Oncologia ed Ematologia

VIDEO

Importanza della diagnostica molecolare per la cura delle leucemie acute


Leucemia linfatica cronica, come cambia la terapia con ibrutinib e venetoclax


Il ruolo del farmacista ospedaliero nella gestione delle terapie onco-ematologiche


Leucemie mieloidi acute: i nuovi scenari terapeutici


Linfoma follicolare, le prospettive di cura attuali e future


Mieloma multiplo, cosa si sta facendo in Lombardia per migliorare cura e assistenza


Leucemie mieloidi acute a buona prognosi, come si curano?


Sindromi mielodisplastiche, le evoluzioni della terapia e il ruolo della diagnostica molecolare


Trapianto di cellule staminali emopoietiche, le ultime novità


Mieloma multiplo, quali sono i primi sintomi e come si arriva alla diagnosi?


Mieloma multiplo, cosa significa convivere con la malattia?


Non mollare mai, la metafora della scherma per spiegare il duello quotidiano contro il mieloma multiplo


Tumore ovarico, al via la 32a riunione del gruppo MITO


Tumore ovarico, gli studi più importanti del gruppo MITO


L’impatto delle terapie a bersaglio molecolare sulla chirurgia del carcinoma ovarico


Tumore ovarico, al via lo studio italiano MITO 30


Tumore ovarico, il ruolo della chirurgia nella recidiva platino-sensibile


Il ruolo della chirurgia e del test BRCA nel carcinoma ovarico


Il ruolo del patologo nella diagnosi e nel monitoraggio del tumore ovarico


Tumore ovarico, cronicizzare la malattia è un obiettivo raggiungibile?


L'immunoterapia per i tumori dell'endometrio e della cervice uterina


Le ultime novità nel trattamento di prima linea del tumore ovarico


ARTICOLI

Aflibercept più FOLFIRI allunga la vita nel ca del colon avanzato

Aggiungere la proteina di fusione aflibercept alla tripletta FOLFIRI, formata da 5-fluorouracile, leucovorina e irinotecan, permette di migliorare la sopravvivenza e le percentuali di risposta rispetto al solo FOLFIRI nei pazienti con carcinoma del c[...]

Novità dall'ASCO di Chicago, cambia l'approccio terapeutico ai GIST

Cambia l'approccio terapeutico ai GIST, i tumori dello stroma intestinale. Il trattamento per tre anni con imatinib in terapia adiuvante, ovvero dopo l'intervento chirurgico di asportazione della massa tumorale, aumenta il tempo di sopravvivenza libe[...]

Vismodegib bene in fase II contro il ca basocellulare

Il farmaco sperimentale vismodegib ha dato buoni risultati in uno studio di fase II su pazienti colpiti da carcinoma basocellulare avanzato (il più comune tumore della pelle), non candidabili alla chirurgia. Ad annunciarlo sono Roche e il suo partner[...]

Tumore al seno, positiva la fase III per lipegfilgrastim

Teva Pharmaceutical ha annunciato che lipegfilgrastim al termine dello studio di Fase III condotto per valutare l’efficacia e la sicurezza in confronto con il pegfilgrastim ha dimostrato un effetto clinicamente significativo nella riduzione della dur[...]

Metabolismo tumorale e terapia anti-angiogenica, italiani scoprono la relazione

E' dedicata a un'equipe di ricercatori dell'stituto Oncologico Veneto la copertina della prestigiosa rivista internazionale Cancer Research: in questo numero i ricercatori presentano i risultati di uno studio che dimostra che i tumori con un elevato [...]

Fermare la proteina più antica del mondo per sconfiggere i tumori

I ricercatori del San Raffaele di Milano, in collaborazione con IFOM-IEO di Milano e l'Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”, hanno scoperto che la modulazione di eIF6, proteina fondamentale per la crescita delle cellule tumorali, deter[...]

Radiofarmaco sperimentale efficace contro i tumori neuroendocrini

Un nuovo radiopeptide estremamente potente, chiamato 213Bi-DOTATOC, si è dimostrato efficace nel colpire i tumori neuroendocrini e indurre la remissione delle metastasi, senza effetti avversi gravi, in uno studio preliminare presentato al congresso a[...]

