Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Carcinoma a cellule squamose, che cos'è e come riconoscerlo in tempo


Carcinoma a cellule squamose, per le forme avanzate nuove possibilità di cura con l'immunoterapia


Melanoma: trattare precocemente con i farmaci immuno-oncologici previene recidive e metastasi


Giornata Nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma: 50 anni di impegno di AIL


Sindromi mielodisplastiche: quali sono le possibilità di cura?


Leucemia linfatica acuta: quali sono le possibilità di cura?


Leucemia mieloide acuta: quali sono le possibilità di cura?


Accesso all'innovazione in oncologia: quali sono le sfide?


Costi del cancro del polmone, dati favorevoli da studio italiano di farmacoeconomia su osimertinib


Come si decide l'accesso all'innovazione farmaceutica in un grande centro oncologico


Per i cittadini cosa significa l'accesso all'innovazione in oncologia?


Come si decide l'accesso all'innovazione farmaceutica nella regione Emilia Romagna


CAR T-cells per il mieloma multiplo, a che punto siamo?


Come si producono le CAR T-cells? Le sfide da superare


Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


ARTICOLI

Ca al polmone a piccole cellule, nivolumab con o senza ipilimumab più efficace nei pazienti con alto carico mutazionale

I pazienti con un tumore a polmone a piccole cellule (SCLC) e con carico mutazionale del tumore (Tumor Mutation Burden, TMB) elevato hanno mostrato una percentuale di risposta obiettiva (ORR) più che raddoppiata se trattati con la combinazione degli [...]

Linfomi indolenti e mantellari, efficace la combinazione bortezomib, cladribina e rituximab

La combinazione di bortezomib, cladribina e rituximab (VCR) si è dimostrata un regime efficace per i pazienti con linfoma a cellule mantellari CD20-positivo o linfoma non-Hodgkin indolente in uno studio in aperto di fase II, pubblicato di recente sul[...]

Leucemia linfatica cronica, alterazioni della funzionalità epatica correlate alla sopravvivenza

Nei pazienti con leucemia linfatica cronica di nuova diagnosi sembra esserci una correlazione fra alterazioni della funzionalità epatica e sopravvivenza.

Immunoterapia, DNA circolante ipermutato predittivo della risposta al trattamento

Il DNA tumorale circolatante ipermutato rilevato mediante la biopsia liquida è prevedittivo delle risposte all'immunoterapia con gli inibitori dei checkpoint immunitari in pazienti con diverse neoplasie.

AIOM: "Tumore del rene, impegnarsi per modificare stili di vita errati sempre più diffusi"

Nel 2017 stimati 13.600 nuovi casi. Grazie a terapie “personalizzate” e diagnosi tempestive 7 malati su 10 riescono a sconfiggerlo. Il presidente Carmine Pinto: “E' una patologia sempre più giovanile e per la quale ancora troppe diagnosi arrivano per[...]

Tumore della prostata: “Nel 50% dei casi impedisce i gesti quotidiani. Oggi possiamo migliorare la sopravvivenza e la qualità di vita"

Il 62% dei pazienti con neoplasia metastatica è costretto a stare a letto o su una sedia per alcune ore del giorno. Il presidente Carmine Pinto: “Oggi abbiamo più armi disponibili in un ambito multidisciplinare. Ascoltare e recepire i bisogni dei mal[...]

AIOM: “Va aggiornata la valutazione dei costi delle terapie. Sono urgenti nuovi parametri per l'assegnazione delle risorse”

Il presidente Carmine Pinto: “Il criterio da seguire per definire le spese standard deve tener conto della specifica neoplasia”. Il 42% delle uscite per i farmaci è indirizzato ai tumori del seno, seguito dal colon-retto (13%), polmone (13%) e prosta[...]

AIOM: “Tumore dell'ovaio: va garantito un adeguato percorso diagnostico e terapeutico”

Carmine Pinto: “E’ necessario definire i percorsi all’interno delle reti regionali”. “E’ una neoplasia che presenta tassi di recidiva alti – spiega Nicoletta Colombo –. E in questi casi il bisogno terapeutico delle pazienti è ancora in gran parte ins[...]

