Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Leucemia mieloide acuta, arriva in Italia midostaurina


Leucemia mieloide acuta, diagnosi precoce e standardizzata oggi possibile grazie a LabNet


Tumori testa-collo: cosa sono e come riconoscerli precocemente


Una campagna europea di sensibilizzazione sui tumori testa-collo


Cancro, terapie mirate: 100 domande e 100 risposte in un libro AIOM


XX edizione del congresso del GOIM, gli oncologi dell'Italia centro meridionale


Cancro della mammella endocrino responsivo: cosa cambia in terapia con gli inibitori delle cicline


Biospsia liquida: cosa è e quando trova impiego in oncologia


Cancro del pancreas avanzato: quali sono i due standard di cura


Cancro al colon metastatico in fase avanzata: chemioterapia più terapie a bersaglio molecolare


Tumore della mammella HER2 positivo: quali sono gli attuali standard di cura


Terapia del cancro del colon retto metastatico: ruolo degli anticorpi monoclonali


Tumore della mammella triplo negativo: quali sono le attuali possibilità di cura


Chemioterapia neoadiuvante nel cancro della mammella: quando serve?


Tumore della mammella: utilità della soppressione degli estrogeni nella donna in pre menopausa


Metastasi epatiche a seguito di tumore del colon retto: quali sono stati i progressi?


Immunocompromissione, complicanze infettive delle terapie innovative in oncoematologia


Leucemie acute: nuove terapie e gestione delle infezioni fungine


Malattie linfoproliferative: epidemia delle infezioni e nuovi protocolli per ridurne l'impatto


Il progetto PERIPLO: la rete delle reti oncologiche


La Rete oncologica di Piemonte e Valle d'Aosta: un bilancio di 20 anni di lavoro


La Rete oncologica della Toscana: un bilancio di 20 anni di lavoro


ARTICOLI

Bavituximab, nuove conferme in fase II nel NSCLC refrattario

Peregrine Pharmaceuticals ha reso noti nuovi dati di uno studio di fase II condotto sull'anticorpo monoclonale bavituximab in pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC). In base ai nuovi risultati l'azienda ha deciso di iniziare la [...]

Ca cervice uterino, topotecan-paclitaxel non migliora la sopravvivenza

Una nuova doppietta chemioterapica non contenente platino - topotecan più paclitaxel – non ha migliorato la sopravvivenza rispetto alla terapia standard con cisplatino-paclitaxel in un gruppo di pazienti colpite da cancro della cervice uterina avanza[...]

Statine, prospettive antilinfoma dal blocco alla via del mevalonato

Gli inibitori dell'Hmg-CoA reduttasi, ovvero le statine, farmaci ampiamenti impiegati nel trattamento dell'ipercolesterolemia, potrebbero diventare un'arma terapeutica contro il linfoma. Lo dimostrano i risultati di uno studio condotto dalle universi[...]

Mesotelioma, nuova terapia per evitare la chemio

Una nuova strada nella lotta al mesotelioma maligno potrebbe giungere dal Dipartimento di Scienze e innovazione tecnologica di Alessandria. Il team di ricerca ha individuato una combinazione efficace tra ascorbato (vitamina C), l'EGCG (epigallo-catec[...]

Ca testa-collo, aggiunta di gefitinib o erlotinib alla chemio non migliora gli outcome

L'aggiunta di due farmaci mirati – gli inibitori delle tirosin chinasi gefitinib ed erlotinib – alla chemioterapia standard non ha migliorato gli outcome di efficacia in due diversi studi di fase III sul tumore della testa e del collo, appena pubblic[...]

Terapie innovative, ricerca e qualità di vita: le eccellenze del modello lombardo in Ematologia

La Rete Ematologica Lombarda, cui aderiscono oltre 107 strutture regionali, è un modello di riferimento nazionale che permette ai pazienti di beneficiare dei migliori percorsi diagnostico-terapeutici e di accedere alle terapie più innovative.

Da Lancet Oncology conferme per tosedostat nella leucemia mieloide acuta

La rivista specializzata Lancet Oncology ha pubblicato i risultati di fase 2 dello studio OPAL su tosedostat, condotto su pazienti anziani con leucemia mieloide acuta (LMA), recidivata o refrattaria. Lo studio ha dimostrato che tosedostat, somministr[...]