Mieloma multiplo, dall'ASCO risultati positivi con carfilzomib

Carfilzomib, un inibitore del proteasoma di nuova generazione, utilizzato sia da solo sia in combinazione con altri farmaci, sembra essere efficace nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. E' quanto emerso da tre studi presentati [...]

LMC, sopravvivenza migliora con dasatinib

Nuove conferme dell'efficacia di dasatinib nel trattamento dei pazienti adulti con Leucemia Mieloide Cronica Philadelphia + in fase cronica (CP-LMC) resistenti o intolleranti alla attuale terapia standard con imatinib. A cinque anni dalla diagnosi la[...]

Cediranib, risultati positivi nel sarcoma dei tessuti molli

Il farmaco sperimentale cediranib ha dato risultati positivi in uno studio condotto in pazienti con sarcoma dei tessuti molli. Il trial, condotto da scienziati che lavorano al National Cancer Institute, organizzazione parte del National Institutes of[...]

Mieloma multiplo, pomalidomide efficace anche nei pretrattati

In occasione dell'ASCO di Chicago sono stati presentati i risultati di uno studio di fase II condotto su pomalidomide, un derivato della talidomide, in pazienti che presentavano una recidiva di mieloma multiplo e che erano stati precedentemente tratt[...]

Luci e ombre su cetuximab più chemio nel ca colon avanzato

Risultati in chiaro scuro per cetuximab al meeting ASCO di quest'anno, a Chicago. I dati, contrastanti, provengono dallo studio COIN, appena presentato al congresso e contestualmente pubblicato su The Lancet, e da un'analisi retrospettiva dello studi[...]

Ruxolitinib promette bene contro la mielofibrosi

Nello studio internazionale di fase III COMFORT-II, il JAK-inibitore sperimentale ruxolitinib (noto anche come INC424 e sviluppato in collaborazione da Novartis e Incyte) ha portato a una riduzione significativa della splenomegalia e migliorato signi[...]

Ridaforolimus, fase III conferma efficacia nel sarcoma

In occasione del meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO) in corso a Chicago, sono stati presentati i risultati dettagliati dello studio SUCCEED che ha valutato l'efficacia di ridaforolimus in pazienti con sarcoma osseo e dei[...]

Positivi i dati in oncologia con l'anticoagulante semuloparina

Il rischio di trombosi venosa profonda ed embolia polmonare viene ridotto del 67% nei pazienti con tumore trattati con chemioterapia e protetti con il farmaco anticoagulante sperimentale semuloparina, un'eparina sperimentale a bassissimo peso molecol[...]

Radiofarmaco migliora la sopravvivenza nel ca alla prostata

Bayer Healthcare ha annunciato oggi che lo studio di fase III ALSYMPCA (ALpharadin in SYMptomatic Prostate CAncer) che valuta il farmaco sperimentale di Bayer a base di cloruro di radio-223 (Alpharadin) in pazienti con cancro della prostata ormono re[...]

Abagovomab delude nel ca ovarico

L’anticorpo monoclonale abagovomab, farmaco di ricerca del gruppo Menarini, non migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nelle donne con carcinoma ovario avanzato. Delude quindi le aspettative lo studio di fase II/[...]

Melanoma avanzato, vemurafenib migliora la sopravvivenza

Nei pazienti con melanoma metastatico positivo alla mutazione del gene BRAF V600, il trattamento con il BRAF-inibitore vemurafenib ha dimostrato di aumentare notevolmente la sopravvivenza globale e di ritardare la progressione della malattia rispetto[...]

Pemetrexed frena la progressione nel NSCLC non squamoso avanzato

Eli Lilly ha scelto la vetrina del congresso annuale dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), in corso a Chicago, per presentare i risultati dello studio multicentrico di fase III PARAMOUNT, nel quale pemetrexed (Alimta) come terapia di man[...]

Dall'ASCO conferme per imatinib nei tumori GIST

In occasione del 47a congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), Novartis ha presentato una serie di nuovi dati che evidenziano significativi miglioramenti, nella percentuale di sopravvivenza libera da recidive come in quella di sopr[...]