Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Radioterapia nel tumore della prostata, sviluppi e collaborazione con altre specialità


Tumore della prostata, come riconoscerlo e diagnosticarlo precocemente


PDTA come gestione del rischio clinico nel tumore della prostata


Tumore della prostata, la best practice dell'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo


PDTA del tumore della prostata, i risultati ad un anno dall'attivazione all'Ospedale Buccheri La Ferla


Tumore della prostata, all'Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo è attivo un PDTA certificato


B-SIDE, il primo spettacolo teatrale che porta in scena l'emofilia


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia A: sbarca in Italia emicizumab, si apre una nuova era per i pazienti con inibitori


Emofilia A e inibitori del fattore VIII, cosa sono e come gestire il problema


Qual è la spesa farmaceutica al netto di rimborsi condizionati e pay back?


Il costo del mieloma multiplo nella real life italiana


Il percorso di assistenza e di cura del paziente con mieloma multiplo


Evoluzione nella cura del mieloma multiplo. Il problema delle recidive


Quali sono i problemi che devono affrontare i pazienti guariti da un tumore?


Quale sarà l'impatto dei biosimilari nella realtà italiana? Ce lo rivela uno studio del CEIS


Oncologia italiana a livelli di eccellenza. Aspetti positivi del modello del nostro Paese


Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


ARTICOLI

Ca alla prostata, statine dopo l'intervento potrebbero ridurre il rischio di recidiva

In uno studio osservazionale di tipo retrospettivo su una coorte di uomini sottoposti a prostatectomia radicale, appena pubblicato online su BJU International, l'impiego di statine nel post-operatorio è risultato associato a una riduzione del rischio[...]

Melanoma: prevenzione, diagnosi precoce e nuovi trattamenti

Pubblicati su The Lancet Oncology i dati del più ampio studio mai realizzato su pazienti con melanoma metastatico con mutazione di BRAF che confermano l'efficacia e la sicurezza di vemurafemib, la prima terapia personalizzata per il trattamento della[...]

Enzalutamide, da sola o in combinazione, promettente nel ca mammario avanzato

In uno studio di fase I presentato a Bruxelles durante i lavori di IMPAKT 2014, importante convegno annuale dedicato al cancro al seno, l'antiandrogeno enzalutamide, da solo o in combinazione con un inibitore dell'aromatasi (anastrozolo o letrozolo),[...]

Emofilia: turoctocog alfa riduce nel lungo periodo i sanguinamenti nelle persone con emofilia A

Presentati i risultati preliminari dello studio di fase 3 "Guardian™2" su turoctocog alfa, il primo fattore VIII della coagulazione ricombinante (rFVIII) messo a punto da dieci anni a questa parte e già approvato a fine 2013, sia dalla Fda sia dall'E[...]

Palbociclib attivo, da solo e in combinazione, nel ca al seno HER2+

Le chinasi ciclina-dipendenti (CDK) 4 e 6 si sono dimostrate obiettivi terapeutici validi che agiscono a valle di HER2 in modelli di carcinoma mammario HER2-positivo in uno studio di autori americani appena presentato alla IMPAKT 2014 Breast Cancer C[...]

Ca mammario, dati iniziali promettenti sulla combinazione ridaforolimus più MK-2206

Una combinazione dell'inibitore di mTOR ridaforolimus e del nuovo inibitore di AKT MK-2206 si è dimostrata attiva e ben tollerata in un piccolo gruppo pazienti affette da tumore al seno sia positivo sia negativo ai recettori ormonali, pesantemente pr[...]

Aspirina sotto esame per prevenire la perdita dell'udito causata dal cisplatino

Cancer Research UK ha annunciato l'avvio di un nuovo studio volto a capire se la somministrazione di aspirina a basso dosaggio possa aiutare a prevenire la perdita permanente dell'udito, un effetto collaterale comune tra i pazienti oncologici trattat[...]

Tromboprofilassi nei pazienti oncologici non sempre appropriata

Un nuovo studio multicentrico made in Usa, appena uscito sul Journal of Clinical Oncology mostra che il ricorso alla tromboprofilassi nei pazienti oncologici ricoverati è aumentato molto rispetto a quanto riportato in passato (74%), ma rivela anche [...]

