Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Radioterapia nel tumore della prostata, sviluppi e collaborazione con altre specialità


Tumore della prostata, come riconoscerlo e diagnosticarlo precocemente


PDTA come gestione del rischio clinico nel tumore della prostata


Tumore della prostata, la best practice dell'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo


PDTA del tumore della prostata, i risultati ad un anno dall'attivazione all'Ospedale Buccheri La Ferla


Tumore della prostata, all'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è attivo un PDTA certificato


B-SIDE, il primo spettacolo teatrale che porta in scena l'emofilia


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia A: sbarca in Italia emicizumab, si apre una nuova era per i pazienti con inibitori


Emofilia A e inibitori del fattore VIII, cosa sono e come gestire il problema


Qual è la spesa farmaceutica al netto di rimborsi condizionati e pay back?


Il costo del mieloma multiplo nella real life italiana


Il percorso di assistenza e di cura del paziente con mieloma multiplo


Evoluzione nella cura del mieloma multiplo. Il problema delle recidive


Quali sono i problemi che devono affrontare i pazienti guariti da un tumore?


Quale sarà l'impatto dei biosimilari nella realtà italiana? Ce lo rivela uno studio del CEIS


Oncologia italiana a livelli di eccellenza. Aspetti positivi del modello del nostro Paese


Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


ARTICOLI

Leucemia mieloide cronica, dasatinib in prima linea migliora la risposta molecolare a 2 anni

Pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica trattati con dasatinib in prima linea hanno ottenuto molte più risposte molecolari a 2 anni rispetto a quelli trattati con imatinib nello studio multicentrico di fase III SPIRIT 2, di cui sono st[...]

Tumore al colon-retto, aprepitant reduce nausea e vomito da chemioterapia con oxaliplatino

L'antagonista di NK1 aprepitant sembra efficace nel ridurre la nausea e il vomito nei pazienti in terapia con oxaliplatino, secondo i risultati dello studio SENRI presentato a Barcellona in occasione del 17° World Congress on Gastrointestinal Cancer [...]

Ca colon rettale metastatico, basso BMI predittore di ridotta sopravvivenza

In un'analisi di studi condotti su bevacizumab in pazienti con carcinoma colorettale metastatico, i soggetti con indice di massa corporea (BMI) ridotto mostrano una sopravvivenza generale più breve rispetto ai pazienti con un BMI superiore. Lo studio[...]

Cancro del polmone, afatinib supera erlotinib, studio su Lancet Oncology

Pubblicati su The Lancet Oncology i risultati dello studio LUX-Lung 8, il più ampio studio prospettico di Fase III ad aver confrontato due terapie target dei recettori del fattore di crescita epidermico (EGFR).

Ca colorettale metastatico, cetuximab in seconda linea prolunga PFS nei pazienti senza mutazioni

I pazienti con carcinoma colorettale metastatico che non presentano mutazioni nei geni KRAS, NRAS, BRAF e PIK3CA, mostrano un beneficio significativo se si continua la terapia anti EGFR dopo progressione della malattia a seguito della chemioterapia d[...]

Regorafenib conferma i benefici nei pazienti con Ca colorettale metastatico pretrattati

Lo studio di fase IIIb CONSIGN ha confermato il beneficio di regorafenib nei pazienti pretrattati con carcinoma colo rettale metastatico. Il trial è stato presentato a Barcellona in occasione del 17° Congresso ESMO sui tumori gastrointestinali.

Tumore del polmone: con la immunoterapia un paziente su cinque è vivo a tre anni dalla diagnosi

Il 20% dei pazienti con tumore del polmone in fase avanzata è vivo a tre anni. Un dato ancora più significativo se si considera che riguarda anche i fumatori, i più colpiti da questa malattia (85% dei casi) e che non presentano mutazioni genetiche.

Tumore al seno (sottotipo luminale), terapie più mirate grazie alla valutazione dei livelli di miR-30

Un nuovo approccio al trattamento delle pazienti con carcinoma alla mammella arriva da uno studio condotto dai ricercatori dell’Unità Biomarcatori del Dipartimento di Oncologia Sperimentale e Medicina Molecolare dell’Istituto Nazionale dei Tumori, fi[...]

