Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Radioterapia nel tumore della prostata, sviluppi e collaborazione con altre specialità


Tumore della prostata, come riconoscerlo e diagnosticarlo precocemente


PDTA come gestione del rischio clinico nel tumore della prostata


Tumore della prostata, la best practice dell'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo


PDTA del tumore della prostata, i risultati ad un anno dall'attivazione all'Ospedale Buccheri La Ferla


Tumore della prostata, all'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è attivo un PDTA certificato


B-SIDE, il primo spettacolo teatrale che porta in scena l'emofilia


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia A: sbarca in Italia emicizumab, si apre una nuova era per i pazienti con inibitori


Emofilia A e inibitori del fattore VIII, cosa sono e come gestire il problema


Qual è la spesa farmaceutica al netto di rimborsi condizionati e pay back?


Il costo del mieloma multiplo nella real life italiana


Il percorso di assistenza e di cura del paziente con mieloma multiplo


Evoluzione nella cura del mieloma multiplo. Il problema delle recidive


Quali sono i problemi che devono affrontare i pazienti guariti da un tumore?


Quale sarà l'impatto dei biosimilari nella realtà italiana? Ce lo rivela uno studio del CEIS


Oncologia italiana a livelli di eccellenza. Aspetti positivi del modello del nostro Paese


Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


ARTICOLI

Leucemia linfatica cronica, venetoclax si conferma attivo nei pazienti refrattari a ibrutinib o idelalisib

L'inibitore della proteina antiapoptotica BCL2 venetoclax in monoterapia si è dimostrato attivo e ha permesso di raggiungere uno stato di negatività della malattia minima residua in una buona percentuale di pazienti affetti da leucemia linfatica cron[...]

Pubblicate le nuove linee guida ASCO sulla terapia ormonale per il tumore al seno avanzato HR+

Sono state da poco pubblicate sul Journal of Clinical Oncology le nuove linee dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) sull'impiego della terapia ormonale per le donne affette da un carcinoma mammario metastatico con recettori ormonali posit[...]

Ca al pancreas avanzato, no vantaggi di sopravvivenza aggiungendo erlotinib o la radioterapia alla chemio

La chemioradioterapia non migliora né la sopravvivenza globale (OS) né la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoma pancreatico avanzato rispetto alla sola chemioterapia. Inoltre, l'aggiunta dell'inibitore dell'EGFR erlotinib a [...]

Tumore del polmone, aumento sopravvivenza con atezolizumab

Presentati i dati di sopravvivenza aggiornati dello studio di fase II POPLAR, condotto su pazienti affetti da tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC) in stadio avanzato precedentemente trattati. I risultati dello studio, dimostrano un chiaro[...]

Risparmiare in oncologia è possibile: basta evitare pratiche inutili

Sotto il nome di ‘Choosing wisely‘ si è diffusa ampiamente negli Stati Uniti un'iniziativa che definisce un nuovo approccio alle cure. Sinteticamente consiste nel limitare esami clinici e pratiche terapeutiche ritenute inutili o ridondanti.

Tumore vescica: l'immunoterapico atezolizumab riduce la dimensione del tumore in stadio avanzato nei pazienti non precedentemente trattati

In occasione del congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), sono stati presentati i risultati dello studio di fase II, IMvigor210, che dimostrano come atezolizumab riduca la dimensione dei tumori (tasso di risposta obiettiva, ORR) n[...]

Mieloma multiplo: carfilzomib aumenta sopravvivenza libera da progressione in pazienti con recidiva precoce

I risultati di un'analisi secondaria dello studio registrativo di Fase III ASPIRE che ha dimostrato come carfilzomib in combinazione con lenalidomide e desametasone (KRd) migliori la sopravvivenza libera da progressione (PFS) e la percentuale di risp[...]

Tumore del pancreas metastatico: studio italiano di “real life” conferma nab paclitaxel + gemcitabina come standard of care

Uno studio italiano presentato al congresso dell'ASCO conferma l'utilità che un trattamento di seconda linea può avere in pazienti con malattia metastatica che abbiano ricevuto una terapia di prima linea nab-paclitaxel e gemcitabina, uno schema che o[...]

