Oncologia ed Ematologia

VIDEO

CAR T-cells per il mieloma multiplo, a che punto siamo?


Come si producono le CAR T-cells? Le sfide da superare


Biopsia liquida, novità per il monitoraggio del tumore al polmone


Smascherare le mutazioni genetiche rare nei tumori, ci pensa il Progetto Vita


Il ruolo dell'anatomo patologo in campo oncologico


Tumore al polmone, nuovi test all'orizzonte per la diagnosi precoce


Talassemia, la terapia genica funziona anche nel lungo termine e in diversi genotipi di malattia


Tumori testa-collo: pembrolizumab in prima linea riduce la mortalità del 40 per cento


Tumore del polmone: pembrolizumab quadruplica la sopravvivenza a 5 anni


Tumori pediatrici, nuovi farmaci mirati contro le alterazioni dei geni NTRK, ROS o ALK


Tumori testa-collo: con l'immunoterapia si aumenta la sopravvivenza dei pazienti


Tumore del pancreas: olaparib raddoppia la sopravvivenza libera da malattia in chi ha la mutazione BRCA


Tumore al seno triplo negativo: atezolizumab efficace nelle donne con malattia PD-L1 positiva


Cancro del pancreas, nab paclitaxel in adiuvante migliora la sopravvivenza. Studio APACT


Cancro della prostata metastatico, enzalutamide migliora la sopravvivenza nei pazienti ormono sensibili


Tumore al seno metastatico HER2+: con pertuzumab e trastuzumab una paziente su tre in vita a 8 anni


Tumore della mammella avanzato in donne in premenopausa: ribociclib aumenta la sopravvivenza


Quali sono i fattori che condizionano la crescita del tumore?


Mielofibrosi, fedratinib efficace in un terzo dei pazienti non responsivi a ruxolitinib


Appello di AIOM al Governo, bisogna rinnovare il fondo per i farmaci innovativi


Melanoma metastatico, con ipilimumab e nivolumab a 5 anni vive oltre la metà dei pazienti


Carcinoma squamoso della cute, cemiplimab primo trattamento per le forme avanzate


ARTICOLI

Ca al fegato avanzato, ramucirumab in seconda linea non allunga la vita

Il trattamento con l'inibitore dell'angiogenesi ramucirumab non migliora in modo significativo la sopravvivenza rispetto al placebo nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato già trattati in prima linea con sorafenib.

Linfoma di Hodgkin avanzato, sospendere bleomicina e vincristina non compromette l'efficacia

Nei pazienti con linfoma di Hodgkin avanzato trattati con il regime BEACOPP (contenente bleomicina, etoposide, adriamicina, ciclofosfamide, vincristina, procarbazina e prednisone), sospendere la somministrazione di bleomicina e vincristina per via di[...]

Leucemia linfatica cronica, a Siena si studia una cura senza chemioterapia

Sperimentato a Siena un nuovo trattamento senza chemioterapia per la leucemia linfatica cronica, la leucemia più frequente nel mondo occidentale. Presso l’UOC Ematologia dell’ospedale Santa Maria alle Scotte, diretta dalla professoressa Monica Bocchi[...]

Tumori della testa e del collo, da AIOM sostegno al management multidisciplinare

L'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) ha deciso di stimolare attraverso un premio i progetti di management multidisciplinare dei tumori della testa e del collo. L'iniziativa è sostenuta da Merck società farmaceutica impegnata nella impe[...]

Al via fase III per farmaco di Pfizer contro le crisi vaso occlusive nella malattia a cellule falciformi

Pfizer ha iniziato uno studio di fase III condotto sul farmaco sperimentale rivipansel in pazienti con malattia a cellule falciformi ospedalizzati e con crisi dolorose vaso occlusive.

Leucemia linfoblastica acuta a cellule B, risposta completa elevata con nuova immunoterapia cellulare anti-CD19

L'immunoterapia con cellule T modificate in modo da esprimere il recettore chimerico (CAR) 19-28z diretto contro l'antigene CD-19 si è associata a una risposta completa elevata nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivata o re[...]

Mieloma multiplo, combinazione vorinostat più lenalidomide attiva come mantenimento

La combinazione di lenalidomide e l'inibitore dell'e stone deacetilasi (HDAC) vorinostat, potrebbe essere efficace come terapia di mantenimento nei pazienti con mieloma multiplo che sono stati sottoposti al trapianto autologo di cellule staminali.

