Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Radioterapia nel tumore della prostata, sviluppi e collaborazione con altre specialità


Tumore della prostata, come riconoscerlo e diagnosticarlo precocemente


PDTA come gestione del rischio clinico nel tumore della prostata


Tumore della prostata, la best practice dell'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo


PDTA del tumore della prostata, i risultati ad un anno dall'attivazione all'Ospedale Buccheri La Ferla


Tumore della prostata, all'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è attivo un PDTA certificato


B-SIDE, il primo spettacolo teatrale che porta in scena l'emofilia


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia A: sbarca in Italia emicizumab, si apre una nuova era per i pazienti con inibitori


Emofilia A e inibitori del fattore VIII, cosa sono e come gestire il problema


Qual è la spesa farmaceutica al netto di rimborsi condizionati e pay back?


Il costo del mieloma multiplo nella real life italiana


Il percorso di assistenza e di cura del paziente con mieloma multiplo


Evoluzione nella cura del mieloma multiplo. Il problema delle recidive


Quali sono i problemi che devono affrontare i pazienti guariti da un tumore?


Quale sarà l'impatto dei biosimilari nella realtà italiana? Ce lo rivela uno studio del CEIS


Oncologia italiana a livelli di eccellenza. Aspetti positivi del modello del nostro Paese


Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


ARTICOLI

Ca ovarico, nintedanib aggiunto alla chemio in prima linea ritarda la progressione

L’inibitore delle tirosin chinasi nintedanib in combinazione con la chemioterapia di prima linea con carboplatino e paclitaxel può migliorare in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nelle donne che hanno un tumore ovarico [...]

Tumori: solo il 46% dei pazienti coinvolto nella scelta della terapia

La qualità di vita del paziente colpito da cancro deve guidare la scelta della terapia. Otto oncologi su dieci sostengono infatti che un trattamento con un profilo di tollerabilità peggiore va scelto solo se garantisce una sostanziale superiore effic[...]

Linfoma di Hodgkin, radioterapia sul cuore e dose di antracicline predittive di malattie cv nei sopravvissuti

Nei sopravvissuti a un linfoma di Hodgkin, sia la dose media di radiazioni ricevute dal cuore sia la dose cumulativa di antracicline hanno dimostrato di essere fattori predittivi significativi di problemi cardiovascolari. Lo evidenza un’analisi degli[...]

Ca al polmone, outcome simili con chirurgia e chemioterapia a dosi crescenti

Dopo la chemioterapia di induzione e la chemioradioterapia concomitante, i pazienti con un cancro al polmone non a piccole cellule sottoposti a all’intervento chirurgico hanno mostrato percentuali di sopravvivenza globale (OS) a 5 anni simili a quell[...]

Leucemia mieloide acuta, efficace l’aggiunta di sorafenib alla chemioterapia

L'aggiunta dell’inibitore delle tirosin chinasi sorafenib alla chemioterapia standard con daunorubicina e citarabina per i pazienti più giovani con leucemia mieloide acuta si è dimostrata efficace, ma ha anche portato a un aumento della tossicità nel[...]

Farmaco per la stipsi da oppiodi potenzialmente utile anche come antitumorale

Un farmaco dato comunemente ai malati di cancro per alleviare la stipsi indotta dagli oppioidi si è dimostrato in grado di rallentare la crescita tumorale e potrebbe giocare un ruolo nello sviluppo di nuove terapie farmacologiche, stando ai risultati[...]

Ca orofaringei da HPV, possibile chemioradioterapia di intensità ridotta

I pazienti che hanno tumori orofaringei associati al papillomavirus umano a basso rischio potrebbero essere trattati in modo efficace e sicuro con un regime chemioradioterapico di intensità ridotta, A suggerirlo è uno studio multicentrico di fase II [...]

Tumori ginecologici, outcome migliori aggiungendo metformina alla radioterapia

L'aggiunta di metformina alla radioterapia per il carcinoma endometriale è risultata associata a un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia (DFS) in uno studio retrospettivo presentato al congresso annuale dell'American Soc[...]

