Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Leucemia mieloide acuta, i nuovi farmaci disponibili o in arrivo in Europa


Leucemia mieloide acuta, arriva in Italia chemio ‘intelligente’ con CPX-351


Tumori del sangue, che cos’è SOHO Italy?


Leucemia mieloide acuta, qual è il ruolo del trapianto allogenico nell’era delle terapie target?


Leucemia mieloide acuta e profilazione molecolare, a che punto siamo?


Leucemia mieloide acuta, gli studi italiani in corso o ai nastri di partenza


Leucemia mieloide cronica, come si cura oggi in Italia?


Con la dieta giapponese meno cancro alla prostata e si vive più a lungo


Le nuove frontiere dell'ematologia: presente e futuro della terapia con CAR-T cell


Leucemia Mieloide Acuta, nuovi farmaci in arrivo e grande impulso all’arma dei trapianti


Avanza la ricerca nella terapia genica per “guarire” dall’emofilia A e B


Linfomi non Hodgkin, grandi promesse dalle nuove terapie in arrivo


Cancro al seno triplo negativo iniziale, efficace l'immunoterapia con pembrolizumab


Le CAR T-cells nei tumori solidi: mito o realtà?


Tumore al polmone ALK+, diagnosi possibile anche con la biopsia liquida


Tumore del polmone non a piccole cellule, pembrolizumab efficace anche con metastasi cerebrali


Tumore della prostata, olaparib batte i nuovi farmaci ormonali nei pazienti metastatici già trattati


Tumore del polmone, atezolizumab da solo, in prima linea, allunga la vita


Tumore ovarico, olaparib in prima linea vantaggioso anche senza BRCA mutato


Carcinoma epatico non operabile, promette bene la combinazione lenvatinib-pembrolizumab


Tumore al seno avanzato HR+/HER2-, ribociclib aggiunto a fulvestrant allunga la vita


Tumore del polmone EGFR+, conferme di efficacia per osimertinib dal congresso ESMO2019


ARTICOLI

Carcinoma della prostata: il Nejm pubblica i risultati dello studio con Radio-223 dicloruro

Pubblicato sul The New England Journal of Medicine lo studio registrativo di fase III ALSYMPCA (ALpharadin in SYMptomatic Prostate CAncer) condotto sul prodotto radio-223 dicloruro (radio-223) per il trattamento dei pazienti con carcinoma della prost[...]

Buoni risultati per denosumab nel tumore a cellule giganti

Pubblicati su Lancet Oncology i risultati di un'analisi ad interim di uno studio di fase II condotto su denosumab in pazienti adulti e adolescenti con scheletro già formato affetti da tumore a cellule giganti (GCT), un tumore raro che colpisce le oss[...]

NSCLC, pemetrexed in mantenimento migliora la sopravvivenza

Nel carcinoma del polmone non a piccole cellule (Nsclc) avanzato, la terapia di mantenimento con pemetrexed offre benefici in termini di sopravvivenza, rispetto al placebo. E' quanto emerso da una recente analisi dei dati finali di sopravvivenza dell[...]

Melanoma, promettenti i primi dati su vaccino sperimentale

Stimolare una risposta immunitaria contro il cancro resta una sfida. Sembrano esserci riusciti, almeno in parte, gli autori di uno studio proof-of-concept della Washington University, pubblicato sul Journal of Clinical Investigation. Gli esperti hann[...]

Combinazione cediranib e olaparib promette in fase I contro il ca ovarico

La combinazione di cediranib, inibitore sperimentale dei recettori per il fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGFR), e olaparib, dell'inibitore della Poli-ADP ribosio-polimerasi – PARP, ha dato risultati positivi nella terapia delle pazienti [...]

Ca al seno HER2+, 6 mesi di trastuzumab non efficaci come i 12 standard

Nel carcinoma mammario HER2-positivo in fase iniziale, 6 mesi di terapia adiuvante con trastuzumab non sono altrettanto efficaci quanto la terapia standard, che dura 12 mesi. Questo, almeno è il risultato dopo 3,5 anni di follow-up nello studio PHARE[...]

Possibile danno renale con gli inibitori di mTOR

Secondo un lavoro di autori francesi appena pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, il trattamento con gli inibitori della proteina mTOR potrebbe essere associato a nefrotossicità acuta. Il team descrive quattro casi di pazienti affetti da un tu[...]

