Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Linfoma follicolare ritrattato, lenalidomide aggiunta a rituximab allontana la progressione


Beta-talassemia, luspatercept riduce il bisogno di trasfusioni nei pazienti anemici


Sindromi mielodisplastiche, con luspatercept servono meno trasfusioni nei pazienti anemici


Linfoma follicolare, obinutuzumab si conferma meglio di rituximab nel ritardare la progressione


Linfoma diffuso a grandi cellule B, aggiunta di polatuzumab può raddoppiare la sopravvivenza nei casi non idonei al trapianto


Nuovi dati dal congresso ASH sugli anticorpi bispecifici


Novità dal congresso ASH sul trattamento del mieloma multiplo


Leucemia mieloide acuta ricaduta/refrattaria, quali novità dal congresso ASH 2018?


CAR T cells, quali novità dal congresso ASH?


Sindromi mielodisplastiche, terapia ferro-chelante con deferasirox allunga la sopravvivenza senza eventi


Emofilia in a Day, un giorno normale ma anche un po' speciale raccontato in un video


Malattia emolitica del neonato, 50 anni dalla scoperta dell'immunoprofilassi. Cosa resta da fare


Tumore al seno HER2+, rischio recidiva dimezzato con TDM-1 adiuvante


Tumore al polmone avanzato, presente e futuro delle terapie di combinazione


Cancro al seno iniziale, con il test Oncotype DX chemio evitabile nella maggior parte dei casi


Oncologia di precisione: una rivoluzione nella cura dei tumori


Biopsia liquida, che cos’è e a cosa serve


Terapia neoadiuvante del tumore della mammella, il presente e il futuro


Tumore al fegato avanzato, come si cura?


Tumore al fegato avanzato, l’Ema approva cabozantinib


Il ruolo delle nanotecnologie nel trattamento del tumore al seno


Il ruolo delle nanotecnologie nel trattamento del tumore al seno


ARTICOLI

Tumore al seno, positiva la fase III per lipegfilgrastim

Teva Pharmaceutical ha annunciato che lipegfilgrastim al termine dello studio di Fase III condotto per valutare l’efficacia e la sicurezza in confronto con il pegfilgrastim ha dimostrato un effetto clinicamente significativo nella riduzione della dur[...]

Metabolismo tumorale e terapia anti-angiogenica, italiani scoprono la relazione

E' dedicata a un'equipe di ricercatori dell'stituto Oncologico Veneto la copertina della prestigiosa rivista internazionale Cancer Research: in questo numero i ricercatori presentano i risultati di uno studio che dimostra che i tumori con un elevato [...]

Fermare la proteina più antica del mondo per sconfiggere i tumori

I ricercatori del San Raffaele di Milano, in collaborazione con IFOM-IEO di Milano e l'Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”, hanno scoperto che la modulazione di eIF6, proteina fondamentale per la crescita delle cellule tumorali, deter[...]

Radiofarmaco sperimentale efficace contro i tumori neuroendocrini

Un nuovo radiopeptide estremamente potente, chiamato 213Bi-DOTATOC, si è dimostrato efficace nel colpire i tumori neuroendocrini e indurre la remissione delle metastasi, senza effetti avversi gravi, in uno studio preliminare presentato al congresso a[...]

Mieloma multiplo, dall'ASCO risultati positivi con carfilzomib

Carfilzomib, un inibitore del proteasoma di nuova generazione, utilizzato sia da solo sia in combinazione con altri farmaci, sembra essere efficace nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. E' quanto emerso da tre studi presentati [...]

LMC, sopravvivenza migliora con dasatinib

Nuove conferme dell'efficacia di dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica (CP-LMC) resistenti o intolleranti alla attuale terapia standard con imatinib. A cinque anni dalla diagnosi la[...]

Cediranib, risultati positivi nel sarcoma dei tessuti molli

Il farmaco sperimentale cediranib ha dato risultati positivi in uno studio condotto in pazienti con sarcoma dei tessuti molli. Il trial, condotto da scienziati che lavorano al National Cancer Institute, organizzazione parte del National Institutes of[...]

