Oncologia ed Ematologia

VIDEO

XX edizione del congresso del GOIM, gli oncologi dell'Italia centro meridionale


Cancro della mammella endocrino responsivo: cosa cambia in terapia con gli inibitori delle cicline


Biospsia liquida: cosa è e quando trova impiego in oncologia


Cancro del pancreas avanzato: quali sono i due standard di cura


Cancro al colon metastatico in fase avanzata: chemioterapia più terapie a bersaglio molecolare


Tumore della mammella HER2 positivo: quali sono gli attuali standard di cura


Terapia del cancro del colon retto metastatico: ruolo degli anticorpi monoclonali


Tumore della mammella triplo negativo: quali sono le attuali possibilità di cura


Chemioterapia neoadiuvante nel cancro della mammella: quando serve?


Tumore della mammella: utilità della soppressione degli estrogeni nella donna in pre menopausa


Metastasi epatiche a seguito di tumore del colon retto: quali sono stati i progressi?


Immunocompromissione, complicanze infettive delle terapie innovative in oncoematologia


Leucemie acute: nuove terapie e gestione delle infezioni fungine


Malattie linfoproliferative: epidemia delle infezioni e nuovi protocolli per ridurne l'impatto


Il progetto PERIPLO: la rete delle reti oncologiche


La Rete oncologica di Piemonte e Valle d'Aosta: un bilancio di 20 anni di lavoro


La Rete oncologica della Toscana: un bilancio di 20 anni di lavoro


Sardegna: cosa è cambiato in Sanità e il lavoro sulla Rete oncologica regionale


La rete oncologica del Lazio: primi risultati del progetto


La rete oncologica pugliese: obiettivi del progetto


La rete oncologica del Veneto: vantaggi per l'assistenza clinica e per la ricerca


La Rete oncologica della Toscana: obiettivi raggiunti e sfide per il futuro


ARTICOLI

Antitumorali orali, quando anche troppo è troppo

Con la diffusione crescente degli antitumorali per via orale, assunti dal paziente al proprio domicilio, si impone il tema della bassa aderenza o dell'aderenza subottimale alle terapie. Ma anche la sovra-aderenza, l'altra faccia della medaglia, potre[...]

Tumori: a Iov Padova nuova 'arma', attacca solo cellule malate

L'Istituto Oncologico Veneto - Iov di Padova dispone da oggi di una nuova "arma" per combattere il tumore. Si tratta dell'acceleratore lineare, installato nell'edificio di radioterapia all'interno del complesso ospedaliero di Via Giustiniani, inaugur[...]

Ponatinib, alt a studio EPIC per aumento trombi

Doveva essere lo studio che avrebbe proiettato in alto le potenzialità cliniche e quindi anche le vendite di ponatinib, un innovativo inibitore delle tirosin chinasi. Lo studio, un trial di fase III denominato EPIC (Evaluation of Ponatinib versus Ima[...]

Tumori neuroendocrini intestino, primi 100 pazienti per studio con medicina nucleare

Cento pazienti sono stati 'reclutati' dall'Advanced Accelerator Applications (AAA), azienda di medicina nucleare e molecolare, per NETTER-1, studio clinico internazionale di fase III per la valutazione dell'effetto del farmaco Lutathera (177Lutetium [...]

Ca al colon, aggiunta di bevacizumab frena la progressione ed è sicura nell'anziano

L'aggiunta di bevacizumab a capecitabina ha dimostrato di rallentare in modo significativo la progressione della malattia nei pazienti anziani con un carcinoma del colon retto metastatico, senza evidenziare problemi di sicurezza imprevisti, nello stu[...]

Ca al pancreas avanzato, aggiunta di nab-paclitaxel a gembcitabina allunga la vita

Una combinazione di paclitaxel legato all'albumina in nanoparticelle (nab-paclitaxel) e gemcitabina ha migliorato in modo significativo rispetto alla sola gemcitabina la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma pancreatico metastatico in un trial di [...]

Linfoma cerebrale, efficace chemio più radioterapia a dosaggio ridotto

Un gruppo di pazienti colpiti da un linfoma primario a livello del sistema nervoso centrale ha mostrato alte percentuali di risposta e un buon controllo della malattia a lungo termine con un regime di chemioterapia seguito da un consolidamento con un[...]

