Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Oncologia, la rivoluzione dei farmaci immunoterapici


L'impegno di Bristol-Myers Squibb nella cura del cancro con l'immunoterapia


Ruolo diagnostico della medicina nucleare. Il caso dei tumori neuroendocrini


Novità in medicina nucleare: teragnostica, radiofarmaco per la terapia dei NET


Tumori neuroendocrini, disponibile in Italia un nuovo radiofarmaco a base di lutezio


Tumori neuroendocrini, cosa sono, come si diagnosticano e come si curano


Tumori neuroendocrini: ITA-NET, una rete italiana per curare i pazienti con un team di esperti


Quando il nucleare è buono, il ruolo dei medici nucleari per la diagnosi e la cura


Nuovi percorsi clinico-organizzativi nell'emofilia A


Le malattie neurometaboliche: cosa succede se l'esordio è nell'età adulta?


In Europa quali sono i sistemi di rimborso dei farmaci per le malattie rare?


Screening neonatale per le malattie lisosomiali: a cosa serve ed esperienze di applicazione


Come si stabilisce l'innovatività di un farmaco per le malattie rare?


L'accesso al mercato dei farmaci per le malattie rare


Ematologia, AIL celebra i 50 anni e guarda alle nuove generazioni di volontari


50 anni di impegno dei volontari AIL, la motivazione di una scelta di vita


La scelta volontaria, perchè e come occuparsi dei pazienti ematologici


I biosimilari in Europa: opportunità da cogliere e sfide da superare


La ricerca e lo sviluppo dei nuovi farmaci biosimilari: l'impegno di Mylan


Tumore prostatico, obiettivi e importanza del PDTA certificato della ASST Valle Olona


Ruolo del radioterapista nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


Ruolo dell’oncologo nella gestione interdisciplinare del carcinoma della prostata. Esperienza dell’ASST Valle Olona


ARTICOLI

Mieloma multiplo recidivato/refrattario, delude la combinazione bortezomib-doxorubicina liposomiale pegilata

L'aggiunta di doxorubicina liposomiale pegilata a bortezomib non ha prolungato la sopravvivenza globale (OS) rispetto al solo bortezomib in pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario. È questo il risultato dell’analisi finale dei dati di [...]

Ca del colon-retto, cetuximab aggiunto a FOLFOX-4 dà un valore aggiunto nei pazienti con RAS wild-type

L'aggiunta di cetuximab alla chemioterapia standard FOLFOX-4 nel trattamento di prima linea dei pazienti con un cancro del colon-retto metastatico con RAS wild-type ha migliorato in modo significativo i risultati di sopravvivenza nello studio TAILOR,[...]

Ca al polmone, ceritinib promettente nei pazienti già trattati con crizotinib

Ceritinib ha prodotto risposte durature e clinicamente significative in pazienti affetti da un carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio avanzato, portatori di riarrangiamenti di ALK e già trattati più volte con la chemioterapia e crizotini[...]

Ca epatocellulare, con regorafenib in seconda linea benefici di sopravvivenza che cambiano il paradigma

Il trattamento di seconda linea con l’inibitore multichinasico regorafenib ha migliorato notevolmente le percentuali di sopravvivenza rispetto al placebo in pazienti con carcinoma epatocellulare progredito durante il trattamento con sorafenib. Il ris[...]

Sindrome dell'ovaio policistico, letrozolo efficace in prima linea contro l’infertilità

Nelle donne affette da sindrome dell'ovaio policistico, la terapia con l’inibitore dell’aromatasi letrozolo offre una maggiore probabilità di portare a termine una gravidanza rispetto a clomifene o alla fecondazione in vitro e dovrebbe essere conside[...]

Trombocitopenia immune cronica, buona risposta piastrinica con romiplostim nei bambini

Il trattamento con romiplostim ha indotto un alta percentuale di risposta piastrinica nei bambini con trombocitopenia immune cronica in uno studio di fase 3 randomizzato e controllato con placebo appena pubblicato su The Lancet.

Linfoma di Hodgkin recidivato/refrattario, possibilità di guarigione con brentuximab vedotin

In pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivato o refrattario, il trattamento con brentuximab vedotin si è associato a una sopravvivenza globale (OS) a 5 anni del 41%, suggerendo una possibilità di guarigione per alcuni pazienti, in uno studio[...]

