Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Melanoma BRAF-mutato, ok Aifa alla terapia adiuvante con dabrafenib-trametinib


Tumore dell'ovaio, non lasciare indietro le pazienti BRCA-, quelle senza la ‘mutazione Jolie'


Tumore dell’ovaio, cambio di marcia grazie agli inibitori di PARP


Il presente e le nuove frontiere della chirurgia per il carcinoma ovarico


Carcinoma ovarico, qual è la realtà italiana?


Tumore del polmone, ok Aifa a nuova indicazione dell’immunoterapia con pembrolizumab


Melanoma, l’Aifa dice sì a pembrolizumab per la terapia adiuvante


Carcinoma uroteliale avanzato, arriva in Italia l'immunoterapia con pembrolizumab


L’impegno di MSD in oncologia, dalla terapia alla prevenzione


Porpora trombotica trombocitopenica: che cos’è, come si scopre?


Porpora trombotica trombocitopenica, come si cura?


Porpora trombotica trombocitopenica, quali sono i bisogni dei pazienti?


Nasce F.A.V.O. Neoplasie Ematologiche, il network di associazioni di pazienti con tumori del sangue


I pazienti ematologici vengono informati adeguatamente sulla loro patologia?


Cosa ne sanno del loro percorso di cura i pazienti di malattie ematologiche?


Biobanche e ruolo dei campioni biologici: un patrimonio per la ricerca in ematologia


Cure domiciliari e cure palliative, serve alleanza tra associazioni di pazienti e istituzioni


Come ridurre la mobilità sanitaria in Italia? Il problema dei pazienti ematologici


Emofilia A: novità terapeutiche, farmaci a lunga durata d'azione e il futuro della ricerca


Emofilia A: perchè è importante personalizzare la terapia


Emofilia A, fattore VIII a lunga durata d'azione riduce sanguinamenti e migliora qualità di vita


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


ARTICOLI

Macroglobulinemia di Waldenström, rischio di morte o progressione - 80% con ibrutinib aggiunto a rituximab. #ASCO2018

L'aggiunta dell'inibitore di BTK ibrutinib all'anticorpo monoclonale anti CD-20 rituximab ha ridotto il rischio di progressione della malattia o decesso dell'80% rispetto al solo rituximab in pazienti con macroglobulinemia di Waldenström sia naïve al[...]

Tumore del colon retto: italiano il primo studio su terapia di mantenimento a misura dei pazienti #ASCO2018

Arriva dal nostro Paese la dimostrazione di efficacia sullo schema terapeutico più a misura di paziente che combina l’anticorpo monoclonale anti EGFR, panitumumab, con il 5 fluorouracile (5-FU), diminuendo la tossicità della chemio nella terapia di m[...]

Tumore del polmone, nivolumab più chemio in prima linea vince sulla sola chemio, anche in pazienti con PD-L1 < 1% #ASCO2018

Presentato all’ASCO i risultati di una parte dello studio di Fase III CheckMate -227, che ha valutato la combinazione di nivolumab e ipilimumab a basso dosaggio e di nivolumab con la chemioterapia vs sola chemioterapia in prima linea in pazienti con [...]

Mieloma multiplo fortemente pretrattato, si sopravvive quasi un anno senza progressione con le CAR T-cells bb2121. #ASCO2018

Le CAR T cells anti-BCMA bb2121 confermano di essere un trattamento estremamente promettente per i pazienti con mieloma multiplo recidivato/refrattario altamente pretrattati. Al congresso dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a C[...]

Melanoma resecato in stadio III-IV, sopravvivenza libera da recidiva migliore e duratura con nivolumab rispetto a ipilimumab. #ASCO2018

All'ASCO sono stati presentati i risultati aggiornati dello studio di Fase III CheckMate -238 che ha valutato nivolumab rispetto a ipilimumab in pazienti con melanoma in stadio IIIB/C o IV ad alto rischio di recidiva dopo resezione chirurgica complet[...]

Carcinoma a cellule renali, nivolumab in associazione con ipilimumab a basso dosaggio (1mg/kg) offre qualità di vita migliore e duratura. #ASCO2018

Presentati all’ASCO i risultati dei ‘patient-reported outcomes’ dello studio di Fase III CheckMate -214, in pazienti a rischio intermedio o sfavorevole con carcinoma a cellule renali avanzato trattati con la combinazione dei due farmaci immuno-oncolo[...]

Tumore del rene: con pembrolizumab in prima linea il tasso di risposta globale raggiunge quasi il 40 per cento. #ASCO2018

È efficace l'immunoterapia nei pazienti colpiti da tumore del rene metastatico mai trattati in precedenza (in prima linea). Lo dimostrano i risultati di un'analisi ad interim dalla Coorte A dello studio di fase II KEYNOTE-427 su 110 pazienti, present[...]