Tumori al seno: forte aumento in giovani di 25-34 anni

Aumentano i casi di tumore del seno in donne giovani tra i 25 ed i 39 anni, e si impennano addirittura del triplo i casi nella stessa fascia di età di cancro già con metastasi, in stadio avanzato: a lanciare l'allarme è un nuovo studio Usa pubblicato[...]

Ca al seno, anti-HER2 potrebbero essere utili anche nelle donne HER2-negative

Nel cancro al seno, i farmaci mirati anti-HER2, come trastuzumab, potrebbero essere utili a un gruppo di donne più ampio rispetto a quello che presenta un'amplificazione del gene HER2, gruppo al quale va limitato l'uso di tali agenti secondo le attua[...]

Glioblastoma, cilengitide delude in studio di fase III

L'inibitore delle integrine con proprietà anti-angiogenetiche, cilengitide, non ha raggiunto l'endpoint prinicipale dello studio di fase III CENTRIC (aumento sopravvivenza generale) in pazienti con glioblastoma multiforme di nuova diagnosi e promotor[...]

Terapia cellulare italiana efficace nelle leucemie acute

Grazie a una terapia sperimentale fatta con linfociti T attivati, il trapianto da donatore familiare parzialmente compatibile è sovrapponibile per sopravvivenza globale e sopravvivenza libera da malattia, rispetto a quelli ottenuti con il trapianto [...]

Leucemia mieloide acuta, rischio aumentato con la chemio

La chemioterapia ha aumentato i tassi di sopravvivenza e migliorato gli outcome di molti tumori, ma tra i suoi svantaggi vi è l'aumento del rischio di indurre una leucemia. A confermarlo è uno studio osservazionale appena pubblicato online sulla rivi[...]

Chemioprevenzione per un anno con erlotinib e celecoxib promettente nel ca testa-collo

In uno studio preliminare di fase I appena pubblicato su Clinical Cancer Research, un trattamento chemiopreventivo per un anno con erlotinib e celecoxib ha fatto regredire in modo significativo le lesioni precancerose da cui prende origine il tumore [...]

Ca prostatico metastatico, aggiunta di aflibercept a docetaxel non migliora gli outcome

L'aggiunta dell'inibitore del VEGF aflibercept a docetaxel e prednisone in prima linea non migliora la sopravvivenza né, in generale, gli altri outcome negli uomini che hanno un cancro alla prostata ormonoresistente già in fase metastatica. È questo [...]

Linfoma non-Hodgkin, bendamustina più rituximab raddoppia la PFS

I risultati di uno studio pubblicato oggi su The Lancet dimostrano che l’associazione bendamustina più rituximab – in pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente e mantellare – raddoppia la sopravvivenza libera da progressione di malattia, rispetto al[...]

Ca renale metastatico, axitinib frena la progressione più di sorafenib in prima linea

Nei pazienti con carcinoma a cellule renali (CCR) metastatico, il trattamento di prima linea con l'inibitore delle tirosin chinasi di nuova generazione axitinib ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione (PFS) rispetto a sorafenib, ma non [...]

Ca prostatico avanzato ormonoresistente, steroidi riducono i benefici della terapia

I pazienti con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione chimica (mCRPC) in trattamento con enzalutamide o placebo hanno mostrato una sopravvivenza inferiore se trattati con corticosteroidi, a prescindere dal trattamento di base. L[...]

Ca prostatico avanzato, aggiunta di dasatinib a docetaxel non allunga la vita

L'aggiunta di dasatinib alla terapia standard con docetaxel non ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) e la maggior parte degli altri endpoint clinici rispetto al solo docetaxel in un gruppo di uomini con tumore alla prostata metastatico resiste[...]

Sindromi mielodisplastiche, entro il 2018 saranno disponibili 5 nuovi farmaci

Entro il 2018 verranno lanciati cinque nuovi farmaci per il trattamento delle sindromi mielodisplastiche (SMD), tre dei quali saranno terapie di seconda linea per la cura dei pazienti ad alto rischio, refrattari al trattamento in prima linea con agen[...]

Tivozanib come sorafenib sulla sopravvivenza generale nel ca a cellule renali

Tivozanib, un antiangiogensi sperimentale che agisce contro tutte e tre le forme del recettore del fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), ha mostrato effetti simili a quelli di sorafenib sulla sopravvivenza generale dei pazienti con carcin[...]