Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul melanoma BRAF-mutato


Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


Come ridurre la mobilità sanitaria in Italia? Il problema dei pazienti ematologici


Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


ARTICOLI

Mieloma multiplo, in prima linea carfilzomib non va oltre il pareggio con bortezomib

In uno studio di fase III condotto in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non eleggibili al trapianto di cellule staminali ematopoietiche, carfilzomib non è riuscito a dimostrare una superiorità rispetto a bortezomib in termini di sopravv[...]

Ca al polmone ALK+, ceritinib in prima linea ritarda la progressione

L'inibitore di ALK di seconda generazione ceritinib, utilizzato come trattamento di prima linea, migliora la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto alla chemioterapia standard nei pazienti con un tumore al polmone non a piccole cellule ([...]

Leucemia linfoblastica acuta ricaduta/refrattaria, malattia minima residua influenza gli outcome

Nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivata e refrattaria alla prima terapia di salvataggio, la negatività della malattia minima residua (MRD) è correlata alla sopravvivenza a lungo termine. Lo rivelano i risultati di uno studio retrospe[...]

Trapianto di staminali, trapianto di microbiota fecale efficace contro la GVHD acuta

Il trapianto di microbiota fecale potrebbe essere un'opzione efficace per trattare la malattia del trapianto contro l'ospite (graft-versus-host-disease, GVHD) acuta dell'intestino nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali. A suggerirlo[...]

Ca alla prostata localizzato, dopo 10 anni efficacia simile dei tre approcci, ma con una diversa qualità di vita

I tre approcci principali per il trattamento del cancro alla prostata localizzato - chirurgia, radioterapia o un monitoraggio attivo - danno risultati simili sul piano dell'efficacia, ma il loro effetto sulla qualità della vita è diverso. Lo dicono i[...]

Ca epatocellulare avanzato, con sorafenib l’età non è un problema

Nei pazienti anziani con carcinoma epatocellulare che prendendo sorafenib il farmaco sembra essere efficace quanto in quelli più giovani. A suggerirlo è uno studio osservazionale pubblicato sullo European Journal of Gastroenterology and Hepatology.

Mieloma multiplo, le statine potrebbero ridurre la mortalità

L'uso di statine potrebbe ridurre nei pazienti affetti da mieloma multiplo il rischio di mortalità dovuta a una qualsiasi causa e di mortalità legata specificamente al mieloma multiplo. A suggerirlo è uno studio osservazionale sui veterani statuniten[...]

Sarcoma dei tessuti molli, aggiunta di palifosfamide non allunga la vita

Nei pazienti affetti da sarcoma dei tessuti molli metastatico, l’aggiunta di palifosfamide alla chemioterapia con doxorubicina non migliora gli outcome di sopravvivenza rispetto alla sola doxorubicina. A sancirlo è l’esito dello studio randomizzato d[...]

Mieloma multiplo, malattia minima residua negative dopo il trattamento predittiva di sopravivenza più lunga

Nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi, avere una malattia minima residua (MRD) negativa dopo il trattamento si associa a una sopravvivenza prolungata. A confermare un dato già suggerito da diversi studi è ora una metanalisi dei dati ril[...]

Sindrome mielodisplastica, lenalidomide prolunga l’indipendenza dalle trasfusioni in alcuni pazienti

La lenalidomide può indurre un’indipendenza dalle trasfusioni prolungata nei pazienti con sindrome mielodisplastica a basso rischio, trasfusione-dipendenti, refrattari o non idonei al trattamento con agenti stimolanti l'eritropoiesi (ESA). È quanto e[...]

AstraZeneca ritira la domanda di registrazione presentata all'Ema per cediranib

Oggi la multinazionale britannica ha reso noto di aver deciso di ritirare la domanda di autorizzazione all'immissione in commercio (MAA) presentata al Chmp dell'Ema nel mese di giugno 2015 per cediranib in combinazione con chemioterapia a base di pla[...]

Leucemia plasmacellulare, induzione seguita dal trapianti autologo di staminali ritarda la progressione

Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche preceduto da una terapia di induzione con bortezomib e desametasone più doxorubicina o ciclofosfamide ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e ha portato ad alte percentuali di ris[...]

Linfoma di Hodgkin recidivato, buona risposta con induzione a base di bendamustina prima del trapianto autologo

Nei pazienti con linfoma di Hodgkin recidivato o refrattario, candidabili al trapianto autologo di cellule staminali, la combinazione di bendamustina, gemcitabina e vinorelbina (BeGEV) come chemioterapia di induzione può portare ad alte percentuali d[...]

Ca ovarico, avelumab promettente nelle donne altamente pretrattate

L’anticorpo anti-PD-L1 avelumab si è dimostrato attivo, con un profilo di tossicità accettabile, in pazienti con carcinoma ovarico recidivato/refrattario pesantemente pretrattate nello studio di fase Ib JAVELIN Solid Tumor. I dati sono stati presenta[...]

Cancro al seno metastatico, via libera del Chmp per palbociclib

Finalmente, oltre un anno dopo il via libera americano, arriva anche il semaforo verde del Chmp per l'impiego di palbociclib per la terapia delle donne con un carcinoma mammario che presenta recettori ormonali positivi (ER+) e recettore HER2 negativo[...]

Mieloma multiplo, parere positivo del Chmp per ixazoimib, inibitore orale del proteasoma

Dopo l'inaspettata bocciatura del mese di maggio, adesso è arrivato il semaforo verde del Chmp per ixazomib per la terapia del mieloma multiplo in associazione a lenalidomide e desametasone. Il parere positivo degli espetti dell'Ema è per una approva[...]

Sarcomi dei tessuti molli, via libera del Chmp per olaratumab

Parere positivo del Chmp per l'anticorpo monoclonale olaratumab sviluppato da Lilly per la terapia dei sarcomi dei tessuti molli non eligibili a una terapia curative con chirurgia e radioterapia, in combinazione con la doxorubicina. Una volta approv[...]

Carcinoma a cellule renali, approvazione europea per lenvatinib

La Commissione Europea ha approvato lenvatinib in combinazione con everolimus per il trattamento dei pazienti adulti con carcinoma a cellule renali in fase avanzata già sottoposti a una terapia mirata contro il fattore i crescita endoteliale vascolar[...]

Carcinoma renale, approvazione europea per cabozantinib

Via libera della Commissione Europea per l'approvazione di cabozantinib compresse per il trattamento del carcinoma renale avanzato in pazienti che hanno ricevuto una precedente terapia anti-angiogenica. Sviluppato dalla biotech californiana Exelixis,[...]

Trapianto con staminali del cordone ombelicale preferibile per i pazienti con malattia minima residua

Nei pazienti che hanno raggiunto uno stato di malattia minima residua prima del trapianto, i risultati che si ottengono dopo un trapianto di cellule staminali del cordone ombelicale sono comparabili a quelli ottenuti dopo un trapianto da donatore non[...]