AIOM: "Sì all'aumento delle sigarette per prevenire i tumori"

La conferma del Fondo per i farmaci anticancro innovativi rappresenta una misura indispensabile per sostenere l'accesso alle cure anche nel 2018. Ma è necessario andare oltre con misure strutturali perché oggi oltre un milione di italiani ogni anno è[...]

Carcinoma epatocellulare avanzato, cabozantinib centra l'end point nello studio di Fase III CELESTIAL

Nello studio di Fase III CELESTIAL, cabozantinib ha raggiunto l'endpoint primario di sopravvivenza globale in maniera statisticamente e clinicamente significativa in confronto al placebo nei pazienti affetti da carcinoma epatocellulare avanzato (HCC)[...]

Tumore del polmone: a due anni pembrolizumab in prima linea raddoppia la sopravvivenza rispetto alla chemioterapia

A due anni pembrolizumab, molecola immuno-oncologica, raddoppia la sopravvivenza globale mediana (30 mesi) rispetto alla chemioterapia (14,2 mesi) nel tumore del polmone.

Ca del colon-retto, vaccino anti-colera potrebbe ridurre il rischio

Sembra esserci una correlazione fra sottoporsi alla vaccinazione contro il colera dopo che è stato diagnosticato un cancro del colon-retto e una riduzione del rischio di decesso sia a causa di questo tumore sia dovuto a qualsiasi causa. A suggerirlo [...]

Leucemia linfatica cronica, buoni risultati adattando la durata della chemioimmunoterapia in base alla MRD

Nei pazienti affetti da leucemia linfatica cronica che raggiungono una risposta completa e la negatività della malattia minima residua (MRD), una chemioimmunoterapia abbreviata è efficace come un ciclo completo. A suggerirlo sono i risultati di uno s[...]

Ca al seno iniziale, doppio/blocco di HER2 neaoadiuvante da solo non basta, serve anche la chemio

Trattando le donne con un cancro al seno in stadio iniziale HER2-positivo/HR-negativo (HER2+/HR−) con i soli trastuzumab e pertuzumab neoadiuvanti si ottiene una percentuale di risposta patologica completa (pCR) sostanzialmente inferiore rispet[...]

Linfoma indolente altamente pretrattato, copanlisib migliora la sopravvivenza senza progressione

In un gruppo di pazienti con linfoma indolente ricaduto/refrattario, il trattamento con l’inibitore della fosfatidilinositolo 3-chinasi (PI3K) copanlisib si è associato una sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana di 11,2 mesi e a una perce[...]

Ca renale, sunitinib adiuvante non allunga la vita, ma riduce le recidive a distanza

In pazienti affetti da carcinoma a cellule renali, il trattamento adiuvante con l’inibitore delle tirosin chinasi (TKI) sunitinib dopo la nefrectomia non ha prodotto alcun aumento della sopravvivenza globale (OS), ma si è tradotto in una riduzione de[...]

Ca al seno, minor rischio di neuropatia periferica da chemio con integratori multivitaminici

Le donne che hanno preso integratori multivitaminici prima che fosse loro diagnosticato un cancro al seno o mentre facevano la chemioterapia sembrano avere meno probabilità di sviluppare i sintomi debilitanti e spesso duraturi della neuropatia perife[...]

Ca al polmone EGFR+, dacomitinib meglio dello standard come prima linea

L’inibitore delle tirosin chinasi (TKI) dell’EGFR di seconda generazione dacomitinib ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al TKI standard gefitinib come terapia di prima linea per il tumore al pol[...]

Melanoma, il betabloccante propanololo potrebbe ritardarne la progressione

Un ‘vecchio’ antipertensivo, il betabloccante propanololo, potrebbe vivere una nuova giovinezza in un ambito del tutto diverso da quello nel quale è stato studiato inizialmente ed è ampiamente utilizzato. Sembra, infatti, che il farmaco sia in grado [...]

Tumore del rene: ancora troppe le differenze nelle cure anticancro fra le regioni

Per il 64% degli italiani il livello di assistenza offerto in campo oncologico dal nostro Sistema Sanitario Nazionale è buono (ottimo per l’8%). Ma il 76% ritiene che ci siano differenze nelle opportunità di cura per i malati oncologici nelle diverse[...]