Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Oncologia, la rivoluzione dei farmaci immunoterapici


L'impegno di Bristol-Myers Squibb nella cura del cancro con l'immunoterapia


Ruolo diagnostico della medicina nucleare. Il caso dei tumori neuroendocrini


Novità in medicina nucleare: teragnostica, radiofarmaco per la terapia dei NET


Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio


Tumori neuroendocrini, cosa sono, come si diagnosticano e come si curano


Tumori neuroendocrini: ITA-NET, una rete italiana per curare i pazienti con un team di esperti


Quando il nucleare è buono, il ruolo dei medici nucleari per la diagnosi e la cura


Nuovi percorsi clinico-organizzativi nell'emofilia A


Le malattie neurometaboliche: cosa succede se l'esordio è nell'età adulta?


In Europa quali sono i sistemi di rimborso dei farmaci per le malattie rare?


Screening neonatale per le malattie lisosomiali: a cosa serve ed esperienze di applicazione


Come si stabilisce l'innovatività di un farmaco per le malattie rare?


L'accesso al mercato dei farmaci per le malattie rare


Ematologia, AIL celebra i 50 anni e guarda alle nuove generazioni di volontari


50 anni di impegno dei volontari AIL, la motivazione di una scelta di vita


La scelta volontaria, perchè e come occuparsi dei pazienti ematologici


I biosimilari in Europa: opportunità da cogliere e sfide da superare


La ricerca e lo sviluppo dei nuovi farmaci biosimilari: l'impegno di Mylan


Tumore prostatico, obiettivi e importanza del PDTA certificato della ASST Valle Olona


Ruolo del radioterapista nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


Ruolo dell’oncologo nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


ARTICOLI

Tumore del polmone, in casi specifici il CHMP raccomanda bevacizumab più erlotinib

Il CHMP dell'Ema ha dato parere positivo all'impiego bevacizumab in combinazione con erlotinib quale prima linea di trattamento per pazienti adulti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) in fase avanzata e non operabile di istologia non[...]

Linfoma follicolare, il CHMP raccomanda l'approvazione di obinutuzumab nei pazienti pretrattati

Il CHMP dell'Ema ha dato parere positivo all'approvazione di obinutuzumab in combinazione con una chemioterapia a base di bendamustina seguita da una terapia di mantenimento con il solo obinutuzumab quale nuovo trattamento per i pazienti con linfoma[...]

Sindrome mielodisplastica, rigosertib delude in seconda linea

Rigosertib non è riuscito a prolungare la sopravvivenza globale (OS) al di là di quella osservata con la migliore terapia di supporto in uno studio randomizzato di fase III su pazienti affetti da sindrome mielodisplastica con eccesso di blasti, dopo [...]

Carcinoma duttale in situ, oltre metà delle donne sottotrattate può ricadere entro 10 anni

Più della metà delle donne sottotrattate o non adeguatamente trattate per un carcinoma duttale in situ (DCIS) potrebbe sviluppare una recidiva o un nuovo tumore al seno invasivo entro 10 anni. A suggerirlo è uno studio presentato di recente a Dallas,[...]

Melanoma avanzato, nuove conferme di efficacia per pembrolizumab

Pembrolizumab dimostra un'attività antitumorale e una sicurezza a lungo termine favorevoli nei pazienti con melanoma in stadio avanzato. Lo rivela un'analisi combinata dei dati dello studio KEYNOTE-001.

Tumore del colon retto: l'Ema approva la combinazione trifluridina e tipiracil

La Commissione Europea ha rilasciato l'autorizzazione al commercio per il trattamento orale costituito dalla combinazione di trifluridina e tipiracil, noto come TAS-102, nei pazienti adulti con tumore del colonretto in stadio avanzato (metastatico) p[...]

Sindrome mielodisplastica, nuovo score predittivo della sopravvivenza dopo il trapianto allogenico

Un nuovo sistema di punteggio che comprende diverse caratteristiche del paziente ha mostrato di avere un valore prognostico significativo nei pazienti affetti da sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto allogenico di cellule ematopoietiche in[...]

Cancro al colon, bere caffè può ridurre il rischio

Bere caffè può ridurre di oltre il 25% il rischio di sviluppare un cancro del colon-retto e la riduzione è tanto maggiore quanto più alto è il consumo della diffusissima bevanda. Anche un solo caffè al giorno, comunque, abbassa il rischio. A suggerir[...]

