Oncologia ed Ematologia

VIDEO

3 cose da sapere sul carcinoma del colon-retto


I 3 sottotipi di tumore al seno


Tumore al seno, cos’è importante sapere


3 cose da sapere sul carcinoma ovarico


3 cose da sapere sul tumore al polmone


ESMO 2019, nuove combinazioni di farmaci aumentano la sopravvivenza


Colangiocarcinoma, sopravvivenza aumentata grazie ad ivosidenib


Carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico, atezolizumab migliora la sopravvivenza


Cancro al polmone, qual è l'utilità delle associazioni di pazienti?


Cancro del colon-retto metastatico, nuove possibilità dalla medicina di precisione


Obiettivi della nutrizione clinica, miglioramento della cura e ottimizzazione del percorso del paziente oncologico


Malnutrizione nei pazienti oncologici, importanza di una nutrizione clinica precoce


Tumore al polmone, 4 elementi importanti nella scelta della terapia


Tumore del polmone EGFR+, osimertinib in prima linea migliora la sopravvivenza


Cancro al seno triplo negativo, aggiunta di pembrolizumab neoadiuvante aumenta la risposta


Tumori di rene e vescica, quali novità per la terapia dal congresso ESMO2019?


Tumore polmonare non a piccole cellule, gli studi top del congresso ESMO2019


Oncologia toracica, novità da ESMO2019 su microcitoma, carcinoma timico, biopsia liquida e TMB


Tumori del sangue, che cos'è SOHO Italy?


Leucemia mieloide acuta, i nuovi farmaci disponibili o in arrivo in Europa


Leucemia mieloide acuta, arriva in Italia chemio ‘intelligente’ con CPX-351


Leucemia mieloide acuta, qual è il ruolo del trapianto allogenico nell’era delle terapie target?


ARTICOLI

Nuove conferme per idelalisib nel linfoma non-Hodgkin indolente

L'inibitore dell'enzima PI3K-delta idelalisib continua a dare soddisfazioni ai ricercatori come possibile terapia per il linfoma non-Hodgkin indolente. È difatti fresco di pubblicazione sul New England Journal of Medicine uno studio di fase II in cui[...]

SIMG: “l'aspirina previene il cancro, al via 1° studio al mondo promosso dai medici di famiglia”

Il presidente Claudio Cricelli: “Le ricerche mostrano una riduzione della mortalità per tumori del 34% dopo un quinquennio. Vogliamo raggiungere pazienti inaccessibili agli specialisti”

Melanoma avanzato, immunoterapia virale oncolitica con T-vec promettente su tutti i fronti

Il trattamento con talimogene laherparepvec (T-vec, un'immunoterapia virale oncolitica contro il melanoma, sviluppata da Amgen e basata su un particolare tipo di herpesvirus ‘riconvertito' in modo da uccidere le cellule tumorali) si è dimostrato in g[...]

Tumore al seno: il paziente al centro con vie di somministrazione efficaci meno invasive

Importanti novità da Glasgow, dove è in corso la European Breast Cancer Conference, l'appuntamento annuale, giunto alla nona edizione e organizzato dalla European CanCer Organisation, che affronta con un approccio multidisciplinare i temi del trattam[...]

Cancro al polmone, battuta di arresto per il vaccino terapeutico di Gsk

La biotech Agenus e la società farmaceutica GlaxoSmithKline hanno annunciato il fallimento dello studio di fase III MAGRIT in cui veniva valutato un vaccino anticancro sperimentale in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule. Il farmaco [...]

Lotta al cancro: quali passi avanti nel 2013?

Il 2013 è stato un anno di grandi passi avanti in concologia. I progressi compiuti nel trattamento e nella gestione di sei tipi di tumori – polmone, mammella, colon-retto, cervice uterina, fegato e melanoma sono delineati in altrettanti articoli pubb[...]

Emofilia, bene i dati del primo studio di fase III con il fattore VIII long acting di Novo Nordisk

La danese Novo Nordisk che oltre al consolidato impegno nel diabete è anche presente nel settore dell'emofilia, ha comunicato che il primo studio di fase II condotto con una nuova formulazione long acting del fattore VIII ricombinante (N8-GP, turocto[...]