Ca colon retto, AIOM: “screening solo per il 47% degli italiani. I farmaci oggi disponibili hanno migliorato la sopravvivenza”

Il 25% delle diagnosi di tumore del colon-retto avviene in fase avanzata. In questi casi le possibilità di sopravvivenza sono limitate, infatti solo l’11% di questi pazienti è vivo a 5 anni. È quindi fondamentale migliorare l’adesione alle campagne d[...]

Vepoloxamer delude in fase III nell’anemia falciforme

Il farmaco sperimentale vepoloxamer non è riuscito a raggiungere il suo obiettivo primario - ridurre in modo significativo la durata media delle crisi vaso-occlusive nei pazienti con anemia falciforme - nello studio di fase 3 EPIC. A darne notizia è [...]

Anemia postoperatoria, ferro ev può migliorarne la gestione

L'infusione ev di carbossimaltosio ferrico può essere preferibile all'osservazione nella gestione di pazienti con anemia da carenza di ferro dopo l'intervento. Lo evidenziano i risultati di uno studio randomizzato e controllato in aperto, di fase 3 a[...]

Mieloma multiplo, in prima linea carfilzomib non va oltre il pareggio con bortezomib

In uno studio di fase III condotto in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non eleggibili al trapianto di cellule staminali ematopoietiche, carfilzomib non è riuscito a dimostrare una superiorità rispetto a bortezomib in termini di sopravv[...]

Ca al polmone ALK+, ceritinib in prima linea ritarda la progressione

L'inibitore di ALK di seconda generazione ceritinib, utilizzato come trattamento di prima linea, migliora la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto alla chemioterapia standard nei pazienti con un tumore al polmone non a piccole cellule ([...]

Leucemia linfoblastica acuta ricaduta/refrattaria, malattia minima residua influenza gli outcome

Nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivata e refrattaria alla prima terapia di salvataggio, la negatività della malattia minima residua (MRD) è correlata alla sopravvivenza a lungo termine. Lo rivelano i risultati di uno studio retrospe[...]

Trapianto di staminali, trapianto di microbiota fecale efficace contro la GVHD acuta

Il trapianto di microbiota fecale potrebbe essere un'opzione efficace per trattare la malattia del trapianto contro l'ospite (graft-versus-host-disease, GVHD) acuta dell'intestino nei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali. A suggerirlo[...]

Ca alla prostata localizzato, dopo 10 anni efficacia simile dei tre approcci, ma con una diversa qualità di vita

I tre approcci principali per il trattamento del cancro alla prostata localizzato - chirurgia, radioterapia o un monitoraggio attivo - danno risultati simili sul piano dell'efficacia, ma il loro effetto sulla qualità della vita è diverso. Lo dicono i[...]

Ca epatocellulare avanzato, con sorafenib l’età non è un problema

Nei pazienti anziani con carcinoma epatocellulare che prendendo sorafenib il farmaco sembra essere efficace quanto in quelli più giovani. A suggerirlo è uno studio osservazionale pubblicato sullo European Journal of Gastroenterology and Hepatology.

Mieloma multiplo, le statine potrebbero ridurre la mortalità

L'uso di statine potrebbe ridurre nei pazienti affetti da mieloma multiplo il rischio di mortalità dovuta a una qualsiasi causa e di mortalità legata specificamente al mieloma multiplo. A suggerirlo è uno studio osservazionale sui veterani statuniten[...]

Sarcoma dei tessuti molli, aggiunta di palifosfamide non allunga la vita

Nei pazienti affetti da sarcoma dei tessuti molli metastatico, l’aggiunta di palifosfamide alla chemioterapia con doxorubicina non migliora gli outcome di sopravvivenza rispetto alla sola doxorubicina. A sancirlo è l’esito dello studio randomizzato d[...]

Mieloma multiplo, malattia minima residua negative dopo il trattamento predittiva di sopravivenza più lunga

Nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi, avere una malattia minima residua (MRD) negativa dopo il trattamento si associa a una sopravvivenza prolungata. A confermare un dato già suggerito da diversi studi è ora una metanalisi dei dati ril[...]

Sindrome mielodisplastica, lenalidomide prolunga l’indipendenza dalle trasfusioni in alcuni pazienti

La lenalidomide può indurre un’indipendenza dalle trasfusioni prolungata nei pazienti con sindrome mielodisplastica a basso rischio, trasfusione-dipendenti, refrattari o non idonei al trattamento con agenti stimolanti l'eritropoiesi (ESA). È quanto e[...]