Carcinoma cutaneo a cellule squamose in fase avanzata, prime speranze di cura con cemiplimab. Studio sul NEJM. #ASCO 2018

È il secondo tumore della pelle per mortalità dopo il melanoma. Stiamo parlando del carcinoma cutaneo a cellule squamose (CSCC), una patologia che per le forme più avanzate è orfana di cure e solo negli Stati Uniti è responsabile nei casi in stadio [...]

Melanoma: il 41% dei pazienti trattati in prima linea con pembrolizumab vivo a 5 anni. #ASCO2018

L'efficacia dell'immunoterapia si mantiene a lungo nel tempo, anche dopo il termine della cura. L'86% dei pazienti con melanoma metastatico trattati con pembrolizumab, molecola immunoterapica anti-PD-1, mantiene la risposta dopo la sospensione del tr[...]

Ca al rene avanzato: in alcuni casi intervento evitabile, sufficiente il solo sunitinib. #ASCO2018

Da oggi in poi, molti pazienti ai quali viene diagnosticato un tumore al rene in stadio avanzato potrebbero essere gestiti al meglio in modo meno traumatico e invasivo, evitando l’intervento chirurgico di asportazione del tumore. Lo si evince dai ris[...]

Ca al seno iniziale HR+/HER2-, chemio evitabile 7 volte su 10. #ASCO2108

La chemioterapia adiuvante non è necessaria per la maggior parte delle donne che hanno un tumore al seno in stadio iniziale con recettori ormonali positivi ed HER2-negativo (HR+/HER2-), la forma più comune della malattia. Questo risultato, a detta di[...]

Carcinoma a cellule di Merkel, con avelumab risposte mantenute per più di due anni. #ASCO2018

Sono stati presentati al convegno annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), a Chicago, i risultati a due anni di follow up dello studio JAVELIN Merkel 200 condotto in pazienti con carcinoma metastatico a cellule di Merkel (MCC) in te[...]

Ca al seno triplo negativo, ipatasertib migliora la sopravvivenza globale. #ASCO2018

L'aggiunta di ipatasertib a paclitaxel in prima linea ha migliorato la sopravvivenza generale (OS) in donne con tumore al seno triplo negativo (TNBC) localmente avanzato o metastatico nello studio randomizzato di fase II LOTUS, presentato al convegno[...]

Taselisib, inibitore selettivo di PI3K, ritarda la progressione del ca al seno avanzato. #ASCO2018

L'inibitore sperimentale di PI3K taselisib, combinato alla terapia ormonale standard con fulvestrant, ha arrestato la crescita del tumore al seno avanzato per un tempo superiore di due mesi rispetto alla sola terapia ormonale in uno studio di fase II[...]

Tumore del polmone: pembrolizumab in prima linea aumenta la sopravvivenza in monoterapia e in combinazione con la chemio. #ASCO2018

Sempre più pazienti colpiti da tumore del polmone in stadio avanzato potranno beneficiare dell'immunoterapia in prima linea, anche grazie ai risultati ottenuti con pembrolizumab sia in monoterapia che in combinazione con la chemioterapia, in entrambe[...]

Cancro del polmone, da Roche conferme per terapie target e immunoterapia. #ASCO2018

Studi su 19 molecole e più di 180 abstract su oltre 13 diverse tipologie di tumore: questi sono i numeri della presenza di Roche all’America Society of Clinical Oncology 2018. Particolare attenzione è stata rivolta ai risultati sui nuovi trattamenti [...]

Sarcoma di Ewing, conferme in fase II per lurbinectedina. Allo studio partecipa anche il Rizzoli #ASCO2018

Si contano appena un centinaio di casi ogni anno ma la diagnosi è per ogni genitore una fitta al cuore. Il sarcoma di Ewing è un tumore raro ma colpisce soprattutto bambini e adolescenti under 20 e rappresenta il 15% di tutti i sarcomi primari delle [...]

Tumore della prostata metastatico alla diagnosi: conferme a 3 anni per abiraterone più ADT ma senza la chemio. #ASCO2018

L’aggiunta della terapia con abiraterone al trattamento ormonale standard si conferma efficace nel mantenere stabile la malattia, e quindi allungare la sopravvivenza, con più del 50% dei pazienti ancora in vita a 41 mesi di mediana di follow up, paz[...]

Tumore del rene: dopo la resezione delle metastasi sorafenib non migliora le cose

È italiano il primo studio al mondo che fornisce informazioni decisive sull'approccio multidisciplinare integrato, cioè sull'utilizzo della chirurgia e della terapia medica nel tumore del rene avanzato. Denominato RESIST, lo studio viene presentato o[...]

Ca mammario metastatico HER2+ pretrattato, pertuzumab aggiunto a trastuzumab e capecitabina allunga la vita. #ASCO2018

L'aggiunta di pertuzumab a trastuzumab e capecitabina prolunga la sopravvivenza globale (OS) rispetto ai soli trastuzumab più capecitabina nelle pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2 positivo (HER2+) nelle quali non ha funzionato una terap[...]