Leucemia linfoblastica acuta, ansia e depressione frequenti nei bambini dopo il trattamento

L’ansia e la depressione sono frequenti nei bambini colpiti da leucemia linfoblastica acuta sia durante sia dopo il trattamento. Lo evidenzia un’analisi del protocollo AALL0331 del Children’s Oncology Group, pubblicata di recente su Cancer.

Ca alla prostata iniziale, aggiunta di bevacizumab alla terapia anti-androgenica può ritardare la recidiva

Combinare un breve ciclo di terapia di deprivazione androgenica (ADT) con l'inibitore dell'angiogenesi bevacizumab ha migliorato la sopravvivenza libera da recidiva (RFS) negli uomini con un cancro alla prostata ormonosensibile in uno studio randomiz[...]

Leucemia mieloide cronica, linfocitosi frequente con dasatinib e associata a migliore sopravvivenza

I pazienti con leucemia mieloide cronica che sono stati trattati con l'inibitore delle tirosin chinasi dasatinib manifestano frequentemente linfocitosi, e questa condizione è associata a percentuali di risposta più elevate e a un aumento della soprav[...]

Doppio inibitore di HDAC e PI3K promettente contro mieloma e linfoma

CUDC-907, un nuovo agente che inibisce sia l'istone deacetilasi (HDAC) sia la fosfatidilinolsitolo 3 chinasi (PI3K), si è dimostrato promettente in uno studio multicentrico di fase I su pazienti affetti da linfoma o mieloma multiplo recidivante o ref[...]

Ca al seno iniziale, test genetico può dire chi può saltare la chemioterapia

Un test multigenico ha permesso di identificare le donne con un carcinoma mammario in fase iniziale a basso rischio di recidiva libere da malattia dopo 5 anni di follow-up senza aver fatto la chemioterapia adiuvante. A dirlo sono i risultati aggiorna[...]

Linfoma cutaneo a cellule T, romidepsina a dosaggio ridotto può prolungare la risposta

L'uso prolungato dell'inibitore dell'istone deacetilasi (HDAC) romidepsina all'interno di un regime dose-sparing per il trattamento del linfoma cutaneo a cellule T potrebbe essere una strategia utile per cercare di prolungare la risposta tumorale. A [...]

Tumore testa e collo, nivolumab aumenta del 40% la sopravvivenza

Il farmaco antitumorale di Bristol-Myers Squibb, nivolumab, ha significativamente prolungato la sopravvivenza nei casi di tumore ricorrente della testa e del collo, un dato molto importante per pazienti con la forma più difficile della malattia e che[...]

Tumore al seno in fase iniziale, palbociclib evidenzia elevata attività antiproliferativa

Al meeting annuale dell'American Association for Cancer Research di New Orleans sono stati presentati i risultati di uno studio in cui palbociclib, farmaco orale e che agisce come inibitore delle chinasi ciclina-dipendenti (CDK) 4 e 6, ha ridotto l'i[...]

Tumore del rene: immuno-oncologia aumenta del 27% la sopravvivenza

L'efficacia dell'immuno-oncologia si estende al tumore del rene, che nel nostro Paese ha fatto registrare 10.400 nuovi casi nel 2015. In oco più di un anno ben 5 studi in cui è stata sperimentata una nuova molecola immuno-oncologica, nivolumab, sono [...]

Pembrolizumab promettente nel ca endometriale con deficit di riparazione dei mismatch

Il blocco del checpoint immunitario PD-1 con pembrolizumab potrebbe rappresentare una strategia terapeutica promettente per le donne con un tumore all'endometrio ricorrente o persistente con deficit di riparazione dei mismatch. A suggerirlo sono i ri[...]

Ca al colon, con la coppia sulindac-erlotinib meno polipi nei pazienti con poliposi adenomatosa familiare

La combinazione di sulindac e erlotinib ha ridotto in modo significativo il numero di polipi duodenali presenti in pazienti con poliposi adenomatosa familiare, una malattia ereditaria associata a un rischio notevolmente aumentato di cancro del colon-[...]

Con ciclofosfamide ad alte dosi, minor rischio di GVHD cronica post-trapianto allogenico di staminali mobilizzate

La ciclofosfamide ad alto dosaggio è sicura ed efficace quando somministrata come profilassi per la malattia cronica del trapianto contro l'ospite (GVHD) nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali mobilizzate. Il dato emerge da uno stud[...]