Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Nuove terapie per la cura delle mielodisplasie, malattie non più figlie di un dio minore


Alleanza tra i pazienti per sconfiggere le sindromi mielodisplastiche. Anziani i piu' colpiti


Mielodisplasie, le 5 terapie che cambieranno la cura di queste neoplasie ematologiche


5 cose da sapere sulle mielodisplasie


Tumore al seno, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Women for Oncology: molta strada ancora da fare per avere pari opportunità di carriera


Tumori ginecologici, le ultime novità per la terapia dal congresso ESMO2019


Leucemia mieloide acuta, quizartinib nuova opzione per i pazienti con mutazioni di FLT3


Tumori neuroendocrini, nuovi biomarker possibili predittori di risposta alla terapia radiometabolica


Le ultime novità dal congresso ESMO2019 sulla terapia del melanoma


Melanoma avanzato, ipilimumab-nivolumab conferma il beneficio di sopravvivenza anche a 5 anni


Tumore della prostata, le ultime novità in terapia dal congresso ESMO2019


Tumore del pancreas, rischio di metastasi -25% con nab-paclitaxel più gemcitabina


Farmaci oncologici innovativi: spesa in aumento, indispensabili le reti regionali


3 cose da sapere sul carcinoma del colon-retto


I 3 sottotipi di tumore al seno


Tumore al seno, cos’è importante sapere


3 cose da sapere sul carcinoma ovarico


3 cose da sapere sul tumore al polmone


ESMO 2019, nuove combinazioni di farmaci aumentano la sopravvivenza


Colangiocarcinoma, sopravvivenza aumentata grazie ad ivosidenib


Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, atezolizumab migliora la sopravvivenza


ARTICOLI

Ca delle vie biliari, aggiunta di panitumumab delude in fase II

In uno studio di fase II su pazienti con un cancro delle vie biliari in stadio avanzato con KRAS wild-type, l’aggiunta dell’anticorpo monoclonale anti-EGFR panitumumab alla chemioterapia non ha avuto alcun effetto sulla sopravvivenza. Il lavoro è ope[...]

Linfoma di Hodgkin, risposte durature nell'anziano con brentuximab vedotin in prima linea

Brentuximab vedotin in monoterapia sembra essere sicuro ed efficace come trattamento di prima linea per i pazienti più anziani con linfoma di Hodgkin non in grado di tollerare la chemioterapia combinata tradizionale, stando ai risultati di uno studio[...]

Ca alla prostata resistente alla castrazione, fattibile mantenimento con temsirolimus dopo docetaxel

Negli uomini con un carcinoma prostatico resistente alla castrazione, una terapia di mantenimento con temsirolimus dopo un’induzione con docetaxel andata a buon fine è fattibile, non influenza negativamente la qualità della vita e ritarda la progress[...]

Linfoma follicolare, da San Francisco il punto sulle nuove terapie

Nella gestione del linfoma follicolare, che spesso richiede un impegno a lungo termine in cui serve l'uso strategico di più trattamenti, si stanno aggiungendo ai regimi tradizionali diverse terapie emergenti.

Ca ovarico, nintedanib aggiunto alla chemio in prima linea ritarda la progressione

L’inibitore delle tirosin chinasi nintedanib in combinazione con la chemioterapia di prima linea con carboplatino e paclitaxel può migliorare in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nelle donne che hanno un tumore ovarico [...]

Tumori: solo il 46% dei pazienti coinvolto nella scelta della terapia

La qualità di vita del paziente colpito da cancro deve guidare la scelta della terapia. Otto oncologi su dieci sostengono infatti che un trattamento con un profilo di tollerabilità peggiore va scelto solo se garantisce una sostanziale superiore effic[...]

Linfoma di Hodgkin, radioterapia sul cuore e dose di antracicline predittive di malattie cv nei sopravvissuti

Nei sopravvissuti a un linfoma di Hodgkin, sia la dose media di radiazioni ricevute dal cuore sia la dose cumulativa di antracicline hanno dimostrato di essere fattori predittivi significativi di problemi cardiovascolari. Lo evidenza un’analisi degli[...]

