Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul melanoma BRAF-mutato


Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore ovarico recidivato BRCA+: la storia di Lia e l'importanza del mantenimento con anti-PARP


Cancro ovarico recidivato, mantenimento con rucaparib bene nella real life anche con BRCA wild-type


Tumore dell'ovaio: uso di rucaparib conveniente per il Ssn, lo dice uno studio di HTA


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Cancro ovarico recidivato, arriva in Italia l'inibitore di PARP rucaparib per il mantenimento


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


ARTICOLI

Sorafenib, benefici nel tumore al seno triplo negativo

Sorafenib, somministrato n combinazione con diversi altri agenti chemioterapici, si è dimostrato attivo in un sottogruppo di pazienti affette da cancro al seno triplo negativo (TNBC), una delle forme più aggressive e difficili da trattare, in due stu[...]

Meno mastectomie con inibitori dell'aromatasi in fase neoadiuvante

Nelle donne con cancro al seno in stadio 2 o 3, l'utilizzo degli inibitori dell'aromatasi in fase neoadiuvante può ridurre le dimensioni del tumore e ridurre le percentuali di mastectomia, a favore di interventi più conservativi. A metterlo in eviden[...]

‘Chemo-brain': buon recupero entro 5 anni, ma migliorare si può

Molti dei pazienti sottoposti a un trapianto di midollo osseo o di cellule staminali del sangue periferico per curare una neoplasia ematologica come una leucemia o un linfoma e di conseguenza alla chemioterapia ad alte dosi necessaria prima e dopo la[...]

Mieloma, conferme per lenalidomide post-trapianto

In occasione dell'International Myeloma Workshop, appena conclusosi a Parigi, sono stati presentati i risultati dello studio di fase III CALGB 100104 nel quale lenalidomide ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza globale di pazienti con [...]

Aflibarcept migliora la sopravvivenza nel ca del colon

Sanofi-aventis e Regeneron Pharmaceuticals hanno reso noti i dati di uno studio di fase III condotto con aflibercept in pazienti con tumore al colon. Il farmaco, utilizzato in seconda linea, ha aumentato la sopravvivenza globale. I dati completi del[...]

Bortezomib sottocute meglio tollerato dell'endovena

I pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario mostrano una durata della sopravvivenza sovrapponibile, ma con meno eventi avversi, se trattati con bortezomib sottocute, rispetto alla formulazione endovenosa dello stesso farmaco. E' il risu[...]

Calcitriolo e docetaxel risultati contrastanti nel ca prostatico

Il trattamento con docetaxel e calcitriolo, la forma attiva della vitamina D3, non ha replicato i risultati di uno studio del 2007 in cui si era dimostrato promettente contro il carcinoma prostatico resistente alla castrazione.

Regime combinato aumenta la sopravvivenza nel carcinoma cervicale

La sopravvivenza delle pazienti con cancro alla cervice uterina in fase avanzata aumenta significativamente a seguito del trattamento con gemcitabina e cisplatino, più brachiterapia e chemioterapia adiuvante. E' il risultato di uno studio pubblicato [...]

Espressione genica nello stroma utile per diagnosi Ca prostatico

Il pattern di espressione genica a livello dello stroma prostatico predice la presenza di un tumore situato nelle vicinanze, con un'accuratezza del 97%. E' quanto riportato in un articolo pubblicato il 1 aprile su Cancer Research.

Cetuximab in prima linea nel tumore metastatico del colon retto

Nell’ultima edizione del Journal of Clinical Oncology è stata pubblicata un’analisi aggiornata dello studio di Fase III CRYSTAL che ha valutato la sopravvivenza complessiva sulla base dello status del gene KRAS nei pazienti colpiti da tumore metastat[...]

Vatalanib delude in fase III nel ca al colon metastatico

Aggiungere l’anti-angiogenesi vatalanib alla chemioterapia con il regime FOLFOX nei pazienti con adenocarcinoma del colon-retto metastatico non serve a migliorare la sopravvivenza globale (OS) e aumenta solo di poco la sopravvivenza libera da progres[...]

Trastuzumab emtansine promettente nel tumore al seno HER2+

Roche ha annunciato i risultati preliminari di uno studio di fase II, denominato TDM4450g, condotto sul farmaco sperimentale trastuzumab emtansine (T-DM1) in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo. Trastuzumab emtansine è un nuovo [...]

Ca gastroesofageo, chemio perioperatoria allunga la vita

I pazienti con adenocarcinoma gastroesofageo sottoposti a chemioterapia prima e dopo la resezione del tumore mostrano una sopravvivenza significativamente migliore rispetto a quelli sottoposti alla sola chirurgia. A metterlo in evidenza è uno studio [...]

Alt a studio di fase III su nilotinib nei GIST

Novartis ha reso noto di aver interrotto uno studio di fase III condotto per valutare l'efficacia di nilotinib e imatinib quali prima linea di trattamento in pazienti affetti da tumori stromali gastrointestinali (GIST). La decisione di interrompere i[...]

Talidomide può frenare la progressione nel ca epatico

Dopo essersi ‘riscattata' come trattamento per il mieloma multiplo, la talidomide potrebbe rivelarsi un'arma utile anche contro il tumore al fegato. E' quanto emerge da un piccolo studio pilota, randomizzato e controllato con placebo, appena presenta[...]

Motesanib delude in fase III nel Nsclc

Bersaglio mancato per l’inibitore dell’angiogenesi sperimentale motesanib, sviluppato congiuntamente da Takeda e Amgen. Nello studio di fase III MONET-1, infatti, questo agente non si è dimostrato in grado di migliorare la sopravvivenza globale rispe[...]

Ca seno, consensus conferma utilità chemioprevenzione

Nelle donne a rischio molto elevato di cancro al seno, fino a una su 10 potrebbe trarre vantaggio da una terapia farmacologia preventiva. A sostenerlo è un articolo, appena uscito online su The Lancet Oncology, che riporta le conclusioni di una confe[...]

Leucemia mieloide, con imatinib mortalità uguale alle persone sane

I pazienti affetti da leucemia mieloide cronica (LMC) trattati per due anni con imatinib hanno un tasso di mortalità simile a quello della popolazione sana. Lo ha dimostrato una ricerca, tutta italiana, denominata ILTE (imatinib long time effects), i[...]

XELOX in adiuvante migliora la sopravvivenza nel ca al colon avanzato

La combinazione capecitabina più oxaliplatino (XELOX) dovrebbe essere considerata il gold standard come chemioterapia adiuvante dopo l’asportazione di un tumore al colon di stadio III. A sostenerlo sono gli autori di uno studio multicentrico e random[...]

Sequenziato il gene del mieloma multiplo: nuove prospettive di cura

Potrebbero esserci nuove carte da giocare contro il mieloma multiplo. A scoprirle è uno studio internazionale, appena pubblicato sull'ultimo numero di Nature, che riporta i risultati del sequenziamento del genoma tumorale di campioni tissutali di mie[...]