Leucemia ad alto rischio, al via studio americano su linfociti T modificati

L'italiana MolMed annuncia l’arruolamento del primo paziente negli Stati Uniti dando inizio all’espansione cross-Atlantica dello studio clinico registrativo di Fase III (TK008) della terapia genica con cellule TK in pazienti affetti da leucemie ad al[...]

Tumore del pancreas, studio del NEJM conferma nab paclitaxel

I risultati dello studio clinico di fase III,MPACT (Metastatic Pancreatic Adenocarcinoma Clinical Trial) condotto con nab paclitaxel (paclitaxel legato all'albumina in nanoparticelle) in combinazione con gemcitabina, sono stati pubblicati nell'edizio[...]

Leucemia linfatica cronica, alt anticipato a studio su idelalisib più rituximab per evidente efficacia

È stato sospeso prima del previsto lo studio 116, un trial di fase III sulla combinazione tra l'inibitore dell'enzima PI3K-delta idelalisib e l'anticorpo monoclonale rituximab in pazienti con leucemia linfatica cronica (LLC) già trattati, ma non idon[...]

Ca prostatico avanzato ormono-resistente, abiraterone ritarda il dolore e il declino della qualità di vita

L'aggiunta dell'inibitore della sintesi degli androgeni abiraterone acetato a prednisone può ritardare in modo significativo la progressione del dolore e il deterioramento della qualità della vita rispetto al solo steroide negli uomini con un carcino[...]

Emilia Romagna, al via primo registro mondiale sui tumori del cervello

Si chiama “PERNO” (Progetto Emilia-Romagna Neuro Oncologia) ed è il primo registro di popolazione al mondo sui tumori cerebrali. È realizzato in Emilia-Romagna, unica regione in Italia ad aver ottenuto un finanziamento del Ministero della Salute per [...]

APD515 promettente contro secchezza fauci in tumori avanzati

Un farmaco sperimentale noto per ora con la sigla APD515 e sviluppato da Acacia Pharma (azienda specializzata in terapie di supporto) ha ridotto in modo significativo i sintomi della xerostomia, la cosiddetta ‘secchezza delle fauci', rispetto al plac[...]

Colon-retto, mammella, prostata: i tumori più frequenti in Italia

Uno studio condotto dall'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, l'Istituto Superiore di Sanità e l'Associazione Italiana dei Registri Tumori (AIRTUM), descrive la situazione dal 1970 al 2015 dei principali tumori nelle 20 regioni Italiane.

Ca ovarico platino-resistente, aggiunta di vintafolide a doxorubicina frena la progressione

L'aggiunta del farmaco sperimentale vintafolide (MK-8109/EC145 , sviluppato in collaborazione da Merck ed Encyte) a doxorubicina liposomiale pegilata (PLD) ha frenato in modo significativo la progressione della malattia rispetto alla sola PLD, attual[...]

Ca al polmone, nuova immunoterapia mostra benefici in alcuni pazienti

Belagenpumatucel-L, un nuovo vaccino terapeutico contro il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) sviluppato dalla biotech NovaRx, non ha centrato l'endpoint primario, cioè il miglioramento della sopravvivenza globale (OS) in seconda linea[...]

Glioblastoma, chemio intensiva con temozolomide non allunga la vita

La chemoradioterapia intensificata con temozolomide per il trattamento del glioblastoma di nuova diagnosi non ha migliorato la sopravvivenza complessiva né frenato la progressione della malattia in uno studio randomizzato internazionale di fase III, [...]

Ca del pancreas, chemio adiuvante con gemcitabina prolunga la sopravvivenza

Una chemioterapia adiuvante per 6 mesi con gemcitabina ha aumentato in modo significativo sia la sopravvivenza globale (OS) sia la sopravvivenza libera da malattia (DFS) in un gruppo di pazienti che avevano subito una resezione completa di un tumore [...]

Ca al polmone, promettente in un sottogruppo aggiunta di onartuzumab a erlotinib

Onartuzumab, un nuovo anticorpo monoclonale sviluppato da Genentech, che blocca l'attivazione di MET e, di conseguenza, la trasduzione del segnale mediata da questa tirosin chinasi, promette bene come arma contro il tumore al polmone non a piccole ce[...]

Ca al polmone, tivantinib aggiunto a erlotinib delude in fase III, ma non nei pazienti MET+

Sono nel complesso negativi, ma offrono indicazioni interessanti, i risultati dello studio di fase III MARQUEE, nel quale si è valutato l'effetto dell'aggiunta dell'inibitore di MET tivantinib all'anti-EGFR erlotinib in seconda o terza linea nei pazi[...]