Ca al polmone, outcome simili con chirurgia e chemioterapia a dosi crescenti

Dopo la chemioterapia di induzione e la chemioradioterapia concomitante, i pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule sottoposti a all’intervento chirurgico hanno mostrato percentuali di sopravvivenza globale (OS) a 5 anni simili a quell[...]

Leucemia mieloide acuta, efficace l’aggiunta di sorafenib alla chemioterapia

L'aggiunta dell’inibitore delle tirosin chinasi sorafenib alla chemioterapia standard con daunorubicina e citarabina per i pazienti più giovani con leucemia mieloide acuta si è dimostrata efficace, ma ha anche portato a un aumento della tossicità nel[...]

Farmaco per la stipsi da oppiodi potenzialmente utile anche come antitumorale

Un farmaco dato comunemente ai malati di cancro per alleviare la stipsi indotta dagli oppioidi si è dimostrato in grado di rallentare la crescita tumorale e potrebbe giocare un ruolo nello sviluppo di nuove terapie farmacologiche, stando ai risultati[...]

Ca orofaringei da HPV, possibile chemioradioterapia di intensità ridotta

I pazienti che hanno tumori orofaringei associati al papillomavirus umano a basso rischio potrebbero essere trattati in modo efficace e sicuro con un regime chemioradioterapico di intensità ridotta, A suggerirlo è uno studio multicentrico di fase II [...]

Tumori ginecologici, outcome migliori aggiungendo metformina alla radioterapia

L'aggiunta di metformina alla radioterapia per il carcinoma endometriale è risultata associata a un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia (DFS) in uno studio retrospettivo presentato al congresso annuale dell'American Soc[...]

Leucemia linfocitica cronica recidivante, idelalisib migliora efficacia di regime con bendamustina e rituximab

A seguito di una raccomandazione da parte di un Comitato di monitoraggio dei dati indipendente (DMC), Gilead Sciences ha annunciato che lo Studio 115 di Fase 3 per la valutazione di idelalisib in aggiunta alla terapia standard nei pazienti affetti da[...]

Terapia ormonale sostitutiva, possibile aumento del rischio di basalioma

Le donne che vanno tardi in menopausa, così come quelle che hanno fatto la terapia ormonale sostitutiva per la menopausa sono a rischio significativamente aumentato di basalioma (o carcinoma basocellulare).

Ca al pancreas, possibile aumento del rischio con gli incretino-mimetici, ma solo nel breve termine

l pazienti affetti da diabete di tipo 2 che hanno iniziato da poco ad assumere ipoglicemizzanti appartenenti alla classe degli incretino-mimetici, di cui fanno parte gli agonisti del GLP-1 e gli inibitori della DPP4, potrebbero essere a maggior risch[...]

Leucemia mieloide cronica, trapianto di staminali offre outcome simili agli inibitori delle tirosin chinasi

Nei pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, con il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche si sono ottenuti risultati di sopravvivenza a 10 anni simili a quelli ottenuti con la terapia farmacologica.

Tumore del seno: -30% di mortalità in 23 anni

693mila donne vivono grazie a diagnosi precoce e nuove terapie. Più di 400mila si sono lasciate la malattia alle spalle. Il prof. Francesco Cognetti: “Va potenziata la ricerca sui marcatori biologici, così potremo selezionare al meglio le pazienti e [...]

Linfoma mantellare, promettente in prima linea la combinazione lenalidomide più rituximab

La combinazione dell'immunomodulatore lenalidomide e dell'anticorpo monoclonale anti-CD20 rituximab come terapia di prima linea in pazienti colpiti da linfoma mantellare in stadio 3-4ha portato a una percentuale complessiva di risposta dell' 87% in u[...]

Leucemia mieloide acuta, condizionamento pre-trapianto di intensità ridotta prolunga la remissione nell'anziano

Il ricorso al trapianto di cellule staminali ematopoietiche con un condizionamento di intensità ridotta si è dimostrato un metodo efficace per mantenere la remissione in un gruppo selezionato di pazienti anziani con leucemia mieloide acuta e si è tra[...]

Ca renale metastatico, studio ‘real-life': efficacia simile per sunitinib e pazopanib in prima linea

Sunitinib e pazopanib hanno mostrato un'efficacia simile come trattamento di prima linea di pazienti con un carcinoma renale metastatico in uno studio osservazionale presentato da poco a Miami, al Kidney International Cancer Symposium.