Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Emofilia in a Day, un giorno normale ma anche un po' speciale raccontato in un video


Malattia emolitica del neonato, 50 anni dalla scoperta dell'immunoprofilassi. Cosa resta da fare


Tumore al seno HER2+, rischio recidiva dimezzato con TDM-1 adiuvante


Tumore al polmone avanzato, presente e futuro delle terapie di combinazione


Cancro al seno iniziale, con il test Oncotype DX chemio evitabile nella maggior parte dei casi


Oncologia di precisione: una rivoluzione nella cura dei tumori


Biopsia liquida, che cos’è e a cosa serve


Terapia neoadiuvante del tumore della mammella, il presente e il futuro


Tumore al fegato avanzato, come si cura?


Tumore al fegato avanzato, l’Ema approva cabozantinib


Il ruolo delle nanotecnologie nel trattamento del tumore al seno


Il ruolo delle nanotecnologie nel trattamento del tumore al seno


Tumore al polmone ALK+, migliorare l'accesso ai test molecolari con il progetto CENTROperCENTO


Tumore al polmone, test molecolari: cosa sono, a cosa servono, chi li deve fare


Carcinoma uroteliale metastatico, l'importanza del team multidisciplinare


Accesso ai farmaci oncologici innovativi: a che punto siamo?


Carcinoma uroteliale metastatico, cambio di marcia con l’immunoterapia


Il presente e il futuro del trattamento del carcinoma uroteliale


Mieloma multiplo, in 15 anni sopravvivenza quadruplicata. La sfida si vince con la ricerca


La terapia del mieloma multiplo: una strategia di combinazione per tenere la malattia sotto controllo


Mieloma multiplo, come vivere una vita piena nonostante la malattia


L'emofilia in scena a teatro, per andare oltre la malattia


ARTICOLI

Tumore al pancreas: promettenti risultati da un vaccino terapeutico

Un vaccino terapeutico contro il cancro del pancreas ha dato buoni risultati in una sperimentazione su pazienti di fase II. Sviluppato dalla NewLink Genetics Corporation, il vaccino si chiama Algenpantucel-L e la sua funzione e' quella di stimolare i[...]

Tivozanib meglio di sorafenib nel ca a cellule renali

Tivozanib, un antiangiogensi sperimentale che agisce contro tutte e tre le forme del recettore del fattore di crescita endoteliale vascolare, è risultato superiore al collaudato sorafenib nel trattamento del carcinoma a cellule renali in fase avanzat[...]

L'acido folico potrebbe aver ridotto alcuni tumori infantili

L'acido folico (una vitamina del gruppo B) potrebbe aiutare a ridurre alcuni tumori infantili. Iinfatti, uno studio retrospettivo americano pubblicato sull'ultimo numero di Pediatrics ha evidenziato un'associazione tra l'aggiunta di acido folico ai p[...]

Tumore al polmone, sorafenib non raggiunge l'end point primario

Bayer HealthCare Pharmaceuticals ha reso noto che in uno studio di fase III condotto in pazienti con tumore al polmone non a piccole cellule l'anticancro sorafenib non ha raggiunto l'end point primario costituito dalla sopravvivenza globale. E' inv[...]

Axitinib efficace anche in prima linea nel ca a cellule renali

L'inibitore dell'angiogenesi axitinib potrebbe essere utile per il trattamento del carcinoma a cellule renali anche nei pazienti mai trattati in precedenza. A suggerirlo è uno studio randomizzato di fase II che sarà presentato al prossimo congresso d[...]

Le statine potrebbero essere utili nell'ipertrofia prostatica benigna

Le statine potrebbero essere utili per frenare l'aumento di volume della prostata nei pazienti con ipertrofia prostatica benigna (IBP) e livelli elevati di PSA. A suggerirlo è un'analisi condotta da un team di ricercatori del Duke University Medical [...]

Dabrafenib promettente nel melanoma avanzato con metastasi cerebrali

In uno studio di fase I appena pubblicato su The Lancet, dabrafenib, un inibitore selettivo della protein chinasi BRAF mutata sviluppato da GlaxoSmithKline, si è dimostrato attivo e sicuro in pazienti con tumori solidi incurabili, specie quelli con m[...]