Ca alla prostata iniziale, la deprivazione androgenica primaria non offre benefici

La terapia di deprivazione androgenica primaria (PADT) per il carcinoma prostatico clinicamente localizzato praticamente non offre benefici in termini di sopravvivenza. A evidenziarlo è uno studio retrospettivo di coorte appena pubblicato online sul [...]

Immunoterapia, effetti avversi degli agenti anti-CTLA-4 e anti-PD-1 nuova sfida per gli oncologi

Come gestire gli effetti collaterali delle nuove immunoterapie antitumorali? A questa domanda cercano dare risposta, in una review pubblicata nel numero di febbraio 2014 di Nature Reviews Clinical Oncology, Tara Gangadhar e Robert Vonderheide, della [...]

Combattere il tumore è anche una questione di cuore

Farmaci antitumorali, terapie salvavita che determinano anche inevitabili effetti collaterali, in particolare a cuore e al sistema circolatorio. E poi stabilire quando un farmaco possa definirsi cardiotossico, come trattare un paziente con tumore in [...]

Linfoma mantellare: il paradigma del cambiamento

Uno dei primi eventi organizzati dal Niguarda Cancer Center è il Simposio che avrà luogo il 14 e 15 marzo 2014, dedicato alle strategie terapeutiche innovative in Ematologia.

Sindromi Mielodisplastiche: dalla diagnosi alla terapia

Le sindromi mielodisplastiche (MDS) sono caratterizzate da un cattivo funzionamento del midollo osseo che causa riduzione dei globuli bianchi, rossi e piastrine (citopenie) e talora, incremento delle cellule immature del midollo (blasti).

Idelalisib promettente in monoterapia contro varie neoplasie ematologiche

Il trattamento in monoterapia con idelalisib, un inibitore orale dell'enzima PI3K-delta, ha dato risultati promettenti, inducendo risposte rapide e durature in tre studi preliminari appena pubblicati su Blood, su pazienti con neoplasie ematologiche r[...]

Chemioterapia, quattro varianti genetiche legate alla tossicità di capecitabina

Le evidenze attuali suggeriscono che solo quattro varianti dei geni della diidropirimidina deidrogenasi (DPYD) e della timidilato sintetasi (TYMS) dovrebbero costituire il gruppo dei biomarker genetici da inserire nei test di tossicità della capecita[...]

Ca mammario avanzato HER2+, bene in fase II la coppia eribulina-trastuzumab

In un gruppo di donne con un carcinoma mammario avanzato HER2-positivo, la combinazione di trastuzumab ed eribulina mesilato ha portato a percentuali di risposta obiettiva del 71,2% e a una sopravvivenza libera da progressione mediana (PFS) di 11,6 m[...]

Trattare la LLC nel 2014: nuove strategie di terapia in rapporto a biologia e fitness status

In questo articolo il Dott. Marco Montillo, ematologo al Niguarda di Milano, fa un erxcursus sulle più recenti acquisizioni circa la terapia della leucemia linfatica cronica (LLC). questa malattisa rappresenta la forma di leucemia di più frequente r[...]

Malattia di Waldenström: stato dell'arte e nuove acquisizioni biologiche

In questo articolo la dr.ssa Alessandra Tedeschi, ematologa del Niguarda di Milano, fa una breve disamina della La Macroglobulinemia di Waldenstrom (MW), una neoplasia che interessa il linfociti B maturi e viene quindi classificata come un linfoma no[...]

Melanoma avanzato, risposta duratura e aumento della sopravvivenza con nivolumab

L'anticorpo monoclonale anti-PD-1 nivolumab può aumentare la sopravvivenza globale (OS) nei pazienti con melanoma avanzato, con un profilo di sicurezza a lungo termine accettabile, stando ai risultati di uno studio pubblicato di recente sul Journal o[...]

Leucemie e linfomi al quarto posto tra le patologie tumorali a Milano

Le malattie del sangue sono al quarto posto tra le patologie tumorali a Milano. Ogni cento tumori diagnosticati in un anno, sette sono leucemie o linfomi che, per incidenza (nuovi casi per anno), vengono subito dopo il tumore alla mammella e prostata[...]

Melanoma, effetto diverso sui linfociti tra vemurafenib e dabrafenib

Anche se i due inibitori di BRAF dabrafenib e vemurafenib e hanno un'efficacia clinica paragonabile nel trattamento del melanoma, il primo potrebbe essere più vantaggioso sul fronte della sicurezza ematologica. A suggerire questa possibilità è uno st[...]