Leucemia linfocitica cronica recidivante, idelalisib migliora efficacia di regime con bendamustina e rituximab

A seguito di una raccomandazione da parte di un Comitato di monitoraggio dei dati indipendente (DMC), Gilead Sciences ha annunciato che lo Studio 115 di Fase 3 per la valutazione di idelalisib in aggiunta alla terapia standard nei pazienti affetti da[...]

Terapia ormonale sostitutiva, possibile aumento del rischio di basalioma

Le donne che vanno tardi in menopausa, così come quelle che hanno fatto la terapia ormonale sostitutiva per la menopausa sono a rischio significativamente aumentato di basalioma (o carcinoma basocellulare).

Ca al pancreas, possibile aumento del rischio con gli incretino-mimetici, ma solo nel breve termine

l pazienti affetti da diabete di tipo 2 che hanno iniziato da poco ad assumere ipoglicemizzanti appartenenti alla classe degli incretino-mimetici, di cui fanno parte gli agonisti del GLP-1 e gli inibitori della DPP4, potrebbero essere a maggior risch[...]

Leucemia mieloide cronica, trapianto di staminali offre outcome simili agli inibitori delle tirosin chinasi

Nei pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, con il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche si sono ottenuti risultati di sopravvivenza a 10 anni simili a quelli ottenuti con la terapia farmacologica.

Tumore del seno: -30% di mortalità in 23 anni

693mila donne vivono grazie a diagnosi precoce e nuove terapie. Più di 400mila si sono lasciate la malattia alle spalle. Il prof. Francesco Cognetti: “Va potenziata la ricerca sui marcatori biologici, così potremo selezionare al meglio le pazienti e [...]

Linfoma mantellare, promettente in prima linea la combinazione lenalidomide più rituximab

La combinazione dell'immunomodulatore lenalidomide e dell'anticorpo monoclonale anti-CD20 rituximab come terapia di prima linea in pazienti colpiti da linfoma mantellare in stadio 3-4ha portato a una percentuale complessiva di risposta dell' 87% in u[...]

Leucemia mieloide acuta, condizionamento pre-trapianto di intensità ridotta prolunga la remissione nell'anziano

Il ricorso al trapianto di cellule staminali ematopoietiche con un condizionamento di intensità ridotta si è dimostrato un metodo efficace per mantenere la remissione in un gruppo selezionato di pazienti anziani con leucemia mieloide acuta e si è tra[...]

Ca renale metastatico, studio ‘real-life': efficacia simile per sunitinib e pazopanib in prima linea

Sunitinib e pazopanib hanno mostrato un'efficacia simile come trattamento di prima linea di pazienti con un carcinoma renale metastatico in uno studio osservazionale presentato da poco a Miami, al Kidney International Cancer Symposium.

Tumore del seno, +27% di casi nelle donne under 50 dal 2000

“La mammografia va estesa alle 45enni e alle over 70” Il prof. Francesco Cognetti: “Così potremo salvare più vite. Finora solo Emilia-Romagna e Piemonte hanno ampliato la fascia d'età da coinvolgere. L'innovazione prodotta dalla ricerca ha permesso d[...]

Mieloma multiplo: il 42% dei pazienti italiani è vivo a 5 anni

Nel nostro Paese la sopravvivenza è più alta rispetto al resto d'Europa (39%). Il prof. Fabrizio Pane, presidente Società Italiana di Ematologia (SIE): “Il livello delle cure è eccellente. Già efficace nei tumori solidi, questa nuova arma apre prospe[...]

Steroide riduce il dolore dopo radioterapia per metastasi ossee

La radioterapia palliativa è un trattamento efficace per alleviare il dolore causato da metastasi ossee.

Linfoma di Hodgkin, immunoterapie combinate con anti PD-1 possibile nuova frontiera di cura

La prospettiva di combinare gli inibitori del checkpoint immunitario PD-1 con le terapie esistenti, in particolare brentuximab vedotin, sta emergendo come lo sviluppo forse più promettente per il trattamento dei pazienti con linfoma di Hodgkin.