...]

ASCO 2017: ca al colon, progressione rallentata con la vitamina D ad alto dosaggio

Negli ultimi anni, studi osservazionali hanno dimostrato che i livelli plasmatici elevati di vitamina D sono associati a una sopravvivenza maggiore nei pazienti con tumore del colon-retto. Ora, per la prima volta, uno studio randomizzato, presentato [...]

ASCO 2017: larotrectinib farmaco ‘jolly’ efficace contro molti tipi di tumori

Larotrectinib (LOXO-101), un nuovo pan-TRK inibitore, ha indotto una risposta in tre pazienti su quattro con tumori solidi diversi, rari e meno rari, ma accomunati dalla presenza di fusioni di TRK (tropomyosin receptor kinase), risultato di un’altera[...]

ASCO 2017: ca al seno, aggiunta di pertuzumab adiuvante utile per alcune pazienti

L'aggiunta di pertuzumab alla terapia post-operatoria standard con trastuzumab in pazienti con un carcinoma mammario in stadio iniziale HER2-positivo (HER2+) ha portato a un miglioramento modesto dell'incidenza complessiva delle recidive, ma ha mostr[...]

ASCO 2017: combinazione epacadostat-nivolumab promettente nel melanoma e nel ca della testa e del collo

La combinazione dell’inibitore dell’IDO epacadostat e dell’inibitore del checkpoint immunitario PD-1 nivolumab ha mostrato segnali promettenti di attività in pazienti con melanoma e pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ne[...]

ASCO 2017: ca al seno triplo negativo, ipatasertib allontana la progressione, ma di poco

L'aggiunta di ipatasertib a paclitaxel in prima linea ha migliorato "in modo modesto" la sopravvivenza libera da progressione (PFS) in donne con tumore al seno triplo negativo (TNBC) nello studio randomizzato di fase II LOTUS, da poco presentato al c[...]

Leucemia mieloide acuta: risposte complete e durature con enasidenib nei pz con mutazione IDH2

Nuovi dati di efficacia e sicurezza dallo studio clinico in corso di fase I / II mirato alla sperimentazione del farmaco orale enasidenib nei pazienti con leucemia mieloide acuta in recidiva o refrattaria (LMA R/R) e mutazione di IDH2 (isocitrato dei[...]

Pubblicate su Lancet le nuove linee guida per le cure palliative in adulti con glioma

I gliomi rappresentano una grossa percentuale dei tumori cerebrali primitivi, con un incidenza di circa 5-6 casi per 100.000 persone adulte per anno. Il ruolo delle cure palliative per tale patologia ha un crescente ruolo strategico. Alla luce di ciò[...]