Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Oncologia, la rivoluzione dei farmaci immunoterapici


L'impegno di Bristol-Myers Squibb nella cura del cancro con l'immunoterapia


Ruolo diagnostico della medicina nucleare. Il caso dei tumori neuroendocrini


Novità in medicina nucleare: teragnostica, radiofarmaco per la terapia dei NET


Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio


Tumori neuroendocrini, cosa sono, come si diagnosticano e come si curano


Tumori neuroendocrini: ITA-NET, una rete italiana per curare i pazienti con un team di esperti


Quando il nucleare è buono, il ruolo dei medici nucleari per la diagnosi e la cura


Nuovi percorsi clinico-organizzativi nell'emofilia A


Le malattie neurometaboliche: cosa succede se l'esordio è nell'età adulta?


In Europa quali sono i sistemi di rimborso dei farmaci per le malattie rare?


Screening neonatale per le malattie lisosomiali: a cosa serve ed esperienze di applicazione


Come si stabilisce l'innovatività di un farmaco per le malattie rare?


L'accesso al mercato dei farmaci per le malattie rare


Ematologia, AIL celebra i 50 anni e guarda alle nuove generazioni di volontari


50 anni di impegno dei volontari AIL, la motivazione di una scelta di vita


La scelta volontaria, perchè e come occuparsi dei pazienti ematologici


I biosimilari in Europa: opportunità da cogliere e sfide da superare


La ricerca e lo sviluppo dei nuovi farmaci biosimilari: l'impegno di Mylan


Tumore prostatico, obiettivi e importanza del PDTA certificato della ASST Valle Olona


Ruolo del radioterapista nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


Ruolo dell’oncologo nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


ARTICOLI

Denosumab meglio dell'acido zoledronico nella prevenzione delle fratture

L'anticorpo monoclonale denosumab (Prolia, Amgen) si è dimostrato più efficace dell'acido zoledronico (Zometa, Novartis) nel ritardare o prevenire la comparsa di fratture e complicanze scheletriche in pazienti con tumore alla prostata e metastasi oss[...]

Melanoma, con ipilimumab quasi raddoppiata la sopravvivenza

In uno studio di Fase III presentato all'ASCO, ipilimumab ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza del 34% in pazienti colpiti da melanoma in fase metastatica rispetto a quelli trattati con un'altra terapia sperimentale, la vaccinazione peptidica[...]

Conferme per radium-223 chloride contro le metastasi ossee

In occasione del congresso ASCO di Chicago, Bayer HealthCare ha presentato i dati di studi di fase I e II che hanno valutato l'efficacia e la sicurezza di radium-223 chloride (Alpharadin) un nuovo radiofarmaco sperimentale che emette particelle alfa [...]

Acido zoledronico migliora la sopravvivenza nel mieloma multiplo

Nuovi dati presentati al 46° meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), a Chicago, mostrano che in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi il trattamento con acido zoledronico (Zometa) associato alla chemioterapia di p[...]

Everolimus riduce i tumori cerebrali dovuti alla sclerosi tuberosa

In occasione dell'ASCO di Chicago sono stati presentati i dati di uno studio di fase II che mostrano che everolimus in compresse è il primo farmaco a ridurre le dimensioni dell'astrocitoma subependimale a cellule giganti (SEGA), un tumore cerebrale b[...]

Nilotinib meglio di imatinib nel rallentare la leucemia mieloide cronica

In occasione dell'ASCO di Chicago sono stati presentati i risultati a 18 mesi (follow-up mediano) che mostrano che nilotinib (Tasigna) supera significativamente imatinib (Glivec) nel rallentare la progressione di malattia nei pazienti adulti affetti [...]

Bevacizumab aumenta la PFS nel carcinoma ovarico avanzato

In occasione del congresso ASCO di Chicago sono stati presentati i risultati di uno studio di Fase III condotto con bevacizumab che ha dimostrato che le donne con tumore dell'ovaio avanzato precedentemente non trattato che hanno ricevuto un trattamen[...]

Rituximab raddoppia la PFS nel linforma follicolare

La prosecuzione della terapia con rituximab per due anni in pazienti che rispondevano al trattamento iniziale con questo farmaco in combinazione con la chemioterapia, ha raddoppiato la possibilità di sopravvivere senza progressione della malattia (PF[...]