Roma, identificato nuovo bersaglio molecolare per terapie contro i tumori

Il lavoro del gruppo di ricerca della Dott.ssa Annamaria Biroccio, del laboratorio di Chemioterapia Sperimentale del Regina Elena, svela un importante ruolo della proteina telomerica TRF2 nell'oncogenesi e identifica così un nuovo bersaglio molecolar[...]

Cancro al polmone, immunoterapia di Merck Serono non aumenta la sopravvivenza

Presentati nel corso del Congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) 2013, i risultati dettagliati dello studio clinico randomizzato di Fase III START relativo alla propria immunoterapia sperimentale anti-tumorale L-BLP25 specifica co[...]

Ca al colon, aspirina riduce il rischio ma solo per tumori con BRAF wild-type

Un'analisi di due ampi studi di popolazione (il Nurses' Health Study e l'Health Professionals Follow-up Study) conferma che l'aspirina ha un effetto lievemente protettivo nei confronti del cancro del colon-retto; effetto limitato, tuttavia, ai tumori[...]

Ca al seno HER2+, aggiungere everolimus a trastuzumab/vinorelbina frena la progressione

L'aggiunta di everolimus alla combinazione trastuzumab/vinorelbina ha portato a un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al placebo nel cancro al seno avanzato e metastatico HER2-positivo nello studio B[...]

Linfoma di Hodgkin, brentuximab vedotin ritarda la progressione della malattia

Oltre il 60% dei pazienti con da Linfoma di Hodgkin (LH) trattati con brentuximab vedotin ha raggiunto una più lunga progression free survival (PFS) rispetto ai regimi terapeutici cui sono stati sottoposti in precedenza.

Ibrutinib grande promessa contro leucemia linfatica cronica e linfoma a cellule mantellari

Ibrutinib, un inibitore sperimentale della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ha postrato di poter indurre remissioni durature in due diversi studi appena pubblicati sul New England Journal of Medicine, uno sulla leucemia linfatica cronica (LLC) e l'alt[...]

Cancro del fegato: con un ago si bruciano le cellule malate

Senza tagli sulla pelle e in anestesia locale oggi è possibile bruciare il tumore del fegato. Si chiama termoablazione a radiofrequenza e permette di eliminare le cellule malate in 15 minuti, con meno rischi e complicanze per i pazienti rispetto alla[...]

Ca renale metastatico, sunitinib resta il gold standard in prima linea

L'inibitore di mTOR everolimus non si è dimostrato non inferiore all'anti-VEGF sunitinib nel rallentare la progressione in prima linea nei pazienti con carcinoma a cellule renali (RCC), in base ai risultati dello studio multicentrico di fase II RECOR[...]

Ruxolitinib, migliora la sopravvivenza globale in pazienti affetti da mielofibrosi

Ruxolitinib diminuisce il rischio di morte del 52% e determina riduzioni delle dimensioni della milza, in base ai nuovi dati a tre anni dello studio COMFORT-II Le analisi di uno studio separato suggeriscono che il trattamento a lungo termine con rux[...]

Mielofibrosi, bene in fase II e III il nuovo inibitore di JAK2 di Sanofi

Dati molto solidi di fase III e nuovi dati di conferma di fase II sul nuovo inibitore dell'enzima JAK2 SAR302503, in fase di sviluppo come trattamento contro la mielofibrosi, fanno pensare che il deposito della domanda di via libera alle autorità reg[...]

Ca ovarico, aggiunta di trebananib a paclitaxel frena la progressione

L’aggiunta a paclitaxel di trebananib, un nuovo agente in sperimentazione contro il carcinoma ovarico (sviluppato da Amgen), ha migliorato di circa 2 mesi la sopravvivenza libera da progressione (PFS), centrando così l’endpoint primario dello studio [...]

Mieloma multiplo, si sopravvive di più aggiungendo pomalidomide a desametasone

Pomalidomide in combinazione con desametasone a basso dosaggio ha aumentato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la sopravvivenza globale (OS) rispetto alla monoterapia con desametasone ad alto dosaggio nei pazienti c[...]

Ca della cervice avanzato, aggiunta di bevacizumab alla chemio allunga la vita

L'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia standard ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) di quasi 4 mesi in donne con un cancro della cervice uterina avanzato o recidivante nello studio di fase III GOG 240, condotto dal Gynecology Oncology G[...]