Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Carcinoma a cellule squamose, che cos'è e come riconoscerlo in tempo


Carcinoma a cellule squamose, per le forme avanzate nuove possibilità di cura con l'immunoterapia


Melanoma: trattare precocemente con i farmaci immuno-oncologici previene recidive e metastasi


Giornata Nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma: 50 anni di impegno di AIL


Sindromi mielodisplastiche: quali sono le possibilità di cura?


Leucemia linfatica acuta: quali sono le possibilità di cura?


Leucemia mieloide acuta: quali sono le possibilità di cura?


Accesso all'innovazione in oncologia: quali sono le sfide?


Costi del cancro del polmone, dati favorevoli da studio italiano di farmacoeconomia su osimertinib


Come si decide l'accesso all'innovazione farmaceutica in un grande centro oncologico


Per i cittadini cosa significa l'accesso all'innovazione in oncologia?


Come si decide l'accesso all'innovazione farmaceutica nella regione Emilia Romagna


CAR T-cells per il mieloma multiplo, a che punto siamo?


Come si producono le CAR T-cells? Le sfide da superare


Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


ARTICOLI

Calcio e vitamina D scudo non efficace per prevenire i polipi al colon-retto

L'assunzione di vitamina D, calcio o una combinazione dei due integratori non si è dimostrata efficace per prevenire le recidive di polipi colorettali precancerosi in un ampio studio randomizzato e controllato con placebo su pazienti seguiti per un m[...]

Leucemia promielocitica acuta, conferme di validità del regime ‘chemo-free' triossido d'arsenico più ATRA

Nei pazienti con leucemia promielocitica acuta, un regime ‘chemo-free' costituito da acido retinoico tutto-trans (ATRA) e triossido di arsenico presenta svariati vantaggi rispetto al regime standard, rappresentato dalla chemioterapia più ATRA. A conf[...]

Profilassi con GM-CSF può ridurre la mortalità post-trapianto allogenico di staminali

L'impiego profilattico di GM-CSF è associato a una mortalità correlata al trapianto e a una mortalità complessiva più basse nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche. Lo evidenzia un nuovo studio randomizzato [...]

Voriconazolo post-trapianto aumenta il rischio di carcinoma squamocellulare

Voriconazolo, un antifungino triazolico utilizzato comunemente per prevenire e trattare le infezioni fungine nei pazienti sottoposi a un trapianto di polmone, aumenta in modo significativo il rischio di sviluppare un carcinoma a cellule squamose in q[...]

Ca al seno, chemioneoadiuvante non aumenta le complicanze post-intervento

Nelle pazienti con carcinoma mammario, l'impiego della chemioterapia neoadiuvante non aumenta il rischio di complicanze chirurgiche postoperatorie. Lo evidenzia un ampio studio osservazionale presentato di recente a San Francisco al Breast Cancer Sym[...]

Ca al polmone, aprepitant efficace come agente antitosse

Aprepitant, farmaco approvato per il trattamento della nausea e del vomito indotti dalla chemioterapia, ha mostrato risultati promettenti come agente antitosse in un piccolo studio esplorativo su pazienti con tumore del polmone, presentato al recente[...]

Leucemia linfatica cronica, conferme a lungo termine di risposta duratura con ibrutinib

I pazienti con leucemia linfatica cronica, sia naïve sia refrattari al trattamento oppure in recidiva hanno ottenuto una risposta duratura con ibrutinib in monoterapia, stando ai risultati aggiornati di uno studio prospettico presentati al meeting an[...]

Ca ovarico, terapia ormonale potrebbe migliorare la sopravvivenza

La terapia ormonale adiuvante si è dimostrata sicura nelle donne che accusavano sintomi menopausali dopo essere state trattate per un carcinoma ovarico e potrebbe avere anche un effetto benefico sulla sopravvivenza. Nello studio AHT (Adjuvant Hormone[...]