Dall'ASCO nuovi anticorpi terapeutici e terapie mirate

In occasione del congresso Asco, Roche ha presentato i nuovi farmaci in fase iniziale di sviluppo: la pipeline comprende 22 nuovi farmaci sperimentali per cinque dei quali entro il 2013 è prevista la presentazione della domanda di autorizzazione.

Ca mammario iniziale, utile l'amenorrea indotta da chemio

L'amenorrea iatrogena indotta dalla chemioterapia in donne in premenopausa con cancro al seno in fase iniziale si è associata a un miglioramento significativo della sopravvivenza, a prescindere dal tipo di trattamento e dallo status dei recettori orm[...]

Bevacizumab, sospeso studio nel linfoma non-Hodgkin

Roche ha interrotto l'arruolamento dei pazienti in uno studio di fase III sull'impiego di bevacizumab (Avastin) e rituximab (Mabthera) più chemioterapia nel linfoma non-Hodgkin non aggressivo. Per l'anti-VEGF un altro flop, dopo i risultati deludenti[...]

Boom del test del KRAS nel cancro del colon retto

La terapia personalizzata si sta affermando rapidamente e a confermarlo è il un vero e proprio boom degli esami per la rilevazione di biomarker fra i pazienti con cancro al colon retto metastatico, che in questo modo possono ottenere una terapia pers[...]

Conferme di efficacia per everolimus nel tumori neuroendocrini

Novartis ha reso noto che nello studio RADIANT-3 (RAD001 In Advanced Neuroendocrine Tumors), everolimus in compresse (Afinitor) associato alla migliore terapia di supporto (Bsc, best supportive care), ha centrato l'endpoint primario, rappresentato da[...]

Bevacizumab rallenta la progressione nel ca mammario avanzato

L'aggiunta del biologico bevacizumab alla chemioterapia di prima linea con docetaxel migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (Pfs) in donne con tumore al seno avanzato. Lo conferma un trial randomizzato di fase III, lo [...]

Toremifene delude nella prevenzione del ca prostatico

La società farmaceutica americana GTx ha divulgato i risultati top line di uno studio di fase III condotto sull'antitumorale toremifene, che ne dimostrano l'inefficacia nella prevenzione del cancro alla prostata. L'incidenza del tumore negli uomini t[...]

Patupilone, alt allo sviluppo nel ca ovarico

Bersaglio mancato per patupilone, un nuovo antitumorale sperimentale sviluppato da Novartis come possibile trattamento per il ca ovarico. In uno studio di fase III condotto su pazienti con ca ovarico avanzato, il farmaco non ha prolungato in modo sig[...]

Cediranib nel ca del colon-retto, negativo lo studio HORIZON II

AstraZeneca getta la spugna sull'antitumorale cediranib nel cancro del colon-retto metastatico. L'azienda ha rinunciato a proseguire lo sviluppo e chiedere l'approvazione del farmaco come trattamento di prima linea per questa neoplasia, dopo i risult[...]

Cabazitaxel riduce la mortalità rispetto a mitoxantrone

La combinazione tra il farmaco sperimentale cabazitaxel e prednisone migliora significativamente la sopravvivenza di pazienti con tumore della prostata metastatico, refrattario alla terapia ormonale e in progressione dopo un trattamento con chemioter[...]

Nuovo antitumorale di Boehringer, promettente nel Nsclc e nel testa collo

Nuovi dati sul farmaco sperimentale BIBW 2992 suggeriscono che sia efficace almeno quanto cetuximab nel tumore della testa e del collo, e riaffermano la sua attività nel tumore del polmone non a piccole cellule con la mutazione EGFR Questi studi ver[...]

Erlotinib dopo la chemio migliora la sopravvivenza nel Nsclc

Una terapia di mantenimento con il biologico anti-EGFR erlotinib (Tarceva, Roche e OSI) subito dopo una chemioterapia di prima linea a base di platino è ben tollerata e migliora gli outcome nel carcinoma del polmone non a piccole cellule (Nsclc), all[...]