Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


50 anni di AIL: quali sono stati i maggiori progressi in ematologia?


Quali sono le 3 patologie ematologiche la cui cura è migliorata di più?


ARTICOLI

Leucemia linfatica cronica, ofatumumab migliora del 71% la PFS. Dati su The Lancet

I dati di Fase III pubblicati su The Lancet hanno dimostrato che il trattamento con ofatumumab più clorambucile (una chemioterapia) ha determinato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispett[...]

Un successo della immunoterapia del cancro, a Siena guarito un paziente con melanoma

Da un'aspettativa di vita di tre mesi alla scomparsa delle metastasi: questa la storia di un sorridente signore che vive a Prato, paziente dell'Immunoterapia Oncologica dell'AOU Senese, che ha scelto di rendere pubblica la sua vicenda personale propr[...]

Leucemia mieloide acuta, trattamento meno intensivo efficace nell'anziano

Il trattamento con clofarabina e citarabina a basso dosaggio (LDAC) alternato con decitabina (DAC) si è dimostrato ben tollerato e molto efficace nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta in uno studio di fase II uscito da poco su Cancer.

Ca alla prostata, l'aspirina non riduce la mortalità

Negli uomini con un cancro alla prostata non metastatico di nuova diagnosi l'assunzione di aspirina non è associata a una riduzione della mortalità, né quella complessiva né quella legata specificamente al tumore.

Ca testa-collo, aggiunta di Epo non migliora il controllo loco regionale nei pazienti anemici

Nei pazienti anemici con un carcinoma a cellule squamose della testa e del collo (HNSCC), l'aggiunta di eritropoietina (Epo) alla radioterapia non solo non migliora il controllo locoregionale, ma può essere addirittura dannosa.

Congresso americano di oncologia AACR 2015, conferme per pembrolizumab in tre tipi di tumore

Al meeting annuale dell'American Association for Cancer Research, AACR, sono stati presentati nuovi dati che confermano l'efficacia di pembrolizumab, anticorpo anti-PD-1 di MSD, nel trattamento di forme tumorali particolarmente aggressive e con limit[...]

Tumore del polmone, interrotto in anticipo lo studio di fase III CheckMate -057 con nivolumab

Bristol-Myers Squibb ha annunciato che lo studio di fase III, in aperto, randomizzato per valutare nivolumab rispetto a docetaxel in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) non squamoso metastatico, precedentemente trattati, è s[...]

Melanoma, ipilimumab adiuvante allontana la recidiva

I pazienti con un melanoma in stadio III ad alto rischio di recidiva, sottoposti a un terapia adiuvante con ipilimumab dopo la resezione completa, hanno mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da recidiva (RFS) rispetto a q[...]

Ca al seno triplo negativo iniziale, aggiunta di iniparib alla chemio efficace in fase II

L'aggiunta dell'inibitore di PARP iniparib alla doppietta gemcitabina-carboplatino si è dimostrata attiva ed efficace come terapia neoadiuvante per le donne con un carcinoma mammario triplo negativo e portatrici di mutazioni dei geni BRCA 1 e 2 in un[...]

Ca alla prostata, farmaci per l'ipertrofia prostatica benigna non aumentano il rischio

Gli inibitori della 5-alfa-reduttasi (5-ARI) utilizzati per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna non aumentano il rischio di mortalità legata specificamente al cancro alla prostata né di mortalità dovuta a una qualunque causa negli uomin[...]

Cancro del polmone, dati promettenti per il farmaco sperimentale AZD9291 di AstraZeneca

AstraZeneca ha annunciato gli ultimi dati relativi allo studio AURA, attualmente in corso su AZD9291 nei pazienti con cancro al polmone non a piccole cellule (NSCLC) in stadio avanzato e positivi sia alla mutazione del recettore del fattore di cresci[...]

Malattie infiammatorie intestinali, rischio tumori correlati associato a infiammazione cronica e immunosoppressori

Il rischio di svariati tumori nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali può essere legato in un senso o nell'altro all'infiammazione cronica dell'intestino o all'assunzione di terapie immunosoppressive. È questa la conclusione di una review[...]

Tumore della prostata, interrotto lo sviluppo di tasquinimod

Active Biotech e Ipsen hanno deciso di interrompere tutti gli studi condotti sul farmaco tasquinimod per la terapia dei pazienti con tumore della prostata, dopo che i risultati di uno studio di fase III, insieme a dati preliminari sulla sicurezza del[...]

Leucemia linfoblastica acuta, monitoraggio della MRD può indirizzare la terapia basata sul rischio

Il monitoraggio sequenziale dei livelli di malattia minima residua (MRD) durante l'induzione della remissione nei pazienti pediatrici affetti da leucemia linfoblastica acuta può aiutare a scegliere l'intensità del trattamento.

Ca epatocellulare avanzato, aggiunta di bavituximab a sorafenib ritarda la progressione

Il trattamento con una combinazione dell'anticorpo monoclonale bavituximab e sorafenib ha migliorato il tempo alla progressione e le percentuali di sopravvivenza libera da progressione (PFS) in un gruppo di pazienti con carcinoma epatocellulare avanz[...]

Ca al seno triplo negativo, doppietta cisplatino-gemcitabina migliora gli outcome

Le pazienti con un carcinoma mammario triplo negativo metastatico trattate con la doppietta cisplatino più gemcitabina ottengono risultati migliori in termini di sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto a quelle trattate con paclitaxel pi[...]

Ca al seno, il rischio varia in base a tipo e localizzazione delle mutazioni di BRCA

Nelle donne portatrici di mutazioni dei geni BRCA1 o BRCA2, il tipo e l'esatta localizzazione della mutazione influiscono sul rischio di sviluppare un tumore al seno o alle ovaie.

Ibrutinib sicuro ed efficace contro la macroglobulinemia di Waldenstrom già trattata

L'inibitore della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ibrutinib si è dimostrato "molto attivo" e sicuro in pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom già trattati in uno studio di fase II appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Leucemia mieloide cronica, bosutinib bene come quarta linea

L'inibitore delle tirosin chinasi bosutinib sembra essere una buona opzione come terapia di quarta linea per i pazienti con leucemia mieloide cronica. Tale, almeno, si è rivelato in un piccolo studio retrospettivo su pazienti pesantemente pretrattati[...]

Ca al seno, aspirina e FANS dopo la diagnosi legati a una maggiore sopravvivenza

L’aver utilizzato aspirina e altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) successivamente alla diagnosi di tumore al seno, ma non prima, pare essere associato a un miglioramento della sopravvivenza, legato a una riduzione della mortalità dovuta[...]