Carcinoma gastrico, presto in Italia l’antiangiogenesi ramucirumab

Presto disponibile in Italia ramucirumab un nuovo trattamento per l’adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea (GEJ) o gastrico (stomaco) in stadio avanzato.

Presentati i dati del nuovo studio SIRFLOX al Congresso Mondiale sui Tumori Gastrointestinali (WCGIC)

L'aggiunta di microsfere in resina SIR-Spheres con ittrio-90 alla chemioterapia di prima linea in pazienti con metastasi da carcinoma colorettale non-resecabili (mCRC) estende ulteriormente la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nel fegato.

PharmaMar avvia lo studio di Fase III CORAIL per il farmaco antitumorale PM1183 in pazienti affetti da carcinoma ovarico platino-resistente

PharmaMar ha annunciato oggi l'avvio dello studio di Fase III per il farmaco antitumorale PM1183 in pazienti affetti da carcinoma ovarico platino-resistente (PROC). Quando saranno soddisfatti gli obiettivi dello studio, lo studio CORAIL (NCT02421588)[...]

Mieloma multiplo, acido zoledronico ritarda la progressione dei sintomi

L'acido zoledronico non ha avuto alcun effetto antitumorale rispetto al non trattamento nei pazienti con mieloma multiplo e recidiva biochimica asintomatica, ma ha ritardato la progressione dei sintomi e la malattia ossea nello studio AZABACHE, pubbl[...]

Leucemia linfoblastica acuta recidivata/refrattaria, più remissioni con inotuzumab rispetto alla chemio

Il trattamento con il coniugato farmaco-anticorpo anti-CD22 inotuzumab ozagamicin ha più che raddoppiato le percentuali di remissione ematologica completa rispetto alla chemioterapia standard in pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta recid[...]

Ca al seno avanzato, etirinotecan pegol allunga la vita nelle donne già trattate

In alcune pazienti con un cancro al seno avanzato pesantemente pretrattate, etirinotecan pegol sembra essere un'opzione terapeutica efficace. A suggerirlo sono i risultati dello studio internazionale di fase III BEACON (Breast Cancer Outcomes With NK[...]

HPV, una o due dosi del vaccino bivalente protettive come tre

Una o due dosi del vaccino bivalente contro il papillomavirus umano (HPV) sembrano in grado di fornire un livello di protezione contro l'infezione a livello cervicale simile a quella delle tre dosi standard, stando ai risultati di un'analisi post hoc[...]

Mieloma multiplo, nuovo regime continuativo fattibile ed efficace anche nell'anziano

I pazienti anziani sopra i 75 anni con un mieloma multiplo di nuova diagnosi, non idonei al trapianto di staminali, traggono gli stessi benefici di sopravvivenza da un trattamento continuo con lenalidomide e desametasone a basso dosaggio rispetto a q[...]

Mieloma multiplo recidivato, carfilzomib batte lo standard sulla progressione

Un regime contenente carfilzomib ha nuovamente dimostrato una superiorità significativa rispetto al regime standard, rappresentato da bortezomib e desametasone, come trattamento per il mieloma multiplo recidivato.

Ipilimumab, sicure per I tumori solidi anche infusioni più brevi

Infusioni da 30 minuti di ipilimumab sembrano essere sicure quanto le infusioni di durata standard, cioè 90 minuti, per i pazienti con melanoma metastatico e altri tumori solidi, con "un'incidenza accettabilmente bassa di reazioni correlate all'infus[...]

Glioblastoma ricorrente, nessun beneficio continuando bevacizumab anche dopo la progressione

Continuare il trattamento con bevacizumab anche dopo la progressione non conferisce alcun beneficio clinico apparente nei pazienti con glioblastoma ricorrente rispetto all'interruzione del farmaco, stando ai risultati della seconda parte di un trial [...]

Mieloma di nuova diagnosi, il trapianto aumenta la risposta completa stringente

In un piccolo studio presentato al congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), a Chicago, l'inserimento del trapianto autologo di cellule staminali in un regime di trattamento prolungato in pazienti con mieloma multiplo di nuova diag[...]