Oncologia ed Ematologia

VIDEO

XX edizione del congresso del GOIM, gli oncologi dell'Italia centro meridionale


Cancro della mammella endocrino responsivo: cosa cambia in terapia con gli inibitori delle cicline


Biospsia liquida: cosa è e quando trova impiego in oncologia


Cancro del pancreas avanzato: quali sono i due standard di cura


Cancro al colon metastatico in fase avanzata: chemioterapia più terapie a bersaglio molecolare


Tumore della mammella HER2 positivo: quali sono gli attuali standard di cura


Terapia del cancro del colon retto metastatico: ruolo degli anticorpi monoclonali


Tumore della mammella triplo negativo: quali sono le attuali possibilità di cura


Chemioterapia neoadiuvante nel cancro della mammella: quando serve?


Tumore della mammella: utilità della soppressione degli estrogeni nella donna in pre menopausa


Metastasi epatiche a seguito di tumore del colon retto: quali sono stati i progressi?


Immunocompromissione, complicanze infettive delle terapie innovative in oncoematologia


Leucemie acute: nuove terapie e gestione delle infezioni fungine


Malattie linfoproliferative: epidemia delle infezioni e nuovi protocolli per ridurne l'impatto


Il progetto PERIPLO: la rete delle reti oncologiche


La Rete oncologica di Piemonte e Valle d'Aosta: un bilancio di 20 anni di lavoro


La Rete oncologica della Toscana: un bilancio di 20 anni di lavoro


Sardegna: cosa è cambiato in Sanità e il lavoro sulla Rete oncologica regionale


La rete oncologica del Lazio: primi risultati del progetto


La rete oncologica pugliese: obiettivi del progetto


La rete oncologica del Veneto: vantaggi per l'assistenza clinica e per la ricerca


La Rete oncologica della Toscana: obiettivi raggiunti e sfide per il futuro


ARTICOLI

Fda: lenvatinib terapia fortemente innovativa per il carcinoma renale

L'Fda ha concesso la designazione di terapia fortemente innovativa per l'inibitore multi-target delle tirosin-chinasi lenvatinib per la terapia del carcinoma a cellule renali.

Leucemia mieloide acuta, bene i primi dati di fase III per CPX-351

"I risultati sono incoraggianti, perché questo è il terzo studio randomizzato nel quale CPX-351 si è dimostrato superiore al regime di confronto, rappresentato da citarabina più un'antraciclina, in termini di percentuale di risposta complessiva" affe[...]

Ca ovarico, mutazioni ADAMTS predittive di sopravvivenza e sensibilità alla chemio

In uno studio pubblicato di recente su JAMA Oncology, le donne con un carcinoma ovarico con mutazioni dei geni ADAMTS si sono dimostrate significativamente più sensibili alla chemioterapia rispetto alle donne con tumori con i geni ADAMTS wild-type.

Ca al polmone, combinazione di tivantinib ed erlotinib non allunga la vita

L'aggiunta dell'inibitore di MET tivantinib a erlotinib potrebbe migliorare la sopravvivenza libera da progressione (PFS), ma non la sopravvivenza globale (OS), nei pazienti con un tumore al polmone non a piccole cellule già trattati in precedenza. L[...]

Combinazione cladribina-citarabina aumenta la sopravvivenza nei bambini con istiocitosi a cellule di Langerhans

In uno studio internazionale di fase II, il trattamento con la combinazione di cladribina e citarabina ha portato ad alte percentuali di sopravvivenza in un gruppo di bambini affetti da istiocitosi a cellule di Langerhans ad alto rischio. Tuttavia, l[...]

Mieloma multiplo, per ixazomib iter regolatorio europeo accelerato

L'Ema ha concesso la procedura di valutazione accelerata per ixazomib per la terapia del mieloma multiplo. Tale procedura è riservata a farmaci realmente innovativi che vanno a colmare un unmet medical need.

Anemia aplastica, parere positivo del Chmp per eltrombopag

Il Chmp dell'Ema ha dato parere favorevole all'approvazione di eltrombopag per il trattamento dei pazienti adulti con anemia aplastica severa che non rispondono in modo adeguato alla terapia immunosoppressiva e non sono eleggibili per il trapianto di[...]

Melanoma metastatico, parere positivo del Chmp per combinazione dabrafenib/trametinib

Il Chmp dell'Ema ha dato parere favorevole all'approvazione della combinazione di dabrafenib e trametinib per il trattamento di pazienti adulti con melanoma non resecabile o metastatico che presentano la mutazione V600 del gene BRAF. La decisione de[...]

