Oncologia ed Ematologia

VIDEO

8 scatti d'autore contro il linfoma, il valore del tempo per chi è malato


Il valore del tempo per i malati di linfoma


Al via il progetto “È tempo di vita” per affrontare insieme il cancro al seno avanzato


Cancro al seno avanzato: che cos’è e come tenerlo sotto controllo


Leucemia linfatica cronica: facciamo il punto sugli inibitori di BCL-2


Leucemia linfatica cronica: come gestire i pazienti ricaduti?


Leucemia linfatica cronica: nuove strategie per l'anziano nell'era dei farmaci mirati


Risposte promettenti con pembrolizumab, da solo o con la chemio, nel ca gastrico metastatico pretrattato


Ca renale metastatico: l'esperienza italiana del programma di accesso allargato a cabozantinib


Cabozantinib in prima linea dimezza il rischio di morte o progressione nel ca renale metastatico


In seconda linea, aggiunta di ramucirumab alla chemio ritarda la progressione nel ca uroteliale avanzato


In prima linea nivolumab più ipilimumab migliora la sopravvivenza nel ca renale metastatico


In seconda linea, pembrolizumab continua a battere la chemio nel ca uroteliale avanzato


Studio MONARCH 3: ca al seno avanzato HR+/HER2-, aggiunta di abemaciclib alla terapia endocrina migliora gli outcome


Melanoma, le novità di ESMO 2017 sugli studi con pembrolizumab


Le novità più importanti di ESMO 2017 sul trattamento del tumore alla mammella


Melanoma avanzato: combinazione epacadostat-ipilimumab migliora gli outcome


Studio KEYNOTE 021G: oltre il 50% dei pazienti con ca polmonare risponde a pembrolizumab aggiunto alla chemio in prima linea


Melanoma stadio III/IV resecato, nivolumab batte ipilimumab per efficacia e tollerabilità


Studio FLAURA: osimertinib in prima linea prolunga la sopravvivenza libera da progressione nel ca polmonare con EGFR mutato


ESMO 2017: successo di osimertinib in prima linea nel ca al polmone EGFR+ nello studio FLAURA, il commento dell'esperta


Melanoma: dabrafenib-trametinib adiuvante raddoppia la sopravvivenza senza recidiva


ARTICOLI

Leucemia linfoblastica acuta, monitoraggio della MRD può indirizzare la terapia basata sul rischio

Il monitoraggio sequenziale dei livelli di malattia minima residua (MRD) durante l'induzione della remissione nei pazienti pediatrici affetti da leucemia linfoblastica acuta può aiutare a scegliere l'intensità del trattamento.

Ca al seno, il rischio varia in base a tipo e localizzazione delle mutazioni di BRCA

Nelle donne portatrici di mutazioni dei geni BRCA1 o BRCA2, il tipo e l'esatta localizzazione della mutazione influiscono sul rischio di sviluppare un tumore al seno o alle ovaie.

Ibrutinib sicuro ed efficace contro la macroglobulinemia di Waldenstrom già trattata

L'inibitore della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ibrutinib si è dimostrato "molto attivo" e sicuro in pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom già trattati in uno studio di fase II appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Linfoma follicolare, possibile legame tra bassi livelli di vitamina D e bassa sopravvivenza

Livelli bassi di vitamina D potrebbero essere associati a una sopravvivenza inferiore nei pazienti con un linfoma follicolare, naïve ai trattamenti.

Ca al colon, nuove linee guida Usa sui test molecolari

Quattro società scientifiche statunitensi hanno appena diffuso una bozza di una nuova linea guida sull'uso dei test sui marcatori molecolari nei pazienti con un carcinoma del colon-retto primario o metastatico.

Melanoma avanzato, nivolumab superiore alla chemioterapia

Il trattamento con nivolumab ha portato a una percentuale di risposta obiettiva superiore, con meno tossicità rispetto alla chemioterapia, in pazienti con un melanoma avanzato che aveva progredito dopo il trattamento con un anti-CTLA-4.