Mieloma multiplo, pomalidomide efficace anche nei pretrattati

In occasione dell'ASCO di Chicago sono stati presentati i risultati di uno studio di fase II condotto su pomalidomide, un derivato della talidomide, in pazienti che presentavano una recidiva di mieloma multiplo e che erano stati precedentemente tratt[...]

Luci e ombre su cetuximab più chemio nel ca colon avanzato

Risultati in chiaro scuro per cetuximab al meeting ASCO di quest'anno, a Chicago. I dati, contrastanti, provengono dallo studio COIN, appena presentato al congresso e contestualmente pubblicato su The Lancet, e da un'analisi retrospettiva dello studi[...]

Ruxolitinib promette bene contro la mielofibrosi

Nello studio internazionale di fase III COMFORT-II, il JAK-inibitore sperimentale ruxolitinib (noto anche come INC424 e sviluppato in collaborazione da Novartis e Incyte) ha portato a una riduzione significativa della splenomegalia e migliorato signi[...]

Ridaforolimus, fase III conferma efficacia nel sarcoma

In occasione del meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago, sono stati presentati i risultati dettagliati dello studio SUCCEED che ha valutato l'efficacia di ridaforolimus in pazienti con sarcoma osseo e dei[...]

Positivi i dati in oncologia con l'anticoagulante semuloparina

Il rischio di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare viene ridotto del 67% nei pazienti con tumore trattati con chemioterapia e protetti con il farmaco anticoagulante sperimentale semuloparina, un'eparina sperimentale a bassissimo peso molecol[...]

Radiofarmaco migliora la sopravvivenza nel ca alla prostata

Bayer Healthcare ha annunciato oggi che lo studio di fase III ALSYMPCA (ALpharadin in SYMptomatic Prostate CAncer) che valuta il farmaco sperimentale di Bayer a base di cloruro di radio-223 (Alpharadin) in pazienti con cancro della prostata ormono re[...]

Abagovomab delude nel ca ovarico

L’anticorpo monoclonale abagovomab, farmaco di ricerca del gruppo Menarini, non migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nelle donne con carcinoma ovario avanzato. Delude quindi le aspettative lo studio di fase II/[...]

Melanoma avanzato, vemurafenib migliora la sopravvivenza

Nei pazienti con melanoma metastatico positivo alla mutazione del gene BRAF V600, il trattamento con il BRAF-inibitore vemurafenib ha dimostrato di aumentare notevolmente la sopravvivenza globale e di ritardare la progressione della malattia rispetto[...]

Pemetrexed frena la progressione nel NSCLC non squamoso avanzato

Eli Lilly ha scelto la vetrina del congresso annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), in corso a Chicago, per presentare i risultati dello studio multicentrico di fase III PARAMOUNT, nel quale pemetrexed (Alimta) come terapia di man[...]

Dall'ASCO conferme per imatinib nei tumori GIST

In occasione del 47a congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), Novartis ha presentato una serie di nuovi dati che evidenziano significativi miglioramenti, nella percentuale di sopravvivenza libera da recidive come in quella di sopr[...]

Melanoma, con ipilimumab, più sopravvivenza anche nei naive

L’anticorpo monoclonale ipilimumab associato al trattamento chemioterapico tradizionale, la dacarbazina, ha dimostrato di migliorare in maniera significativa la sopravvivenza dei pazienti colpiti da melanoma nella forma metastatica. I dati dello stud[...]

Tumore al seno, rischio ridotto del 65% con exemestane

A Chicago, in occasione dell'ASCO 2011, il 47° Meeting Annuale dell'American Society of Clinical Oncology, sono stati presentati i risultati di uno studio di fase III in cui il farmaco oncologico exemestane ha ridotto del 65% il rischio di sviluppare[...]

Tumore dell’ovaio, bevacizumab migliora del 50% la chemioterapia

All'ASCO sono stati presentati i risultati di OCEANS, uno studio di fase III per la valutazione di bevacizumab in combinazione con la chemioterapia (carboplatino e gemcitabina) seguito dall’uso continuato di bevacizumab in monoterapia in donne affett[...]