Due milioni di italiani hanno sconfitto il cancro. Immunoterapia l'arma per aumentare la sopravvivenza

Il 5% degli italiani vive oggi con una diagnosi di tumore. Sono oltre il doppio rispetto a 22 anni fa, in aumento costante (+3% l'anno). E almeno 1 milione e 800mila persone possono affermare di avere sconfitto la malattia. Si tratta di un vero e pro[...]

Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di brentuximab migliora la risposta

In uno studio di fase II presentato al recente congresso dell’ASCO, a Chicago, l’aggiunta di brentuximab vedotin al regime chemioterapico standard R-CHOP ha portato a una percentuale di risposte obiettive dell’80% dei pazienti con linfoma diffuso a g[...]

Emofilia, nuovo fattore VIII a lunga durata d’azione riduce i tassi di sanguinamento

BAX 855, un nuovo farmaco a lunga durata d’azione per il trattamento dell’emofilia sviluppato da Baxalta (spin out di Baxter), è superiore rispetto al suo predecessore (Advate) nel prevenire i sanguinamenti gravi. Lo dimostrano i dati di uno studio p[...]

Glioblastoma proneurale wild-type, possibile beneficio con bevacizumab in prima linea

Un'analisi retrospettiva dello studio AVAglio (Avastin in Glioblastoma) ha mostrato che un trattamento di prima linea con bevacizumab può fornire un beneficio in termini di sopravvivenza globale (OS) nei pazienti con glioblastoma proneurale con gene [...]

Nausea e vomito da chemioterapia, efficace una sola dose di fosaprepitant

Una singola somministrazione dell’antagonista del recettore della neurochinina 1 (NK1) fosaprepitant può ridurre la necessità di somministrare per più giorni un trattamento antiemetico per la prevenzione della nausea e del vomito da chemioterapia (CI[...]

Leucemia cronica linfatica in recidiva, combinazione ibrutinib-ofatumumab attiva e ben tollerata

La combinazione dell’inibitore della tirosin chinasi di Bruton (BTK) ibrutinib con l’anticorpo monoclonale anti-CD20 ofatumumab si è dimostrata attiva e ben tollerata in pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata, in uno studio pubblicato di [...]

Cancro al seno iniziale HER2+, HR+: TDM-1 meglio di trastuzumab

Il trattamento neoadiuvante con TDM-1 si è dimostrato efficace nel trattamento del cancro al seno HER2-positivo e positivo ai recettori ormonali (HR), associato o meno alla terapia endocrina, rispetto a quello con trastuzumab più la terapia endocrina[...]

Pembrolizumab, approvazione europea nel melanoma avanzato

La Commissione Europea ha approvato pembrolizumab, farmaco della nuovissima classe dei farmaci immunologici anticancro, per il trattamento del melanoma avanzato (non operabile o metastatico) sia come terapia di prima linea, sia in pazienti precedente[...]

Solumetinib non centra l'end point nel melanoma uveale

Delusione in casa AstraZeneca. Oggi l'azienda britannica ha reso noto che l'anticancro sperimentale solumetinib non ha raggiunto l'end point di efficacia (PFS) in uno studio di fase III denominato SUMIT. Nel trial il farmaco veniva usato insieme alla[...]

Carcinoma renale, interrotto in anticipo per conclamata efficacia studio di fase III su nivolumab

Bristol-Myers Squibb ha annunciato che lo studio di fase III, in aperto, randomizzato condotto per valutare nivolumab rispetto a everolimus in pazienti con carcinoma renale avanzato o metastatico, precedentemente trattati, è stato interrotto in antic[...]

Tumore della prostata: al via tour italiano che promuove stili di vita sani nella terza età

In Piemonte, il tumore della prostata colpisce ogni anno circa 4.860 persone (36.000 in tutta Italia). E' la prima neoplasia tra gli uomini di età superiore ai 65 anni, ma 8 cittadini su 10 non sanno che si può prevenire attraverso la conduzione di s[...]

Ca al seno, nuovi indizi sul perché sovraregolazione dei recettori ormonali porta a migliore controllo del tumore

Si inizia a capire perché una sovraegolazione dei recettori ormonali - recettori degli estrogeni (ER) e recettori del progesterone (PR) - permette un migliore controllo tumorale nelle donne colpite da un cancro al seno.