Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


50 anni di AIL: quali sono stati i maggiori progressi in ematologia?


Quali sono le 3 patologie ematologiche la cui cura è migliorata di più?


Oncologia, la rivoluzione dei farmaci immunoterapici


L'impegno di Bristol-Myers Squibb nella cura del cancro con l'immunoterapia


Ruolo diagnostico della medicina nucleare. Il caso dei tumori neuroendocrini


Novità in medicina nucleare: teragnostica, radiofarmaco per la terapia dei NET


Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio


ARTICOLI

Tumore lobulare al seno: aperta la via a un nuovo approccio terapeutico

I ricercatori dell'Istituto Jules Bordet insieme a quelli del Wellcome Trust Sanger Institute di Cambridge, dell'Università Statale di Milano, dell'Istituto Europeo di Oncologia e dell'Istituto Nazionale dei Tumori hanno pubblicato sul Journal of Cli[...]

Linfoma mantellare, la cura è all'orizzonte

Gli studi clinici sul linfoma a cellule del mantello (o linfoma mantellare) effettuati nel corso degli ultimi due decenni hanno portato a una migliore comprensione della biologia del tumore e del suo trattamento, e fanno ben sperare sul fatto che una[...]

Aumento della dose di steroidi aumenta il rischio di ca polmonare squamoso nei pazienti con asma e BPCO

Secondo uno studio caso-controllo pubblicato di recente sulla rivista BMC Pulmonary Medicine, nei pazienti affetti da asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), non solo i corticosteroidi non riducono il rischio di carcinoma polmonare a cell[...]

Sirolimus promettente per la sindrome linfoproliferativa autoimmune pediatrica

Il trattamento con l'inibitore di mTOR sirolimus ha portato a risposte complete durature in un gruppo di bambini con citopenie autoimmuni refrattarie con displasia multilineare in uno studio prospettico multicentrico pubblicato sulla rivista Blood.

Ca rettale localmente avanzato, schedula più breve di radioterapia più efficace e meno tossica

Un ciclo breve (5 giorni) di radioterapia preoperatoria seguita dalla chemioterapia consolidata ha dimostrato di essere più efficace e meno tossico della chemioradioterapia standard di 5 settimane per i pazienti con tumore al retto localmente avanzat[...]

Ok del Chmp per afatinib nel ca polmonare a cellule squamose avanzato

Boehringer Ingelheim rende noto che il CHMP (Comitato di valutazione per i farmaci per uso umano dell'Agenzia Europea del Farmaco) ha emesso parere favorevole all'approvazione di afatinib come terapia per pazienti con carcinoma polmonare a cellule sq[...]

Mesotelioma, tremelimumab fallisce in studio di Fase IIb

AstraZeneca e MedImmune, la sua unità dedicata alla ricerca e sviluppo farmaci biologici, hanno annunciato oggi che in un trial clinico di fase IIb tremelimumab (10 mg / kg), utilizzato nel trattamento di seconda o terza linea del mesotelioma maligno[...]

Esperti Ema raccomandano la designazione di farmaco orfano per acalabrutinib

Un comitato di esperti dell'Ema ha raccomandato la designazione di farmaco orfano per acalabrutinib per il trattamento dei pazienti con leucemia linfatica cronica, linfoma linfocitico a piccole cellule e macroglobulinemia di Waldenström.

Leucemia mieloide acuta, venetoclax ottiene dall'Ema la designazione di farmaco orfano

L'Agenzia Europea Dei Medicinali ha concesso la designazione di farmaco orfano (Orphan Drug Designation) a venetoclax, terapia sperimentale orale che agisce inibendo la proteina BCL-2 (B-cell Lymphoma-2), per il trattamento della leucemia mieloide a[...]

Tumore del colon: ok del Chmp per la combinazione trifluridina e tipiracil

Una nuova arma per i pazienti colpiti dal tumore del colon-retto, una delle neoplasie più frequenti che nel 2015 ha fatto registrare in Italia 52.000 nuove diagnosi. Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea dei Medicinal[...]

Vaccino HPV, parere positivo per il ciclo a 2 dosi di Gardasil

Il Chmp ha espresso parere positivo per un programma a due dosi per il vaccino anti papillomavirus umano (HPV) Gardasil 9 in ragazze e ragazzi adolescenti dai 9 ai 14 anni. Gardasil 9 è indicato per l'immunizzazione attiva di soggetti a partire dal n[...]

Nivolumab, ok del Chmp per due nuove indicazioni

Il Chmp dell'Ema ha dato parere positivo all'approvazione di due nuove indicazioni per nivolumab, l'inibitore del check point immunitario già approvato per la terapia del melanoma metastatico e per il tumore del polmone non a piccole cellule a istolo[...]

Emofilia B, parere UE positivo per fattore IX ricombinante long acting

Il Chmp dell'Ema ha dato parere positivo all'approvazione di Alprolix, Coagulation Factor IX (Recombinant), Fc Fusion Protein, per l'utilizzo in pazienti adulti e bambini affetti da emofilia B.

Ca al seno ER+/HER2-, pembrolizumab promettente nelle pazienti PD-L1–positive

L'inibitore del checkpoint immunitario PD-1/PD-L1 pembrolizumab sembra essere sicuro e moderatamente attivo nelle donne con un carcinoma mammario avanzato con recettori per gli estrogeni (ER) positivi ed HER2-negativo che esprime il ligando della pro[...]

Tumori neuroendocrini, everolimus ritarda la progressione e diventa nuovo standard di cura

Everolimus può ritardare di 6-8 mesi rispetto al placebo la progressione dei tumori neuroendocrini che hanno origine nel tratto gastrointestinale o sono di origine sconosciuta. Lo evidenziano risultati di un'analisi sui sottogruppi dello studio di fa[...]

Ca alla prostata, minor rischio di decesso se si prende l'aspirina

Gli uomini che prendono regolarmente l'aspirina potrebbero avere un minor rischio di morire di cancro alla prostata, stando ai risultati di un'analisi del Physicians' Health Study presentata in conferenza stampa durante il Genitourinary Cancers Sympo[...]

Approvazione Europea per BAY 81-8973, farmaco per il trattamento dell'emofilia A

Bayer ha ricevuto l'approvazione dalla Commissione Europea per BAY 81-8973, farmaco per il trattamento dell'emofilia A nei pazienti di tutte le fasce d'età.

Leucemia linfatica cronica, fludarabina-ciclofosfamide-ofatumumab promettente in prima linea nel paziente ‘fit'

Un regime costituito da fludarabina, ciclofosfamide e una dose doppia di ofatumumab (FC-O2) ha portato a una risposta completa senza malattia minima residua alla citometria a flusso in circa la metà dei casi ed è risultato ben tollerato come terapia [...]

Ca renale, promettente aggiunta di etinostat a IL-2 ad alto dosaggio

La combinazione del nuovo inibitore dell’istone deacetilasi (HDAC) entinostat con l’interleuchina-2 (IL-2) ad alto dosaggio ha portato a percentuali di risposta promettenti in pazienti affetti da carcinoma a cellule renali metastatico in uno studio d[...]

Leucemia linfatica cronica, risposta a ibrutinib duratura per almeno un anno nei pazienti ricaduti dopo il trapianto allogenico

L'inibitore della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ibrutinib può rivelarsi utile per i pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata dopo un trapianto allogenico di cellule staminali. Lo evidenzia uno studio da poco pubblicato sulla rivista Bone [...]