Leucemia mieloide cronica, la sicurezza cardiovascolare potrebbe limitare futuro uso di ponatinib in prima linea

La maggior parte dei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica di nuova diagnosi può raggiungere una risposta citogenetica completa dopo essere stata trattata in prima linea con l'inibitore delle tirosin chinasi (TKI) ponatinib; tuttavia[...]

Brentuximab vedotin, estensione dell'approvazione Fda nei pazienti con linfoma di Hodgkin

I pazienti con linfoma di Hodgkin classico (HL) ad alto rischio di recidiva o progressione hanno ora una nuova opzione di trattamento.

Ca al seno, trastuzumab adiuvante sicuro per il cuore

Notizie rassicuranti sulla sicurezza di trastuzumab per il cuore. A fornirle sono i risultati di un'analisi dello studio di fase III PHARE, secondo la quale l''incidenza di tossicità cardiaca tra le pazienti con un cancro al seno HER 2 positivo in fa[...]

Papillomavirus, promettente il primo vaccino terapeutico

Un vaccino sperimentale si è dimostrato attivo come trattamento terapeutico per le lesioni cervicali precancerose di alto grado causate dal papillomavirus umano (HPV) in uno studio di fase IIb controllato con placebo, pubblicato da poco su Lancet.. I[...]

Fda, priority review a elotuzumab in pazienti con ricadute da mieloma multiplo

I pazienti affetti da mieloma multiplo che hanno avuto una ricaduta della malattia potrebbero presto avere una nuova opzione terapeutica. Si tratta dell'elotuzumab, un nuovo anticorpo sperimentale immuno-stimolante; l'FDA, il 1 ° settembre 2015, ha a[...]

Immuno-oncologia, Italia leader e Siena tra i primi centri al mondo

L’Immunoterapia Oncologica del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, diretta dal prof. Michele Maio, è tra i primi centri al mondo per numero di patologie trattate con questo nuovo approccio. Proprio la città toscana ospita il XIII Congresso [...]

Ca prostatico: 8 anziani su 10 non sanno che si può prevenire. Al via il 1° tour italiano che promuove stili di vita sani nella terza età

Un italiano su due (il 49%) ignora che corretti stili di vita possono prevenire l'insorgenza di un tumore. Mentre il 79% degli ultrasessantacinquenni ritiene che modificare le proprie abitudini sbagliate da anziani non serva a molto. Col risultato ch[...]

Tumore del polmone, stop temporaneo a studi su combinazione di AZD9291 e durvalumab

AstraZeneca ha reso noto di aver temporaneamente interrotto due studi che stanno valutando l'uso combinato di due farmaci sperimentali (AZD9291 e durvalumab) studiati in pazienti con cancro del polmone non a piccole cellule in fase avanzata.

Melanoma avanzato, nab-paclitaxel migliora il controllo della malattia e ritarda la progressione

Il trattamento con il nanofarmaco nab-paclitaxel può portare a un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione (PFS) e del tasso di controllo della malattia rispetto a dacarbazina in pazienti con melanoma metastatico naïve a[...]

Ca al seno, grazie a test genetico alcune donne potrebbero saltare la chemio

Grazie a un test genetico, alcune donne con un cancro al seno in stadio precoce e positivo per i recettori ormonali potrebbero essere trattate con la sola terapia ormonale adiuvante, evitando la chemio, senza aumentare il rischio di recidiva. Lo sugg[...]

Telotristat offre un beneficio nella sindrome da carcinoide legata ai tumori neuroendocrini

Telotristat etiprato, il primo farmaco sviluppato specificamente per i pazienti con sindrome carcinoide ha tumori neuroendocrini, ha mostrato di offrire un beneficio clinico nello studio di fase III LANTERN, presentato durante i lavori dello European[...]

Ca al seno, terapia ormonale potrebbe prevenire l'insufficienza ovarica e preservare la fertilità

Le giovani donne che devono fare la chemioterapia per curare un cancro al seno potrebbero avere più probabilità di rimanere fertili se fanno anche un trattamento ormonale. Lo evidenzia una metanalisi appena presentata allo European Cancer Congress, a[...]