Pazopanib frena la progressione nel sarcoma dei tessuti molli metastatico

Nei pazienti colpiti sarcoma dei tessuti molli metastatico già trattati senza successo con la chemioterapia standard, un trattamento di seconda linea con pazopanib ha migliorato di 3 mesi la sopravvivenza libera da progressione (PFS). È questo l'esit[...]

Nsclc, possibile relazione tra effetto della chemio sulla sopravvivenza e dimensione del tumore

Potrebbe esserci una correlazione positiva tra dimensione del tumore ed effetto della chemioterapia adiuvante a base di platino nei pazienti sottoposti a resezione chirurgica per un tumore al polmone non a piccole cellule (Nsclc) con linfonodi negati[...]

Cancro al rene, temsirolimus delude verso sorafenib

Pfizer ha reso noti i dati preliminari di uno studio di fase III nel quale il farmaco oncologico temsirolimus non ha raggiunto l'end point primario di prolungare la sopravvivenza senza progressione rispetto a sorafenib. Sebbene vi sia stata una diffe[...]

Aspirina può proteggere le donne dal melanoma

Il rischio di melanoma maligno è diminuito di oltre il 20% nelle donne arruolate nello studio Women's Health Initiative (WHI) che hanno riferito di prendere l'aspirina. Lo rivela una nuova analisi di questo storico studio, appena presentata al congre[...]

Cancro endometriale: due terapie a confronto

La combinazione di carboplatino e taxolo risulta ugualmente efficace e meno tossica rispetto alla normale combinazione chemioterapica doxorubicina, cisplatino e taxolo nel trattamento di pazienti con carcinoma endometriale ricorrente o metastatico, l[...]

Next Generation Sequencing, terapie personalizzate contro le leucemie

Identificare le lesioni del DNA all'origine delle malattie onco-ematologiche per individuare la terapia mirata più efficace e specifica per ogni singolo paziente: un traguardo un tempo impensabile, oggi facilitato da piattaforme di sequenziamento del[...]

Mieloma multiplo, mantenimento con lenalidomide ritarda la progressione

Nei pazienti affetti da mieloma multiplo, una terapia di mantenimento prolungata con lenalidomide ritarda la ricaduta. Lo dimostrano tre studi clinici di fase III appena pubblicati sul New England Journal of Medicine. In tutti e tre gli studi, il man[...]

Tumore del fegato, rischio tre volte superiore se si hanno precedenti in famiglia

Con un parente di primo grado che ha avuto un tumore del fegato, il rischio di sviluppare la stessa neoplasia aumenta di tre volte. E' quanto emerge da una ricerca italiana pubblicata nel numero di maggio di Hepatology, una rivista scientifica dell'A[...]

Nsclc avanzato, nab paclitaxel meglio di paclitaxel in solvente

Secondo uno studio internazionale di fase III, uscito da poco sul Journal of Clinical Oncology, nei pazienti affetti da cancro al polmone non a piccole cellule avanzato è meglio usare una formulazione di paclitaxel legato all'albumina in nanoparticel[...]

Rituximab, risposte durature nella porpora trombocitopenica autoimmune

Con il biologico rituximab si ottiene una risposta terapeutica che dura almeno 5 anni in circa un quarto dei pazienti affetti porpora trombocitopenica autoimmune (idiopatica) cronica (PTA), caratterizzata da una bassa conta piastrinica e quindi un el[...]

Tumori neuroendrocrini, al via in Italia primo studio mondiale su nuova terapia

Colpiscono ogni anno 1.200 persone, con diagnosi spesso infauste. Al queste rare forme di cancro è dedicato il X Seminario ITMO (Italian Trials in Medical Oncology) dal titolo Neoplasie a bassa incidenza che si svolge oggi al Policlinico di Monza. Il[...]

Trattamento trimodale migliora la sopravvivenza in pazienti con cancro al polmone

Più della metà dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) sottoposti a chemioterapia a base di cisplatino e radioterapia, dopo resezione chirurgica (trattamento trimodale) ha raggiunto la sopravvivenza a 5 anni, secondo uno st[...]

Donne in remissione dal cancro al seno: peggiori i risultati cognitivi

Le donne in remissione dal cancro al seno che sono state sottoposte a chemioterapia, a radiazioni, o entrambi, rispondono diversamente ai test cognitivi rispetto alle donne che non hanno avuto il cancro. Lo confermerebbe uno studio pubblicato sulla r[...]