Ca al polmone, modafinil inefficace contro l'affaticamento

Lo psicostimolante modafinil non ha migliorato in modo significativo la fatica nei pazienti con tumore al polmone in un piccolo studio pubblicato online sul Journal of Clinical Oncology. In questo trial, infatti, i pazienti del gruppo in trattamento [...]

Ca polmonare, al via fase III per nuovo anti PD-1 di AstraZeneca

AstraZeneca ha annunciato di aver iniziato uno studio di fase III sul farmaco sperimentale MEDI4736, che appartiene a una classe nota come trattamenti anti-PD-L1, farmaci che stimolano il sistema immunitario con attività antitumorale. Il farmaco verr[...]

Ca polmonare, aggiunta di ganetespib a docetaxel migliora la sopravvivenza

Synta Pharmaceuticals ha annunciato i risultati finali dello studio GALAXY-1 condotto sull'inibitore della heat shock protein 90 (Hsp90) in pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC).

Attività anticancro dell'aspirina: cosa sappiamo?

L'effetto preventivo dell'aspirina nei confronti de cancro colo-rettale (CRC) emerso negli ultimi anni sarà illustrato ai Lincei dall'Accademico Prof. Carlo Patrono nella conferenza "Aspirina, aterotrombosi e cancro" venerdì 9 maggio alle ore 15.00. [...]

Melanoma, risultati positivi per vemurafenib più cobimetinib

La biotech americana Exelixis ha annunciato i risultati completi dello studio di fase Ib BRIM7 condotto per valutare efficacia e sicurezza dell'inibitore di BRAF vemurafenib in combinazione con l'inibitore di MEK cobimetinib in pazienti con melanoma [...]

Ca al colon avanzato, aggiunta di panitumumab alla chemio migliora la sopravvivenza

Il trattamento con l'anti-EGFR panitumumab più mFOLFOX6 ha portato a un miglioramento della sopravvivenza globale (OS) rispetto a quello con l'anti- VEGF bevacizumab più mFOLFOX6 nei pazienti affetti da carcinoma del colon-retto metastatico con genot[...]

Ca alla prostata, tadalafil non previene la disfunzione erettile da radioterapia

Risultato deludente per lo studio RTOG 0831 sull'utilizzo di tadalafil a scopo preventivo negli uomini sottoposti a radioterapia per curare un cancro alla prostata. In questo trial multicentrico di fase III, appena pubblicato sul Journal of the Ameri[...]

Possibile legame tra deficit di vitamina D e ca prostatico aggressivo

Uno studio pubblicato su Clinical Cancer Research evidenzia che la carenza di vitamina D è un indicatore di cancro alla prostata aggressivo e di diffusione della malattia negli uomini europei-americani e afro-americani sottoposti a una prima biopsia [...]

Outcome migliori nei pazienti oncologici con livelli elevati di vitamina D

Un'ampia metanalisi che ha coinvolto più di 17.000 pazienti oncologici, appena pubblicata online sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, conferma che avere alti livelli circolanti di vitamina D al momento in cui viene diagnosticato un t[...]

Le 5 “regole” per affrontare i tumori della testa e del collo

Esperti riuniti all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano hanno tracciato le linee guida, utili per i medici e per i pazienti, per affrontare la radio e la chemioterapia nell'ambito della prima consensus conference internazionale sulle terapie di s[...]

Ca al pancreas metastatico, aggiunta di irinotecan liposomiale a 5-FU e leucovorina allunga la vita

L'aggiunta dell'antitumorale sperimentale MM-398 (sviluppato da Merrimack Pharmaceuticals) a 5-fluorouracile (5-FU) e leucovorina ha permesso di migliorare in modo significativo la sopravvivenza globale (OS) in pazienti con carcinoma pancreatico meta[...]

Ca ovarico platino-resistente, bevacizumab aggiunto alla chemio migliora gli outcome dopo la recidiva

I risultati dello studio AURELIA, fresco di pubblicazione sul Journal of Clinical Oncology, confermano che l'aggiunta di bevacizumab alla chemioterapia standard prolunga la sopravvivenza e alleva i sintomi nelle donne con una recidiva di carcinoma ov[...]