Tumore del rene: “con nivolumab il 34% dei pazienti è vivo a 5 anni

Il 34% dei pazienti colpiti da tumore del rene in fase avanzata è vivo a 5 anni. Il dato emerge dall'aggiornamento dello studio CA209-003 che ha dimostrato l'impatto di nivolumab, nuova molecola immuno-oncologica, sulla sopravvivenza a lungo termine.

Tumori della testa-collo: nivolumab allunga la sopravvivenza, il 36% dei pazienti è vivo a 1 anno

Il 36% dei pazienti colpiti da tumore della testa e del collo in fase avanzata è vivo a un anno grazie al trattamento con nivolumab, nuova molecola immuno-oncologica. Un miglioramento sostanziale rispetto al 16,6% ottenuto con la chemioterapia di con[...]

Tumore al polmone, alectinib efficacia nettamente superiore alla terapia standard

Sono stati presentati alla 52^ edizione del congresso ASCO (meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology) i risultati del primo studio “testa a testa” tra alectinib e crizotinib, trattamento standard, in pazienti con tumore polmonare n[...]

Tumore del polmone: nivolumab e ipilimumab in prima linea aumentano risposta obiettiva del 57%

Il regime di combinazione a base di nivolumab e ipilimumab, nei pazienti con espressione di PD-L1 ≥1%, ha determinato un tasso di risposte obiettive (ORR) confermato del 57%. L'ORR confermato per quelli con espressione di PD-L1 ≥50% è sta[...]

Melanoma: + 27% di sopravvivenza a due anni con pembrolizumab

Il 55% dei pazienti colpiti da melanoma metastatico o non operabile trattati con pembrolizumab, nuova molecola immuno-oncologica anti PD-1, è vivo dopo due anni dall'inizio del trattamento. Si tratta di un netto miglioramento, pari al 27% in più, ris[...]

Dall'ASCO, nuovi dati di real world evidence confermano efficacia di abiraterone

In occasione del Congresso ASCO in corso in questi giorni, presentate numerose analisi di real world evidence che fanno emergere significativi dati della pratica clinica reale sui percorsi terapeutici dei pazienti con tumore alla prostata, in partico[...]

All'ASCO il NIBIT (Siena) presenta due trial di immuno-oncologia unici al mondo

Al 52° congresso annuale dell'ASCO - American Society of Clinical Oncology - che si apre oggi a Chicago, la Fondazione NIBIT – Network Italiano per la Bioterapia dei Tumori presenta due anteprime assolute nella ricerca in immuno-oncologia: domani ne[...]

Ca al seno avanzato, fluvestrant meglio di anastrozolo in prima linea

Il trattamento di prima linea con fulvestrant si è dimostrato in grado di migliorare la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al solo anastrozolo nelle donne in post-menopausa con un carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico [...]

Ca al polmone avanzato, ottima risposta con osimertinib in prima linea

Un trattamento di prima linea con osimertinib, una farmaco mirato contro l'EGFR mutato, si è dimostrato efficace nei pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule in stadio avanzato, nei quali ha portato a una percentuale di risposta comple[...]

Leucemia mieloide cronica, dasatinib meglio di imatinib su risposta citogenetica e molecolare

La sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) a 5 anni sono risultate simili nei pazienti affetti da leucemia mieloide cronica trattati con dasatinib e in quelli trattati con imatinib, ma quelli del gruppo dasatinib ha[...]

Ca al seno, ribociclib aggiunto a letrozolo passa l'esame in fase III

La combinazione dell'inibitore di CDK4/6 ribociclib (LEE011) e dell'inibitore dell'aromatasi letrozolo ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto al solo letrozolo in un gruppo di pazienti con carcinoma[...]

Ca renale, cabozantinib ritarda la progressione anche in pazienti naïve

L'inibitore delle tirosin chinasi cabozantinib ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto a sunitinib nei pazienti con carcinoma avanzato a cellule renali naive al trattamento nello studio di fase II CA[...]