Ca al seno HER2+, neratinib riduce le recidive

Il trattamento per un anno con l'inibitore delle tirosin chinasi neratinib subito dopo trastuzumab più la chemioterapia adiuvante ha migliorato leggermente la sopravvivenza libera da malattia (DFS) invasiva rispetto al placebo in quasi tutte le pazie[...]

Ca gastrico MET-positivo avanzato, rilotumumab non migliora la sopravvivenza

L'aggiunta di rilotumumab, anticorpo monoclonale diretto contro il fattore di crescita degli epatociti (HGF), a epirubicina, cisplatino e capecitabina (ECX) come terapia di prima linea per i pazienti con adenocarcinoma gastrico o della giunzione gast[...]

Leucemia Acuta Mieloide, tosedostat centra end point in trial di fase II

E' a firma italiana la presentazione dei risultati di uno studio di Fase 2 condotto con tosedostat su pazienti affetti o da Leucemia Acuta Mieloide (LAM) primaria (de novo) o derivante da una Sindrome Mielodisplastica (SMD). Presentati a Vienna in oc[...]

Calcioantagonisti non aumentano rischio di tumore al seno

Uno studio presentato pochi giorni fa al congresso annuale 2015 dell'ASCO (American Society of Clinical Oncology) dimostra che l'assunzione, anche a lungo termine, di calcioantagonisti non altera il rischio di sviluppare tumore al seno nelle donne tr[...]

Tumori neuroendocrini, a Milano si fa il punto

I dati illustrati oggi nella prima ‘Milan NET Conference' dal Centro NET dell'Istituto Nazionale dei Tumori rivelano che la sopravvivenza dopo dieci anni dal trapianto di fegato raggiunge l'80 per cento nei pazienti affetti da queste neoplasie, di cu[...]

Tumori: serve subito il piano nazionale della cronicità

Oggi in Italia vivono circa tre milioni le persone con una diagnosi di tumore. Un vero e proprio esercito di pazienti, le loro necessità spaziano dall'accesso alle terapie più efficaci, alle visite di controllo (follow up), alla preservazione della f[...]

Ematologia nell'era della precisione: migliora l'efficacia delle terapie, aumentano le speranze per i pazienti

Gli specialisti la definiscono “Ematologia di precisione”. È il frutto di anni di ricerche e studi che hanno rivoluzionato l'approccio diagnostico e terapeutico alle malattie del sangue e hanno ridato la speranza della guarigione a pazienti che sembr[...]

Leucemia mieloide cornica, da grande studio europeo conferme per nilotinib in prima linea

Al 20° Congresso della European Hematology Association (EHA), in corso a Vienna sono stati presentati i risultati dello studio di Fase IIIb ENEST1st, condotto condotto in 26 Paesi europei su oltre 1000 pazienti con leucemia mieloide cronica (LMC) di [...]

Linfoma follicolare, promette bene polatuzumab vedotin

In uno studio presentato al recente convegno dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), a Chicago, pazienti con linfoma follicolare recidivato o refrattario trattati con polatuzumab vedotin più rituximab hanno mostrato percentuali di risposta[...]

Ca alla prostata metastatico, aggiunta di custirsen alla chemio migliora gli outcome in alcuni pazienti

L'aggiunta del nuovo farmaco antisenso custirsen a docetaxel ha migliorato gli outcome in pazienti con un carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione che avevano fattori prognostici negativi, nell'ambito dello studio SINERGY, present[...]

Linfoma non-Hodgkin recidivato, obinutuzumab aggiuto a bendamustina allontana la progressione

L'aggiunta dell'anticorpo monoclonale anti-CD20 obinutuzumab alla chemioterapia standard con bendamustina ha ritardato in modo significativo la progressione del linfoma non-Hodgkin indolente recidivato nello studio fase III GADOLIN, presentato al con[...]

Ca al seno, anastrozolo meglio di tamoxifene per il carcinoma duttale in situ

L'inibitore dell'aromatasi anastrozolo potrebbe essere una scelta migliore rispetto a tamoxifene per prevenire la progressione di un carcinoma duttale in situ a tumore invasivo.

Tumore alla prostata localizzato ad alto rischio, chemio adiuvante aumenta la sopravvivenza

L'aggiunta di docetaxel e prednisone al trattamento standard (terapia ormonale e radioterapia) potrebbe rappresentate la prima chemioterapia adiuvante efficace per gli uomini con un cancro alla prostata ad alto rischio localizzato, stando ai risultat[...]